Metroroma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metroroma
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 11 agosto 1955 a Roma
Chiusura 3 settembre 1997
Gruppo IRI-Italstat-Italgenco
Settore Ingegneria
Prodotti progettazione, realizzazione e gestione di opere ferroviarie e stradali

Metroroma S.p.A. era una azienda italiana che svolgeva attività di progettazione, realizzazione e gestione di opere ferroviarie metropolitane ed extra-urbane e di infrastrutture stradali. Era parte del gruppo IRI-Italstat-Italgenco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Metroroma nasce l'11 agosto 1955. Il 9 dicembre 1968 ricevette l'incarico di procedere alla costruzione della Linea A della Metropolitana di Roma e lo appalta a un consorzio denominato Intermetro S.p.A. formato da Metroroma stessa, Italstat, Società Italiana per Condotte d'Acqua, IMI, Breda Costruzioni Ferroviarie, Fiat Ferroviaria, Fiat Impresit, Ansaldo[1][2][3].

Intermetro costruì nel 1983 anche il ramo Nord della Linea B della Metropolitana di Roma e il prolungamento della Linea A. Negli stessi anni prende parte a un consorzio formato da Techint, Metroroma, Ansaldo, Breda Costruzioni Ferroviarie, Lombardia Risorse, Ferrovie Nord Milano e Sotecni per la realizzazione dell Metropolitana di Buenos Aires[4]. Vince nel 1981 il primo lotto del bando Enel per la costruzione di una galleria di 9 km funzionale al raddoppio della Centrale idroelettrica di San Giacomo in provincia di Teramo[5].

Nel 1991 realizzò opere civili per un totale di 64 miliardi di lire sulla tratta ferroviaria Roma-Napoli[6]. Nello stesso anno presentò a Stretto di Messina S.p.A. un progetto per la realizzazione di un ponte sommerso come collegamento viario tra Sicilia e Calabria.

Nel 1995 viene acquisita da Società Italiana per Condotte d'Acqua (IRI-Iritecna, poi Fintecna). Il 3 settembre 1997 diventa Veneta Infrastrutture.

Note[modifica | modifica wikitesto]