Milton Gonçalves

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Milton Gonçalves nel 2015.

Milton Gonçalves (Monte Santo de Minas, 9 dicembre 1933) è un attore, drammaturgo e regista brasiliano. È uno dei pochissimi attori brasiliani di colore ad aver lavorato anche al di fuori del suo Paese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Milton Gonçalves era diventato da poco grafico pubblicitario quando andò a vedere per la prima volta una rappresentazione teatrale, rimanendone affascinato. Decise dunque che la recitazione sarebbe diventata la sua vita. Lavorò all'inizio in compagnie teatrali amatoriali, per poi essere scelto da un grande professionista come Augusto Boal.

Gonçalves è autore di quattro opere teatrali, una delle quali è stata diretta da Dalmo Ferreira.

Importante anche la sua carriera televisiva: è stato uno dei due registi della telenovela La schiava Isaura ed è apparso come attore in diverse altre. Ha recitato inoltre sul grande schermo, sia in patria sia a Hollywood (in particolare ha affiancato Sônia Braga in Il bacio della donna ragno e Il dittatore del Parador in arte Jack).

Milton Gonçalves, che da sempre si batte contro le discriminazioni razziali, ha anche svolto per qualche tempo politica attiva, candidandosi tra l'altro nel 1994 per la carica di governatore dello stato di Rio de Janeiro.

Amico fraterno di Chico Anysio, ha registrato uno spettacolo in sua commemorazione, trasmesso da TV Verdes Mares, al fianco di Nizo Neto (figlio di Chico), Maurice Sherman, Fernanda Montenegro e Orlando Drummond.

Gonçalves è stato il primo brasiliano a introdurre una categoria alla cerimonia di premiazione degli Emmy (2006).

Nel 2018 ha vinto il Trofeu Mario Lago: prima di lui nessun attore di colore era stato premiato con l'ambito riconoscimento.

Il figlio Mauricio Gonçalves è attore anche lui.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN106993879 · ISNI (EN0000 0001 1454 4525 · LCCN (ENno2001041535 · BNF (FRcb14620453v (data) · BNE (ESXX1606459 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2001041535