Andrea della Robbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Andrea Della Robbia)
Le lunette dello Spedale degli Innocenti
La Pala nella Cappella delle Stimmate, Santuario della Verna

Andrea della Robbia (Firenze, 20 ottobre 1435Firenze, 1525/1528) è stato uno scultore e ceramista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di Luca della Robbia, ovvero figlio di suo fratello Marco, fu come lui specializzato nella tecnica della ceramica policroma invetriata, inventata dallo zio.

Portò a grandissima diffusione l'arte della terracotta invetriata divenendo il capobottega dell'officina ereditata da suo zio. A differenza del famoso predecessore, non era però propriamente uno scultore e si ispirò più alla pittura contemporanea che alla scultura, come la bottega di Verrocchio e i suoi allievi.

Le sue opere, spesso in bicromia bianco/blu, sono sparse nelle chiese e nei palazzi di tutta la Toscana ed in Umbria.
Fra quelle più riuscite sono le grandi tavole nel Santuario della Verna e la lunetta coi Santi Francesco e Domenico nella loggia di San Paolo a Firenze. Sue sono anche le belle lunette con i bambini che coronano armoniosamente le arcate dello Spedale degli Innocenti.
Al Museo del Bargello di Firenze si conservano numerose sua opere, tra cui un Ritratto di fanciulla.
Un grande ancona dedicata all'Incoronazione della Vergine è custodita nella Chiesa abbaziale di Santa Maria Assunta a La Spezia.

Altra sua opera è custodita presso la chiesa di Santa Maria del Gesù a Trapani : la cosiddetta Madonna degli Angeli, commissionatagli dalla famiglia Staiti. Una grandissima pala (320x230 cm) della Natività (1487) si trova a Militello in Val di Catania presso il Santuario di Santa Maria della Stella. L'opera giunse a Palermo da Pisa via mare in 17 casse, indi fu trasportata coi carri a Militello. Il trasporto costò più del compenso corrisposto allo scultore.

Alcune opere sue o di bottega sono custodite alla Pinacoteca Comunale di Città di Castello, tra cui un'Assunzione della Vergine di notevoli dimensioni.

Rispetto al suo predecessore il suo stile è più idealizzato e, forse, meno sperimentale.

Andrea ebbe cinque fratelli e tre figli, fra i quali il più talentuoso fu Giovanni che proseguì con successo l'attività della bottega di famiglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., I della Robbia e l'arte nuova della scultura invetriata. Catalogo della mostra, Giunti Editore, Firenze 1998
  • I Della Robbia. Il dialogo tra le Arti del Rinascimento, a cura di Giancarlo Gentilini con la collaborazione di Liletta Fornasari, cat. di mostra, Milano, Skira, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN215959685 · ISNI (EN0000 0000 8085 5017 · SBN IT\ICCU\NAPV\064203 · LCCN (ENn84057421 · GND (DE118679368 · ULAN (EN500030958 · CERL cnp00584690