Metropolitana di Istanbul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Metropolitana di Istanbul
(TR) İstanbul Metrosu
Logo
Logo
Bogazici Universitesi metro.jpg
Stazione Boğaziçi Üniversitesi sulla linea M6
StatoTurchia Turchia
CittàIstanbul
Apertura1989
GestoreMetro İstanbul
Sito webwww.metro.istanbul/
Caratteristiche
Numero linee11[1][2]
Stazioni135[3]
Lunghezza160 km
Statistiche 2019
Passeggeri annuali542.68 milioni[4]
Mappa della rete
pianta
pianta

La metropolitana di Istanbul (in turco: İstanbul metrosu) è una rete composta da undici linee metropolitane, che servono la città di Istanbul, in Turchia. La rete è gestita da Metro İstanbul, un'impresa pubblica controllata dalla municipalità metropolitana di Istanbul, ad eccezione della linea M11. La sezione più antica della metropolitana è la linea M1, inaugurata nel 1989; il sistema conta oggi 135 stazioni in servizio, altre 81 in costruzione e 1 stazione appaltata.

Il sistema è composto da undici linee: le linee denominate M1ᴀ, M1ʙ, M2, M3, M6, M7, M9 e M11 si trovano sul lato europeo del Bosforo, mentre le linee M4, M5 e M8 sono sul lato asiatico. A causa della geografia unica e difficile di Istanbul, città divisa dallo stretto del Bosforo, le reti europee e asiatiche non si collegano direttamente, ma dal 2013 sono collegate tra loro attraverso il sistema Marmaray. Tre linee della metropolitana sono in costruzione sul Lato asiatico: M10 (Pendik Merkez-Fevzi Çakmak), M12 (60. Yıl Park-Kazim Karabekir) e M14 (Altunizade-Kazim Karabekir) e i lavori di estensione su M1ʙ, M3, M4, M5, M7, M9 e M11 sono in corso

Il sistema è collegato con il sistema sotterraneo del tunnel Marmaray (che collega le linee sul lato europeo e asiatico della città) e le linee funicolari F1, Tünel (F2) e F4 e con la rete di superficie dei sistemi tranviari T1 e T4 come così come il tram T5.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Istanbul ospita Tünel, che è il secondo sistema ferroviario sotterraneo più antico del continente dopo la metropolitana di Londra, che è la prima linea metropolitana del continente europeo. Tünel è entrato in servizio nel 1875.[5] Tünel, che è lungo 573 metri e ha due stazioni, si trova nel distretto di Beyoğlu ed è oggi considerata una linea della funicolare.

Lo sviluppo della rete[modifica | modifica wikitesto]

Anni '80[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione della linea M1, la prima linea metropolitana moderna di Istanbul, fu decisa tra il 1986 e il 1987. La prima linea entro' in servizio il 3 settembre 1989 tra Aksaray e Kocatepe.[6][6][7] Sebbene dopo l'entrata in esercizio essa fosse stata definita "metropolitana leggera", dopo un po' di tempo il nome della linea fu stato cambiato in M1. In seguito, il 3 dicembre 1989, venne aperta la stazione di Esenler.

1990 - 2013[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione della seconda linea della metropolitana, la linea M2, è iniziata nel 1992. La prima tappa tra Taksim e 4. Levent è entrata in servizio il 16 settembre 2000.[6][8][9] La linea M2 è stata costruita con il metodo del tunnel cut-and-cover e NATM per resistere a un terremoto di magnitudo 9. Il 31 gennaio 2009, la linea è stata estesa ad Atatürk Oto Sanayi a nord e a Şişhane a sud.[10] Tuttavia, poiché il sistema di segnalazione non era pronto, inizialmente le corse tra Taksim e Atatürk Oto Sanayi sono stati effettuate come collegamento dalla stazione di 4-Levent. Allo stesso modo, Taksim - Şişhane è stata gestita come linea navetta fino all'apertura del prolungamento per Yenikapı nel 2014. Il 2 settembre 2010 è entrata in servizio la stazione di Darüşşafaka. L'11 novembre 2010 è stata aggiunta una diramazione alla linea e sono entrate in servizio la stazione di Seyrantepe e la diramazione di fronte allo stadio Nef.[11] Con l'entrata in servizio del capolinea di Hacıosman il 22 maggio 2011, la linea M2 ha raggiunto le 16 stazioni e una lunghezza di 23,49 chilometri.[6]

Sulla linea M1, i cui lavori di prolungamento continuano, dopo l'apertura della grande Stazione dei Bus di Istanbul (Otogar) nel 1994 quest'ultima è stata raggiunta. Inoltre, tra il 1994 e il 1995 la linea è stata gradualmente estesa sino a Yenibosna. Nel 1999 è entrata in servizio la stazione di Bahçelievler e nel 2002 la linea è stata estesa sino all'aeroporto di Istanbul-Atatürk nella parte occidentale della città.[12] Con l'apertura della seconda diramazione da Esenler a Kirazlı il 14 giugno 2013, la linea M1 è stata divisa in due linee, la M1ᴀ e M1ʙ.

La costruzione della tratta Kadıköy - Kartal della linea M4, la prima linea metropolitana costruita sul versante anatolico, è iniziata nel 2005[13] e la linea è entrata in servizio il 17 agosto 2012. Con l'apertura di Marmaray il 29 ottobre 2013, è entrata in servizio la stazione di Ayrılık Çeşmesi, che funge da nodo di interscambio con la M4.

Il 10 settembre 2012 è entrata in servizio la linea M3 tra Kirazlı, Başakşehir e Metrokent. La lacuna tra Otogar e Kirazlı è stato colmata il 14 giugno 2013, con l'entrata in servizio della linea M1ʙ. L'11 novembre 2013 è stata aperta la diramazione İkitelli Sanayi - Olimpiyat.[6][14]

2014 - 2019[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'entrata in servizio di Marmaray il 29 ottobre 2013, le linee M2 (il 15 febbraio 2014) e le linee M1ᴀ e M1ʙ (il 9 novembre 2014) sono state estese sino al nodo di interscambio di Yenikapı, collegando cosi' Marmaray alle linee della metropolitana sul lato europeo.[15]

La linea M6, che è descritta come una mini metropolitana e ha una lunghezza di 3,3 chilometri, corre tra Levent, Boğaziçi Üniversitesi e Hisarüstü ed è entrata in servizio il 19 maggio 2015.[16]

Il 10 ottobre 2016 la linea M4 è stata estesa da Kartal a Tavşantepe. Con questo prolungamento, la linea ha raggiunto una lunghezza di 26,50 chilometri con 19 stazioni.[6]

La linea M5, entrata in servizio sulla tratta Üsküdar - Yamanevler il 17 dicembre 2017, è la prima linea metropolitana senza conducente di Istanbul e della Turchia. La linea è stata estesa sino a Çekmeköy il 21 ottobre 2018. Pertanto, la linea M5 ha raggiunto una lunghezza di 20 chilometri con 16 stazioni.[17][18]

Dopo il 2020[modifica | modifica wikitesto]

La linea M7, lunga 18 chilometri ed entrata in servizio il 28 ottobre 2020 sulla tratta Mecidiyeköy - Mahmutbey, è la prima linea metropolitana senza conducente della parte europea di Istanbul.[19]

La prima tratta della linea M9, ​​tra Bahariye e Olimpiyat, è entrata in servizio il 29 maggio 2021, con il trasferimento della tratta Olimpiyat - İkitelli Sanayi dalla linea M3 a questa linea.[20]

Il prolungamento della linea M4 Tavsantepe - Aeroporto Sabiha Gökçen è entrato in servizio il 2 ottobre 2022. Con ciò è stato creato un servizio di metropolitana ininterrotto da Kadıköy sino all'aeroporto Sabiha Gökçen.

Le stazioni Fulya e Yıldız, situate sul prolungamento Mecidiyeköy - Kabataş della linea M7, sono entrate in servizio il 2 gennaio 2023.[21]

La linea M8, che è diventata operativa sulla tratta Bostancı - Parceller il 6 gennaio 2023, con i suoi 14,27 chilometri di lunghezza e 13 stazioni è la prima linea metropolitana a servire sull'asse nord-sud del lato anatolico, e ha la caratteristica di collegare tutti i sistemi ferroviari che corrono sull'asse est-ovest di quel lato (Marmaray, M4 e M5).[22]

Il 22 gennaio 2023 è entrata in servizio la tratta tra Kağıthane e Cargo Terminal della linea M11, la quale con una velocità operativa massima di 120 chilometri orari è la prima metropolitana ad alta velocità della Turchia e di Istanbul. Con essa è stato creato un collegamento in metropolitana con l'aeroporto di Istanbul.[23]

Rete[modifica | modifica wikitesto]

La rete metropolitana a gennaio 2023 si compone di dieci linee, otto di tipo classico e due di tipo leggero.

Linea Lato Percorso Inaugurazione Ultima estensione Lunghezza Stazioni Tensione
Istanbul M1 Line Symbol.svg Europa YenikapıAeroporto Atatürk / Kirazlı 1989[24] 2014 26,8 km[24] 23[24] 750 V
Istanbul M2 Line Symbol.png Europa Yenikapı ↔ Hacıosman 2000[25] 2014 23,5 km[25] 16[25] 750 V
Istanbul M3 Line Symbol.svg Europa Kirazlı ↔ Metrokent 2013[26] - 11,8 km[26] 9[26] 1 500 V
Istanbul M4 Line Symbol.svg Asia KadıköyAeroporto Sabiha Gökçen 2012[27] 2022 33,5 km[27] 23[27] 1 500 V
Istanbul M5 Line Symbol.svg Asia Üsküdar ↔ Çekmeköy 2017[28] - 20 km[28] 16[28] 1 500 V
Istanbul M6 Line Symbol.svg Europa Levent ↔ Boğaziçi Üniversitesi 2015[29] - 3,3 km[29] 4[29] 750 V
Istanbul M7 Line Symbol.svg Europa Yıldız ↔ Mahmutbey 2020[21] 2023 20 km[21] 17[21]
Istanbul M8 Line Symbol.svg Asia Bostancı ↔ Parseller 2023[30] - 14,2 km[30] 13[30]
Istanbul M9 Line Symbol.svg Europa Olimpiyat ↔ Bahariye 2021[31] - 5,9 km[31] 5[31]
Istanbul M11 Line Symbol.svg
Europa Kağıthane ↔ Kargo Terminali 2023[23] - 37 km[23] 9[23]
Totale 196,0 km 135

Le linee[modifica | modifica wikitesto]

Linea M1 (M1ᴀ - M1ʙ)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M1 (metropolitana di Istanbul).


La linea M1 della metropolitana di Istanbul collega la città dal centro, con capolinea a Yenikapı, dividendosi in due diramazioni, una (la M1B) verso nord-ovest, con capolinea a Kirazlı e un'altra (la M1A) verso sud-ovest, con capolinea all'Aeroporto Ataturk. È una linea di metropolitana leggera (hafif metro) ed è stata la prima linea metropolitana della città, aperta nel 1989.

La linea M1 conta 23 stazioni, per una lunghezza di 26,1 chilometri.

In media, il servizio viene usato da 400 000 viaggiatori al giorno.[24]

Linea M2[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M2 (metropolitana di Istanbul).

Il primo cantiere per la costruzione della linea M2 della metropolitana di Istanbul risale al 1992, otto anni prima dell'inaugurazione del primo tratto (Taksim – 4. Levent) avvenuta il 16 settembre 2000.

La M2 conta 16 stazioni, per una lunghezza di 23,49 km.[25]

Linea M3[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M3 (metropolitana di Istanbul).

La linea M3 della metropolitana di Istanbul è situata nella parte europea della città. È entrata in servizio il 14 giugno 2013. Presso il capolinea di Kirazlı è possibile l'interscambio con la linea 1B. Il percorso è interrato.

La M3 conta 9 stazioni, per una lunghezza di 11,8 km.[26]

Linea M4[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M4 (metropolitana di Istanbul).


La linea M4 della metropolitana di Istanbul, entrata in servizio nell'agosto del 2012, è la prima linea metropolitana del lato asiatico della città. Per la maggior parte del suo percorso, interamente sotterraneo, la linea corre parallela alla ferrovia Istanbul-Ankara.

La M4 conta 19 stazioni, per una lunghezza di 33,5 km.[27]

Presso la stazione di Kadıköy la linea si interconnette con la linea tranviaria T3 e il terminal dei traghetti İDO, mentre ad Ayrılıkçeşmesi la linea si interconnette con la stazione del Marmaray.

Linea M5[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M5 (metropolitana di Istanbul).


La linea M5 della metropolitana di Istanbul è la seconda linea metropolitana del lato asiatico della città ed è entrata in servizio nel dicembre del 2017. È la prima linea metropolitana automatica della Turchia.

La M5 conta sedici stazioni, per una lunghezza di 20 km.[32]

Il solo interscambio della linea è presso la stazione di Üsküdar, ove la linea si interconnette con la stazione del Marmaray e il terminal dei traghetti İDO.

Linea M6[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M6 (metropolitana di Istanbul).


La linea M6 della metropolitana di Istanbul è una linea di metropolitana leggera che serve l'area a nord-est del centro, collegando Levent alla Boğaziçi Üniversitesi.

La linea M6 conta 4 stazioni, per una lunghezza di 3,3 chilometri.[33]

I soli interscambi della linea sono presso la stazione di Levent, ove vi è l'interconnessione con la linea M2, e presso l'Università del Bosforo, capolinea della funicolare F4.

Linea M7[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M7 (metropolitana di Istanbul).


La linea M7 è situata nella parte europea della città, fra i quartieri di Kabataş e Mahmutbey. L'appalto è stato assegnato nel 2013, e la costruzione della linea è stata divisa in tre fasi. Alla fine della seconda fase la linea sarà lunga 24.5 km ed avrà 19 stazioni.

La M7 conta attualmente diciassette stazioni, per una lunghezza di 20 km.[21]

A fine 2022 sono iniziati i lavori della terza fase, che estenderà la linea da Mahmutbey a Esenyurt Meydani. Una volta completata, la linea attraverserà 12 distretti di Istanbul europea.

Linea M8[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M8 (metropolitana di Istanbul).


La linea M8 è una linea di metropolitana senza guidatore nella parte asiatica di Istanbul, con capolinea a Bostancı e Parseller. La linea è entrata in servizio il 6 gennaio 2023.[22]

La M8 conta tredici stazioni, per una lunghezza di 14,27 km.[30]

Linea M9[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M9 (metropolitana di Istanbul).


La linea M9 è una linea di metropolitana nella parte europea di Istanbul. Una volta completata, la linea sarà lunga 17,4 km con 14 stazioni e dovrebbe entrare in servizio completo nel 2023. I capolinea saranno i quartieri di Ataköy e Olimpiyat. La M9 correrà in direzione nord-sud e attraverserà cinque distretti della città, vale a dire Bakırköy, Bahçelievler, Bağcılar, Küçükçekmece e Başakşehir. A gennaio 2023 la linea opera fra Bahariye e Olimpiyat.[34]

La M9 conta attualmente cinque stazioni, per una lunghezza di 5,9 km.[31]

Linea M11[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Linea M11 (metropolitana di Istanbul).


La linea M11, che è senza conducente, deve provvedere al collegamento fra il nuovo Aeroporto di Istanbul, che si trova lungo il Mar Nero, e la città, e correrà fra la stazione di Halkalı (capolinea occidentale di Marmaray) sul Mar di Marmara a ovest, e quella di Gayrettepe sul Bosforo a est.

La M11 conterà 16 stazioni, per una lunghezza di 69 km.

Il 22 gennaio 2023 è avvenuta l'inaugurazione della quasi totalità della tratta orientale, dall'aeroporto alla stazione di Kağıthane.[23] L'apertura del resto della linea è prevista per il 2024.[23]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Lo scartamento dei binari è per tutte le linee di 1 435 millimetri, il cosiddetto "scartamento normale".

Gestione[modifica | modifica wikitesto]

Il funzionamento della metropolitana di Istanbul è assicurato da Metro İstanbul, che appartiene alla municipalità metropolitana di Istanbul, e TCDD Tasimacilik, che è affiliata al Ministero dei trasporti e delle infrastrutture della Repubblica di Turchia. Metro Istanbul gestisce non solo la metropolitana, ma anche le linee di tram, funicolari e funivie di Istanbul. TCDD Tasimacilik gestisce oggi solo la linea M11.[2]

Secondo i dati annunciati da Metro Istanbul, nel 2021 474 milioni 538mila 299 persone hanno utilizzato i sistemi ferroviari.[35]

Orario di servizio[modifica | modifica wikitesto]

Le metropolitane di Istanbul operano dalle 06:00 alle 24:00, ad eccezione della linea M8. Quest'ultima fornisce temporaneamente il servizio tra le 06:30 e le 21:30.[36]

Orario notturno[modifica | modifica wikitesto]

Tuttavia, a partire dal 30 agosto 2019, le linee M1ᴀ e M1ʙ, M2, M4, M5, M6 e M7 operano come metropolitane notturne ogni 30 minuti tra le 00:00 e le 06:00. Nella metropolitana notturna viene applicata una tariffa a doppio biglietto.

Progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

La rete di Istanbul con le linee e i prolungamenti in costruzione sino al 2025, e con le linee e i prolungamenti proposti.

I progetti attuali prevedono il prolungamento di alcune linee esistenti e la realizzazione di nuove linee.

Prolungamenti[modifica | modifica wikitesto]

Linea Lato Tratta o stazione Stato Inaugurazione prevista[37] Lunghezza Stazioni
Istanbul M1B Line Symbol.svg Europa KirazlıHalkalı in costruzione 2024 9,7 km 9
Istanbul M2 Line Symbol.png Europa Yenikapı ↔ Sefaköy procedura di appalto avviata 14 km 11
Istanbul M3 Line Symbol.svg Europa Kirazlı ↔ Bakırköy İDO in costruzione 2023 9 km[38] 8
Europa Başakşehir ↔ Kayaşehir in costruzione 2023 9,7 km 9
Istanbul M4 Line Symbol.svg Asia Tavşantepe ↔ Tuzla in costruzione 2025 7,9 km 7
Istanbul M5 Line Symbol.svg Asia Çekmeköy–Sancaktepe ↔ Sultanbeyli in costruzione 2023 10,9 km 9
Istanbul M7 Line Symbol.svg Europa Kabataş ↔ Yıldız in costruzione 2024 4,5 km 2
Europa Mahmutbey ↔ Esenyurt Meydani in costruzione 2025 18,5 km 11
Istanbul M9 Line Symbol.svg Europa Ataköy ↔ Bahariye in costruzione 2024 10,8 km 9
Istanbul M11 Line Symbol.svg Europa Gayrettepe ↔ Kağıthane in costruzione 2023 3,2 km 1
Europa Halkalı ↔ Istanbul Airport in costruzione 2023 31,5 km 7

Nuove linee[modifica | modifica wikitesto]

Linea Lato Tratta Stato Inaugurazione prevista[37] Lunghezza Stazioni
Istanbul M10 Line Symbol.svg Asia Pendik Merkez ↔ Fevzi Çakmak in costruzione 2025 5,1 km 2
Istanbul M12 Line Symbol.svg Asia 60. Yıl Parkı ↔ Kazım Karabekir in costruzione 2024 13,03 km 11
Istanbul M13 Line Symbol.png Asia Söğütlüçeşme ↔ Yenidoğan pianificata - 21,9 km 15
Istanbul M14 Line Symbol.svg Asia Altunizade ↔ Kazım Karabekir in costruzione 2024 7,3 km 6
Istanbul M34 Line Symbol.svg Europa - Asia Beylikdüzü ↔ Sabiha Gökçen Airport pianificata - 75,5 km 13

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Metro Lines, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 28 gennaio 2023.
  2. ^ a b (TR) 27.12.2022 Tarih ve 2022/14-1 Sayılı UKOME Kararı (PDF), su tuhim.ibb.gov.tr, İstanbul Büyükşehir Belediyesi, 27 dicembre 2022. URL consultato il 13 gennaio 2023 (archiviato il 13 gennaio 2023).
  3. ^ (EN) Lines in Operation [Rail Systems], su metro.istanbul, Metro İstanbul, 2022. URL consultato il 27 gennaio 2023.
  4. ^ (TR) Metro İstanbul 2022 Yılında 757.971.355 Yolcu Taşıdı, in Istanbul Metro, 31 dicembre 2022. URL consultato il 17 gennaio 2023.
  5. ^ (TR) Eren Kayaoğlu, Adem Candaş, Y. Ziya Kocabal e C. Erdem İmrak, İstanbul'un Tarihi Füniküleri 'Tünel' (PDF), Makina Mühendisleri Odası, 25-27 settembre 2014, p. 297. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 28 dicembre 2021).
  6. ^ a b c d e f (TR) Genel Tanıtım Kataloğu (PDF), Metro İstanbul, 2021, p. 4. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 1º febbraio 2022).
  7. ^ (TR) 150 yıllık düş gerçekleşti, İstanbul Metro'ya merhaba diyor, in Tan Gazetesi, Geçmiş Gazete, 10 marzo 1989. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2019).
  8. ^ (TR) İstanbul Metrosu (Taksim - 4. Levent), su ibb.gov.tr. URL consultato il 1º ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2009).
  9. ^ (TR) İstanbul'un da metrosu var, Milliyet, 16 settembre 2000. URL consultato il 20 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2019).
  10. ^ (TR) Metro Hattında Kesintisiz Ulaşım İstanbul, T24, 7 settembre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 2 febbraio 2022).
  11. ^ (TR) Seyrantepe metrosu için gözler 6 Kasım'da, su ntv.com.tr, NTV, 5 novembre 2009. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 29 ottobre 2020).
  12. ^ (TR) Sırrı Bıyık, Başbakan 'vatman' oldu, Yeni Şafak, 21 dicembre 2002. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 12 gennaio 2003).
  13. ^ (TR) İstanbul’a yeni metro hatları geliyor, su v3.arkitera.com. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 2 febbraio 2022).
  14. ^ (TR) Otogar-Olimpiyatköy metro hattı hizmete başladı, su cnnturk.com, CNN Türk, 14 giugno 2013. URL consultato il 20 giugno2022 (archiviato il 20 giugno 2022).
  15. ^ (TR) İstanbul'un kilit taşı yerine oturdu, su turkiyegazetesi.com.tr, Türkiye Gazetesi, 16 febbraio 2014. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 2 marzo 2014).
  16. ^ (TR) İstanbul'da raylı sistem taşımacılığı rekor kırdı, su hurriyet.com.tr, Hürriyet, 28 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 23 aprile 2018).
  17. ^ (TR) Üsküdar-Ümraniye-Çekmeköy metrosu cuma açılıyor, su takvim.com.tr, Takvim, 12 dicembre 2017. URL consultato il 20 giugno 2022 (archiviato il 12 dicembre 2017).
  18. ^ (TR) Adem Demir e Hikmet Faruk Başer, Sürücüsüz metro Avrupa'nın birincisi seçildi, su aa.com.tr, Anadolu Ajansı, 14 novembre 2018. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 21 novembre 2018).
  19. ^ (TR) Mecidiyeköy-Mahmutbey Metro Hattı açıldı, in Sputnik Türkiye, Sputnik, 20 dicembre 2020. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2022).
  20. ^ (TR) Ataköy-Olimpiyat Metro Hattı'nın 2 istasyonu hizmete açıldı, in CNN Türk, 29 maggio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2022 (archiviato il 2 febbraio 2022).
  21. ^ a b c d e (EN) M7 Yildiz-Mahmutbey Metro Line, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  22. ^ a b (TR) M8 Bostancı - Dudullu - Parseller Metro Hattı, in Metro İstanbul, İstanbul Büyükşehir Belediyesi. URL consultato il 6 gennaio 2023 (archiviato il 6 gennaio 2023).
  23. ^ a b c d e f (EN) İstanbul’s new airport’s first metro connection opens this weekend, su railturkey.org. URL consultato il 25 gennaio 2023.
  24. ^ a b c d (TR) M1 Yenikapı - Atatürk Havalimanı / Kirazlı Metro Hattı [M1 Yenikapı - Atatürk Airport / Kirazlı Metro Line], su Istanbul-ulasim.com.tr, İstanbul Ulaşim A.Ş. URL consultato il 14 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  25. ^ a b c d (EN) M2 Yenikapi-Seyrantepe-Haciosman Metro Line, su metro.istanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  26. ^ a b c d (EN) M3 Kirazlı-Basaksehir/Metrokent Metro Line, su metro.istanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  27. ^ a b c d (EN) M4 Kadikoy-Sabiha Gokcen Airport Metro Line, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  28. ^ a b c (TR) M5 Üsküdar – Yamanevler, su Milliyet.com.tr.
  29. ^ a b c (TR) M6 Levent – Boğaziçi Üniversitesi/Hisarüstü Metro Hattı [M6 Levent – Boğaziçi Üniversitesi/Hisarüstü Metro Line], su Istanbul-ulasim.com.tr, İstanbul Ulaşım. URL consultato il 20 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  30. ^ a b c d (EN) M8 Bostanci-Dudullu-Parseller Metro Line, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  31. ^ a b c d (EN) M9 Bahariye-Olimpiyat Metro Line, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  32. ^ (EN) M5 Uskudar-Cekmekoy Metro Line, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  33. ^ (EN) M6 Levent-Bogazici U./Hisarustu Metro Line, su metro.istanbul, Metro İstanbul. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  34. ^ (TR) M9 Bahariye-Olimpiyat Metro Hattı Açılıyor, su metro.istanbul. URL consultato il 28 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2021).
  35. ^ (TR) metro.istanbul, Metro İstanbul, https://www.metro.istanbul/Content/assets/uploaded/Y%C4%B1llara%20g%C3%B6re%20Genel%20Toplam%20Yolcu%20Say%C4%B1lar%C4%B1%20-TR.pdf. URL consultato il 4 febbraio 2022 (archiviato il 3 febbraio 2022).
  36. ^ (TR) Bostancı-Dudullu-Parseller Metro Hattı, su metro.istanbul, www.metro.istanbul. URL consultato il 6 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2023).
  37. ^ a b Solo per le tratte in costruzione.
  38. ^ http://www.ibb.gov.tr/tr-TR/kurumsal/Birimler/AvrupaYakasiRayliSistemlerMD/Documents/2016/avrupa_yakasi_rs3b.pdf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]