Moschea di Ortaköy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ortaköy Camii
Büyük Mecidiye Camii - Ortaköy Mosque.jpg
La moschea di Ortaköy
StatoTurchia Turchia
LocalitàOrtaköy (Beşiktaş), Istanbul
ReligioneIslam
TitolareAbdülmecid I e Ortaköy
ArchitettoGarabet Amira Balyan e Nigoğayos Balyan
Stile architettonicoNeo-barocco
Inizio costruzione1853
Completamento1856

Coordinate: 41°02′50.46″N 29°01′36.82″E / 41.047351°N 29.026894°E41.047351; 29.026894

La moschea di Ortaköy (in turco: Ortaköy Camii), ufficialmente Büyük Mecidiye Camii (Grande moschea del Sultano Abdülmecid) è una moschea di Istanbul, Turchia situata sulle rive del Bosforo. Con la sua vista sul Bosforo e sul ponte, la moschea è una icona del quartiere di Ortaköy e dell'intera Istanbul.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito dell'attuale moschea di Ortaköy, in precedenza c'era un piccolo masjid, costruito nel 1720, e distrutto durante la rivolta di Halona Patrona nel 1731.[1] L'attuale moschea, eretta al suo posto, fu ordinata dal sultano ottomano Abdülmecid Ie costruita tra il 1854 e il 1856, sulle rovine del Palazzo Cantemir. I suoi architetti furono il padre e figlio armeni Garabet Amira Balyan e Nigoğayos Balyan, che progettò anche il vicino Palazzo di Dolmabahçe e Moschea di Dolmabahçe, che lo progettarono in stile neobarocco.[2]

La cupola della moschea era originariamente costruita in mattoni. Per via delle crepe sviluppatesi col tempo, è stata ricostruita con cemento. Nel 1894 un terremoto danneggiò la moschea, che nel 1984 subì anche un lieve incendio. Pertanto, la struttura ha subito numerosi lavori di riparazione e restauro nel tempo. Oggi è in buone condizioni.[3]

Fedeli in preghiera
Ortaköy Camii

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La moschea di Ortaköy si compone di un edificio a due piani con pianta a "U", con un volume principale a pianta quadrata coperto da una cupola. Le facciate dell'edificio, con colonne montanti, sono arricchite da intagli e rilievi, che conferiscono alla moschea un aspetto dinamico. Ci sono due file di finestre che forniscono al volume principale un'ottima illuminazione.[4]

In termini di spazio interno, la moschea di Ortaköy è di dimensioni modeste, sebbene l'interno sia piuttosto spazioso con le sue ampie e alte vetrate che rifrangono il riflesso dell'acqua e della luce del giorno. Gli affreschi a motivi floreali ornano l'interno della singolare cupola, insieme a finestre a nicchia delimitate da decorazioni a tenda. Materiali come il marmo sono stati usati per costruire il mihrab e il minbar, e per decorare il mihrab sono stati usati anche mosaici rosa. I due sottili minareti sono in pietra.[5]

La moschea conserva anche diversi pannelli di calligrafia eseguiti dallo stesso Sultano Abdülmecid.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Çiğdem Türkyılmaz, Interrelated Values of Cultural Landscapes of Human Settlements: Case of Istanbul, in Procedia - Social and Behavioral Sciences, vol. 222, Spring 2015, pp. 502-509.
  2. ^ Alan, p.62
  3. ^ Murat Alaboz, STRUCTURAL RESPONSE OF ORTAKOY BUYUK MECIDIYE MOSQUE IN ISTANBUL, in International Masonry Society, July 2014, pp. 13.
  4. ^ Alan, p.63
  5. ^ Cultural heritage and its educational implications: a factor for tolerance, good citizenship and social integration, Germany, Council of Europe Publishing, 1998, ISBN 92-871-3584-3.
  6. ^ Leeann Murphy, Moon Istanbul & the Turkish Coast: Including Cappadocia, Avalon Travel, ISBN 978-1-61238-614-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316388860 · LCCN (ENn2016032209 · WorldCat Identities (ENlccn-n2016032209