Michail Tolstych

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michail Sergeevič Tolstych
Mikhail Tolstykh, aka Givi (cropped).jpg
Soprannome“Givi”
NascitaIlovaisk, 19 luglio 1980
MorteDonetsk, 8 febbraio 2017
Cause della morteAttacco missilistico (assassinio o tradimento)
EtniaOrigini georgiane da parte del bisnonno.
Dati militari
Paese servitoUcraina Ucraina

Flag of Donetsk People's Republic.svg RPD

Forza armataEnsign of the Ukrainian Ground Forces.svg Forze terrestri ucraine
War Flag of Novorussia.svg Forze separatiste del Donbass
SpecialitàCarrista
UnitàSomalia Battalion flag.png battaglione "Somalia"
Anni di servizio1998-2000; 2014-2016
GradoRussia-Army-OF-5-2010.png col. Milizia Nazionale della Repubblica Popolare di Doneck
FeriteAlla gamba a causa di schegge.
Guerre
Battaglie
  • battaglia di Ilovajsk
  • assedio di Slavjansk
  • seconda battaglia dell'aeroporto di Donetsk
  • battaglia di Debalceve
  • schermaglie di Dokučajevsk
  • repressione previsto colpo di Stato a Slavjansk
Comandante diBattaglione "Somalia"
voci di militari presenti su Wikipedia
Michail Sergeevič Tolstych

Michail Sergeevič Tolstych, (tras. angl.: Mikhail Sergeyevich Tolstykh), meglio conosciuto col nome di battaglia: “Givi” (Ilovajs'k, 19 luglio 1980Donec'k, 8 febbraio 2017[1]), è stato un comandante della Milizia popolare del Donbass, comandante del "Battaglione Somalia" nella guerra dell'Ucraina orientale.

Michail Tolstych a Doneck il 9 giugno 2015

Mikhail si arruolò con le forze separatiste sin dagli inizi della guerra, dopo che venne personalmente coinvolto nella battaglia di Ilovaisk. Givi comandò le milizie separatiste nella seconda battaglia dell'aeroporto di Doneck.

Nel febbraio 2015, il nome di Tolstykh venne incluso nella lista delle sanzioni dal Consiglio europeo.

In seguito alla morte del collega e amico Arsen Pavlov, Comandante del Battaglione Sparta, in un'intervista al canale televisivo Zvezda affermò quanto segue:

"Chiunque sia stato, ne pagherà il prezzo. Tutta l'Ucraina. Cattureremo ogni città. Li livellerò a terra per il mio amico. Quanto ad Arsen... so che sarà sempre con noi."

All'inizio di febbraio 2017, durante i combattimenti nei pressi di Avdiivka, è stato ferito alla gamba da alcune schegge.

Tolstych è stato ucciso l'8 febbraio 2017 alle 06:12 all'interno del suo quartier generale a Donec'k da un missile Shmel che ha provocato un incendio all'interno. Secondo i media si sarebbe trattato di un attentato terroristico. Le fonti ufficiali della Repubblica Popolare di Doneck ritengono che sia stato un attacco diretto da parte dell'esercito Ucraino. Mentre i servizi di sicurezza Ucraini affermano che sia stato un prodotto degli scontri intestini all'interno della Repubblica Popolare di Doneck stessa.[2]

In connessione con la morte del Colonnello, nella DPR è stato dichiarato un lutto di tre giorni. Ai suoi funerali, il 10 febbraio 2017, hanno preso parte circa 55 mila persone. È stato sepolto con gli onori militari presso il cimitero chiamato "Mare di Donetsk", a Donetsk.

Divorziato, lasciava un figlio nato nel 2001.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Repubblica Popolare di Doneck - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Repubblica Popolare di Doneck
— 21 febbraio 2015
Ordine di San Nicola di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Nicola di I Classe
Ordine di San Nicola di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Nicola di II Classe
Croce di San Giorgio (2) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di San Giorgio (2)
Medaglia per la difesa di Slavyansk - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la difesa di Slavyansk

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) В ДНР погиб командир батальона «Сомали» Гиви, su tvrain.ru, 8 febbraio 2017. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  2. ^ BBC news, Ukraine conflict: Rebel leader Givi dies in rocket attack, in https://www.bbc.com/news/world-europe-38905110, 08/02/2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9572159820929614000002 · WorldCat Identities (ENviaf-9572159820929614000002