Michele Florino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Florino
Michele fiorino.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature X, XI, XII, XIII e XIV
Gruppo
parlamentare
MSI-DN poi AN
Coalizione Polo del buon governo (dalla XII)
Collegio Napoli V
Incarichi parlamentari
  • Componente della XIII COMMISSIONE (LAVORO E PREVIDENZA SOCIALE) (IX legislatura)
  • Componente della XI COMMISSIONE (LAVORO E PREVIDENZA SOCIALE) (X, XI legislatura)
  • Commissione d'inchiesta sul fenomeno della mafia. (XII,XIII legislatura)
  • Commissione di inchiesta sugli infortuni sul lavoro (XIII legislatura)
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale
Circoscrizione Campania
Collegio Napoli
Incarichi parlamentari
  • Componente della V COMMISSIONE (BILANCIO E PARTECIPAZIONI STATALI) (IX legislatura)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento Sociale Italiano (fino al 1995), Alleanza Nazionale (dal 1995)
Titolo di studio Diplomato
Professione Impiegato

Michele Florino (Napoli, 13 aprile 1940) è un politico italiano.

La carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 diviene membro della Camera dei deputati (in corso di legislatura subentrando al posto di Marcello Zanfagna, deceduto nel 1984) con il Msi-Dn. Nel 1987 viene eletto al Senato della Repubblica. Nel 1992 viene confermato al Senato della Repubblica. Nel 1994 viene eletto al Senato della Repubblica per Alleanza Nazionale. Nel 1996 viene confermato al Senato della Repubblica per Alleanza Nazionale. È membro della 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale) e della Commissione d'inchiesta sul fenomeno della mafia.

Nel 2001 è confermato al Senato della Repubblica per Alleanza Nazionale. È membro della 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale), della Commissione di inchiesta sugli infortuni sul lavoro e della Commissione d'inchiesta sul fenomeno della mafia. Nel 2007 aderisce a La Destra di Francesco Storace. Nel 2011 passa al partito Fiamma Tricolore di Luca Romagnoli

Il 15 novembre del 2008 Florino viene accusato dal pentito della Camorra Giuseppe Misso di essere il mandante degli omicidi di Domenico Cella, Ciro Guazzo e Ciro Lollo: questi tre uomini, legati al clan Giuliano, volevano chiudere le sezioni dell'MSI per favorire un candidato socialista[1]. Nel luglio 2011 il GIP proscioglie Florino dall'accusa disponendo l'archiviazione dell'inchiesta[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito temporeale.libero.it[collegamento interrotto]
  2. ^ Prosciolto ex senatore vittima di un falso pentito, in Il Giornale, 15 luglio 2011. URL consultato il 15 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]