Milliyet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Milliyet
StatoTurchia Turchia
Linguaturco
Periodicitàquotidiano
Formatobroadsheet
Fondazione1950
SedeIstanbul
EditoreDemirören Group
Sito webwww.milliyet.com.tr/ e milliyet.com.tr
 

Milliyet è un quotidiano turco pubblicato a Istanbul.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Milliyet iniziò a pubblicare presso la stampa Nuri Akça a Babıali, Istanbul, come quotidiano privato quotidiano il 3 maggio 1950. Il suo proprietario era Ali Naci Karacan; dopo la sua morte nel 1955, il periodico divenne di proprietà del figlio, Encüment Karacan.

Per diversi anni la persona che ha lasciato il segno sul giornale come redattore capo è stata Abdi İpekçi, il quale è riuscito a innalzare gli standard della stampa turca introducendo i suoi criteri giornalistici. Il 1 ° febbraio 1979, İpekçi fu assassinato da Mehmet Ali Ağca, che in seguito avrebbe tentato di assassinare Papa Giovanni Paolo II.

Nel 2001 Milliyet aveva una tiratura di 337.000 copie.[1] Secondo comScore, il sito di Milliyet è il quinto sito di notizie più visitato in Europa.[2]

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Dopo vari cambi di proprietà avvenuti a partire dal 1979, il giornale è stato acquistato da una joint venture del Gruppo Demirören e del Gruppo Karacan nel maggio 2011,[3] ma dopo problemi legali e finanziari Karacan ha venduto la sua partecipazione a Demirören nel febbraio 2012. [4]

Linea editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994 Milliyet ha abbandonato la linea di giornalismo "esclusivo" creato da Abdi İpekçi per una linea editoriale di medio mercato simile a quella di Hürriyet. L'edizione online di Milliyet spesso incorpora materiale sensazionalistico da The Sun e Daily Mail.

Milliyet è stato criticato per aver autocensurato un editoriale che criticava la reazione del Primo Ministro a una fuga di notizie.[5] L'articolo è stato bloccato per due settimane e poi è stata rifiutato in modo globale per la pubblicazione.[6]

All'inizio del 2012 Milliyet ha licenziato Ece Temelkuran dopo che aveva scritto articoli critici sulla gestione del governo del massacro di Uludere del dicembre 2011, [7] e Nuray Mert dopo che il primo ministro turco Recep Tayyip Erdoğan l'aveva pubblicamente criticata.[8][9][10]

Nel 2013, Milliyet ha licenziato due editorialisti Hasan Cemal e Can Dündar, che avevano preso posizioni critiche contro il governo del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (AKP).[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adam Smith, Europe's Top Papers, in campaign, 15 novembre 2002. URL consultato il 7 febbraio 2015.
  2. ^ Nearly 50 Percent of Internet Users in Europe Visit Newspaper Sites, 19 January 2012
  3. ^ Dogan News Agency, 4 May 2011, Milliyet and Vatan papers sold to DK
  4. ^ Hurriyet Daily News, 9 February 2012, Karacan Group execs arrested in media probe
  5. ^ A Special Kind Of Awful – The State Of The Turkish Media, Central Asia-Caucasus Institute and Silk Road Studies Program. URL consultato il 2 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2013).
  6. ^ Peter Preston, Turkey's voting for censors, in The Observer, London, 24 marzo 2013. URL consultato il 2 giugno 2013.
  7. ^ Al Akhbar, 6 January 2012, Firing Turkey’s Ece Temelkuran: The Price of Speaking Out Archiviato l'11 ottobre 2017 in Internet Archive.
  8. ^ Turks sense dawn of new era of power and confidence, in BBC news, 21 novembre 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  9. ^ Turkish PM targets Economist magazine, journalist Nuray Mert, in Hurriyet Daily News, 3 giugno 2011. URL consultato il 21 novembre 2011.
  10. ^ Dexter Filkins, Turkey's Jailed Journalists, in The New Yorker, 9 marzo 2012. URL consultato il 18 marzo 2012.
  11. ^ Can Dündar dismissed from daily Milliyet for critical Gezi stance, in Hürriyet Daily News, 1º agosto 2013. URL consultato il 2 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]