Michele Boldrin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Boldrin al Festival dell'economia di Trento 2010

Michele Bernardo-Maria[1][2] Boldrin (Padova, 20 agosto 1956) è un economista ed ex politico italiano naturalizzato statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Padova nel 1956, la famiglia si trasferì a Mestre nel 1966, nel quartiere di Campalto. Il padre, operaio figlio di contadini, lavorava a Porto Marghera mentre la madre, scomparsa nel 1992, era casalinga; ha tre sorelle. Frequenta il Liceo Scientifico Giordano Bruno dove si diploma nel 1975 e, dopo un anno circa nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Padova, si scopre interessato ai temi economici e si trasferisce alla Facoltà di Economia di Venezia. Svolge il servizio militare nel 1980 presso il 52º Battaglione Fanteria d’Arresto “Cacciatori delle Alpi”, di stanza ad Attimis (UD). Sposatosi nel 1983, si è separato nel 2012 e ha divorziato nel 2016. Ha un figlio e due nipoti; convive da anni, fra l’Italia e St. Louis, con Susanna Panfili.

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1982 si laurea in Economia e Commercio presso l'Università Ca' Foscari di Venezia.[3] Nel 1987 consegue il PhD (corrispondente al Dottorato di ricerca in Italia) sotto la supervisione di Lionel W. McKenzie, all'Università di Rochester.[4]

Dal 1986 al 2006 insegna presso numerose università statunitensi (tra le altre University of Chicago, UCLA, Northwestern University, University of Pennsylvania, University of Minnesota) e presso l'Università Carlos III di Madrid (1994 -1999). Fa parte dell’iniziale gruppo interdisciplinare, coordinato dai premi Nobel Philip Warren Anderson (fisica) e Kenneth Arrow (economia), che diede vita al Santa Fe Institute (1986) diventando il primo direttore del programma economico (1989-90). Attualmente è Joseph Gibson Hoyt Distinguished Professor presso la Washington University di Saint Louis.[5]

Ha svolto altri ruoli accademici ed è stato editor o editor associato di varie riviste internazionali, fra cui Econometrica, Review of Economic Dynamics, International Economic Review, Chaos e Dynamic Macroeconomics. È fellow della Econometric Society[6], della Society for Economic Measurement e della Society for the Advancement of Economic Theory. Tra il 2007 ed il 2014 ha coperto la carica di Direttore Accademico e, per due anni, Esecutivo di Fedea (Madrid). Research fellow del Centre for Economic Policy Research di Londra[7] e della Federal Reserve Bank di St. Louis[8]. Membro dell'Academic Advisory Council dell'Università di Pechino[9], Visiting Professor a Ca' Foscari dal 2018 al 2022, dirigendone la rivista Research in Economics.[10]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Politicamente Boldrin inizia il suo percorso in parrocchia all’interno di gruppi spontanei di cattolici impegnati nel sociale. Durante gli anni del liceo bazzica nei vari gruppi dell’estrema sinistra, frequenta Potere Operaio ed aderisce ad Avanguardia Operaia. Abbandona però rapidamente quel mondo durante il quarto anno del liceo si avvicina alle idee della corrente operaista veneziana interna al PCI. Dal 1975 al 1978 guida la segreteria provinciale veneziana della Federazione Giovanile Comunista Italiana. All’inizio del 1979 abbandona totalmente sia il PCI (suggerendo velleitariamente che cambi nome in quello di “Partito Liberale dei Lavoratori Italiani”) che l’attività politica e si dedica allo studio ed alla carriera accademica. Tra il 1993 ed il 1995 collabora con la Lega Nord, come consigliere del ministro del bilancio Giancarlo Pagliarini sulle politiche federaliste del Governo Berlusconi I. Dopo la “svolta separatista” decisa da Bossi abbandona ogni collaborazione con la Lega di cui diviene e rimane critico implacabile in particolare dopo l’ascesa al potere di Matteo Salvini.

Nel 2012, insieme a Sandro Brusco ed Andrea Moro, propone l’idea di un movimento della società civile italiana che miri a fermare il declino del paese. Questa iniziativa sfocia, a fine Luglio 2012, in un programma politico all’elaborazione del quale partecipano anche Alessandro De Nicola, Oscar Giannino, Carlo Stagnaro e Luigi Zingales. Il movimento politico che si raccoglie attorno al Manifesto per Fermare il Declino porta alla creazione di un partito, chiamato Fare per Fermare il Declino che si presentò alle elezioni politiche italiane del 24 e 25 febbraio 2013, non riuscendo ad ottenere alcun seggio a seguito del notorio “scandalo delle lauree di Oscar Giannino”. Il 12 maggio 2013, durante il congresso nazionale del partito, ne viene eletto Presidente ed aderisce alla lista “montiana” Scelta Europea per le elezioni europee del 2014, raccogliendo lo 0,72% dei consensi. Nel giugno del 2014, con l’approvazione della direzione di Fare, scioglie il partito politico abbandonando per sempre la vita politica attiva.

Divulgazione[modifica | modifica wikitesto]

Come divulgatore e commentatore Boldrin ha collaborato a numerose iniziative come il blog NoiseFromAmeriKa e il sito italiano di economia lavoce.info. È stato editorialista economico de Il Fatto Quotidiano, editorialista politico su Linkiesta, Il Foglio e il blog de Il Sole 24 Ore Econopoly. Nel 2017, su suggerimento e stimolo di Alberto Forchielli, inizia sul proprio canale YouTube una attività di divulgazione economica e di policy, che continua tutt’ora. Tra il 2018 ed il 2019 crea, assieme a Costantino De Blasi, Gianluca Codagnone e Thomas Manfredi, un canale YouTube di informazione gestito collettivamente, chiamato Liberi, Oltre le Illusioni.[11][12] Nell'autunno del 2021 nasce un’associazione culturale con lo stesso nome che lo elegge Presidente, succedendo a Costantino De Blasi, a fine maggio 2022.[13]

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

La ricerca di Boldrin si concentra sulla teoria e l'applicazione dei modelli dinamici di equilibrio generale. Ha scritto su crescita economica, cicli economici, prezzi delle attività, sistema di welfare, teoria dell'innovazione e progresso tecnologico, teoria della ricerca, mercato del lavoro, proprietà intellettuale, fertilità e commercio internazionale.[senza fonte]

In collaborazione con David K. Levine, ha esaminato il ruolo svolto dai mercati competitivi, rispetto a quelli monopolistici, suggerendo soluzione corretta al problema della proprietà intellettuale basata sulla spinta verso la concorrenza nella riproduzione, distribuzione e circolazione di qualsiasi opera dell'intelletto.[14]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Boldrin, R. Becker, R. Jones e W. Thomson (a cura di), General Equilibrium, Growth and Trade II: Essays in Honor of Lionel W. McKenzie, New York, Academic Press, 1993., (Michele Boldrin, R. Becker, R. Jones e W. Thomson (a cura di)), New York, Academic Press, 1993.
  • Sistema de Pensiones y Mercado de Trabajo en España, (con Sergi Jimenez and Franco Peracchi), Fundación Banco Bilbao e Vizcaya, Bilbao, Madrid, 2000.
  • Human Capital, Trade and Financial Development in Rapidly Growing Economies: From Theory to Empirics, (con Been-Lon Chen e Ping Wang (a cura di)), Kluwer Publ. Co., 2004.
  • Against Intellectual Monopoly, (con David K. Levine), Cambridge University Press, 2008 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2011).
  • Efectos Economicos de la Inmigración en España, (editor), Marcial Pons, Madrid, 2009
  • Tremonti, Istruzioni per il disuso, (con Alberto Bisin, Sandro Brusco, Andrea Moro e Giulio Zanella) Napoli, L'Ancora del Mediterraneo, 2010, ISBN 978-88-8325-263-1.
  • La Crisis de la Economia Espanola, (con Samuel Bentolilla et al.), Marcial Pons, Madrid, 2010. Articoli su riviste scientifiche

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

  • “On the Indeterminacy of Capital Accumulation Paths” (with L. Montrucchio), Journal of Economic Theory, 40 (1986). Reprinted in R.Becker and E.Burmeister (eds.) Growth Theory: a Readings, New York, Edward Elgar Publishing, 1991.
  • “Paths of Optimal Accumulation in a Two--Sector Model”, in W.Barnett et al. (eds.) Economic Complexity: Chaos, Sunspots, Bubbles and Nonlinearity, Cambridge, Cambridge University Press, 1989.
  • “Dynamic Externalities, Multiple Equilibria and Growth”, Journal of Economic Theory, 58 (1992), 198-218.
  • “A Dynamic Equilibrium Model of Search, Production and Exchange”, (with N. Kiyotaki and R. Wright), Journal of Economic Dynamics and Control, 17 (1993), 723-757.
  • “Growth and Indeterminacy in Dynamic Models with Externalities” (with A. Rustichini), Econometrica, 62 (1994), 323-343.
  • “Labor Contracts and Business Cycles” (with M. Horvath), Journal of Political Economy 103 (1995), 972-1004.
  • “Political Equilibria with Social Security”, (with A. Rustichini), Review of Economic Dynamics, 3 (2000), 41-78.
  • “Growth Cycles and Market Crashes”, (with D K. Levine), Journal of Economic Theory, 96 (2001), 13-39.
  • “Inequality and Convergence: Reconsidering European Regional Policies”, (with Fabio Canova), Economic Policy, 32 (2001), 207-253.
  • “Habit Persistence, Asset Returns and the Business Cycle”, (with L.Christiano and J.Fisher), American Economic Review, 91 (2001), 149-166.
  • “Factor Saving Innovation”, (with D.K. Levine), Journal of Economic Theory, 105 (2002), 18-41.
  • “The Case Against Intellectual Property”, (with D.K. Levine), American Economic Review, Papers and Proceedings, 92 (2002), 209-212.
  • “Mortality, Fertility, and Saving in a Malthusian Economy”, (with L.E. Jones) Review of Economic Dynamics, 5 (2002), 775-814.
  • “2003 Lawrence Klein Lecture: The Case Against Intellectual Monopoly”, (with David K. Levine) International Economic Review, 45 (2004), 327-350.
  • “The Intergenerational State: Public Education and Pensions”, (with A. Montes) Review of Economic Studies, 72 (2005), 651-664.
  • “The Economics of Ideas and Intellectual Property”, (with David K. Levine) Proceedings of the National Academy of Sciences, 102 (2005), 1252-1256.
  • “Perfectly Competitive Innovation”, (with David K. Levine), Journal of Monetary Economics, 55 (2008), 435-453.
  • “The Slippery Slope of Concession”, (with Jack Hirshleifer and David K. Levine), Economic Inquiry, 46 (2009).
  • “Growth and Cycles, in the Mode of Marx and Schumpeter”, Scottish Journal of Political Economy, 57 (2010).
  • “Fertility and Social Security” (with C. De Nardi and L.E. Jones), Journal of Demographic Economics, 81 (2015).
  • “La crisi italiana. Ipotesi sul federalismo possibile” (with Aldo Rustichini), in Giavazzi, F., Penati, A. and Tabellini, G. (eds.) Frontiere della Politica Economica, Milano, Sole-24 Ore, 1995.
  • “All the Interesting Questions, Almost All the Wrong Reasons” (with David K. Levine), in Pecchi, L. e Piga, G. (eds.) Keynes Grandchildren Seventy Years Later, MIT Press, 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) One Hundred Thirty-Eighth Commencement (PDF), su lib.rochester.edu, Università di Rochester, 2 maggio 1988, p. 37. URL consultato il 26 settembre 2022 (archiviato il 12 settembre 2015).
  2. ^ Filmato audio Liberi, Oltre le Illusioni, CFA + NFA waiting for... EXIT POLL, su YouTube, 25 settembre 2022, a 3 h 4 min 4 s. URL consultato il 26 settembre 2022.
  3. ^ Michele Boldrin - Autobiography, su micheleboldrin.com. URL consultato l'11 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2019).
  4. ^ (EN) Department of Economics : University of Rochester, su sas.rochester.edu. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  5. ^ (EN) "Michele Boldrin, su economics.wustl.edu. URL consultato il 13 dicembre 2020.
  6. ^ Fellows of the Econometric Society as of October 2008, su econometricsociety.org. URL consultato il 1º settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008).
  7. ^ Michele Boldrin, su cepr.org. URL consultato il 1º settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2010).
  8. ^ (EN) Department of Economics, Michele Boldrin, su Department of Economics, 6 maggio 2019. URL consultato il 16 giugno 2020.
  9. ^ Academic Advisory Council, su www.nse.pku.edu.cn. URL consultato il 14 gennaio 2023.
  10. ^ Articolo:Michele Boldrin neodocente a Ca' Foscari, su Università Ca' Foscari Venezia. URL consultato il 14 gennaio 2023.
  11. ^ Liberi Oltre, su youtube.com.
  12. ^ liberioltreleillusioni.it, https://www.liberioltreleillusioni.it/.
  13. ^ Comitato Direttivo, su liberioltreleillusioni.it.
  14. ^ Michele Boldrin - Intellectual Property Page, su micheleboldrin.com. URL consultato l'11 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente di Fermare il Declino Successore Logo Fare per fermare il declino.png
Silvia Enrico 12 maggio 2013 - 15 giugno 2014 nessuno
Controllo di autoritàVIAF (EN62617755 · ISNI (EN0000 0001 0908 2426 · ORCID (EN0000-0002-6361-470X · LCCN (ENno94017394 · GND (DE129085073 · BNE (ESXX991116 (data) · BNF (FRcb161997542 (data) · J9U (ENHE987007308406205171 · NDL (ENJA01212632 · CONOR.SI (SL150385763 · WorldCat Identities (ENlccn-no94017394