Meridiani (MTC)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il sistema dei meridiani

Secondo la medicina tradizionale cinese (MTC), lungo il corpo umano scorrono dei canali di energia (qi) detti meridiani (mai), analoghi a vasi o ad arterie, che formano un sistema organico. Si tratta di flussi energetici di materia fine non riscontrabili direttamente a livello sensoriale.

Suddivisione dei meridiani[modifica | modifica wikitesto]

I meridiani si suddividono in due categorie:

  • meridiani Jing, ossia quelli principali, che scorrono per lo più longitudinalmente e in profondità nel corpo;
  • meridiani Luo, ossia quelli trasversali, che fungono cioè da collegamento tra i meridiani principali.

Gli Jing Mai o meridiani principali[modifica | modifica wikitesto]

I meridiani Jing vengono associati ad un particolare organo, e sono suddivisi in cinque meridiani yin, e cinque meridiani yang, più altri due meridiani "regolatori", quindi in tutto dodici:

Meridiani regolatori:

I Luo Mai o meridiani trasversali[modifica | modifica wikitesto]

I meridiani Luo (pronuncia: Lo) si situano in genere tra la pelle e i muscoli, ed hanno la funzione di collegare un meridiano principale yang ad uno yin, cosicché questi ultimi risultano accoppiati.

Le coppie di meridiani sono così i seguenti:

  • Rene – Vescica
  • Stomaco – Milza-Pancreas
  • Polmone – Intestino crasso
  • Fegato – Cistifellea
  • Cuore – Intestino tenue
  • Triplice riscaldatore – Pericardio

Ogni coppia è associata ad uno dei cinque elementi ideati ed elaborati dal pensiero filosofico cinese (terra, metallo, acqua, legno, fuoco). Poiché si tratta di sei accoppiamenti, i due meridiani "regolatori" (Triplice riscaldatore-Pericardio) sono raggruppati nello stesso elemento Fuoco già associato al Cuore-Intestino tenue.

Patologie dei meridiani e terapie[modifica | modifica wikitesto]

Tra le più antiche forme di terapia dei meridiani è l'agopuntura, che agisce cercando di ripristinare un eccesso o un difetto di energia situato lungo di essi. L'eccesso (yang) o il difetto (yin) non è da confondere con lo stato naturale dei meridiani, ad esempio il meridiano del Rene, di tipo yin, potrebbe subire tanto un deficit yin, come un sovraccarico yang di energia.[1]

Il ripristino dell'energia avviene spostandola da un meridiano che ne abbia in eccesso ad uno che ne abbia specularmente in difetto.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dietmar Krämer, Nuove terapie con i fiori di Bach, vol. III, Meridiani dell'Agopuntura e fiori di Bach. Corrispondenze tra i binari. Terapie per i bambini con fiori di Bach, trad. it., Mediterranee, 2000, pp. 127-133.
  2. ^ Ivi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wilfried Rappenecker, I cinque elementi e i dodici meridiani, Mediterranee, 2003

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]