Moschea Eyüp Sultan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moschea Eyüp Sultan
İstanbul 5999.jpg
Minareti della moschea
Stato Turchia Turchia
Località Istanbul
Religione Islam
Stile architettonico architettura ottomana
Completamento 1458. Ricostruita nel 1800.

Coordinate: 41°02′52.61″N 28°56′01.63″E / 41.047947°N 28.933786°E41.047947; 28.933786

La moschea Eyüp Sultan è una moschea imperiale ottomana situata nel distretto di Eyüp a Istanbul, fuori dalle mura di Costantinopoli, nei pressi del Corno d'Oro. La struttura attuale risale agli inizi del XIX secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1458, cinque anni dopo la conquista ottomana di Costantinopoli[1], Maometto II ordinò la costruzione di una moschea in onore di Abu Ayyub al-Ansari, uno dei più fedeli compagni del profeta Maometto. La moschea venne eretta nel luogo in cui era sepolto Abū Ayyūb al-Anṣārī, morto durante la campagna del 672 contro Costantinopoli. La moschea di Eyüp, dalla sua costruzione, è considerata uno dei luoghi più sacri all'Islam, importanza accresciuta dal fatto che qui il gran maestro della confraternita mistica della Mawlawiyya (Mevleviye in turco) cingeva con la spada ogni nuovo Sultano.

Alla fine del XVIII secolo, la moschea di Eyüp verteva in uno stato di degrado al punto che il sultano Selim III ne ordinò la distruzione e la successiva ricostruzione. I lavori terminarono nel 1800 mentre il minareto esterno fu ricostruito, secondo lo stile originario, da Mahmud II nel 1822[2][3].

Decori[modifica | modifica wikitesto]

Le mura esterne del mausoleo sono rivestite da piastrelle Iznik tutte databili a periodi diversi. Anche le mura del vestibolo del mausoleo sono decorate da piastrelle Iznik. Piastrelle simili a quelle del vestibolo, sono in mostra in diversi musei[4]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sumner-Boyd & Freely 2010, p. 363.
  2. ^ Goodwin 1971, pp. 411-412.
  3. ^ Sumner-Boyd & Freely 2010, p. 364
  4. ^ Il British Museum possiede un pannello, databile attorno al 1550, il Victoria and Albert Museum conserva 24 pannelli di piastrelle, il David Collection ne ha uno mentre il Metropolitan Museum Of Art di New York ha una sola piastrella. Il Museo Calouste Gulbenkian conserva invece 10 pannelli di piastrelle.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hilary Sumner-Boyd e John Freely, Strolling Through Istanbul: The Classic Guide to the City, Tauris Parke Paperbacks, 2010, ISBN 978-1-84885-154-2.
  • Godfrey Goodwin, A History of Ottoman Architecture, Thames and Hudson, 1971, ISBN 0-500-27429-0.
  • Suraiyah Faroqhi, Subjects of the Sultan: Culture and Daily Life in the Ottoman Empire, I B Tauris, 2005, ISBN 1-85043-760-2.
  • John Freely, Blue Guide Istanbul, W. W. Norton & Company, 2000, ISBN 0-393-32014-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]