Matteo Tosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matteo Tosi (Rovigo, 6 luglio 1970[1]) è un attore e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fin da giovane si dedica alla musica e alla recitazione. Nel 1996 si laurea in Discipline Arti Musica e Spettacolo all'Università di Bologna e successivamente si Diploma attore. Frequenta workshop con Maestri Internazionali, tra i quali John Strasberg, figlio di Lee, fondatore dell'Actors Studio di New York. Lavora in cinema in produzioni nazionali ed internazionali, alcuni sui film girati in inglese con cast internazionali, le cui Prime sono state fatte a Los Angeles (Hollywood) e New York, sono distribuiti in molti paesi nel mondo. Lavora in diverse fiction Tv Rai e Mediaset e diventa noto al grande pubblico per aver recitato nel serial Tv di Rai Uno, Incantesimo 10. Nel 2009 vince il premio Adolfo Celi al Festival del Cinema di Messina, nel 2011 Il Premio Euromediterraneo per la Produzione del Cinemusical inedito Opera Palladio di cui è anche autore e regista, e nel 2013 gli viene conferito il Premio Mare Festival Salina nell'ambito del Massimo Troisi Day. Nel 2015 riceve ad Avetrana il Giglio D'oro[2]. È autore e produttore dei suoi Live.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Ubu Incantato di Alfred Jarry, regia di Massimo Machiavelli (1992)
  • Dal silenzio alla parola - Spettacolo di teatro-danza (1993)
  • La morte di Clorinda di Roberto Garagnani (1993)
  • Ecogle di Alberto Rizzi - Fra Poesia e Teatro (2002)
  • Novecento di Matteo Tosi - Tratto da Novecento di Alessandro Baricco (2002)
  • Non c'è più nessuno normale in Italia? di Ferdinando De Laurentis - Commedia comico-brillante (2002)
  • Chi lo sa è bravo di Ferdinando de Laurentis - Commedia comico-brillante (2003)
  • La corte dei miracoli - Musical di Matteo Tosi e Simonetta Rovere (2003)
  • La Favola mia - Musical di Simonetta Rovere (2004)
  • Opera Palladio - Cinemusical di Matteo Tosi e Simonetta Rovere (2010–2011)
  • La mia dannazione - "Diario alla fidanzata di Italo Svevo" di Matteo Tosi (2011–2012)
  • Gioco d'Identità - di Michela Zanarella - Regia di Giuseppe Lorin (2012)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Nordest, regia di Sergio Serafini (2002) - Ruolo: Tancredi Carraro (Protagonista)
  • L'ispettore Coliandro, regia dei Manetti Bros. (2004) - Ruolo: Marco Draghetti (Protagonista di puntata)
  • Carabinieri 4, regia di Raffaele Mertes (2005)
  • Crimini - Rapidamente, regia dei Manetti Bros.(2006)
  • Incantesimo 10, registi vari (2008) - Ruolo: Giulio Solari
  • Il cartomante, regia di Domenico Briguglio (2011) - Ruolo: Roberto (Protagonista)
  • Dolce Amore, regia di Mae Cruz-Alviar, Cathy Garcia-Molina, Richard I. Arellano (2016) - Ruolo: Silvio De Luca

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Natale in autogrill, regia di Fred Kuwornu (2002)
  • Segale, regia di Morgan Emme (2003)
  • Diciotto e due figure, regia di Massimo Ivan Falsetta (2005)
  • Seline, regia di Luciano Silighini Garagnani Lambertini (2016)

Video Clip[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Festival Del Cinema di Messina Premio Adolfo Celi (2009)
  • Festa del Cinema e della Cultura di Chiusa di Pesio Premio Rivelazione (2011)
  • IV Premio Internazionale Euro Mediterraneo Premio Speciale Cultura (2011)
  • Premio Mare Festival Salina Massimo Troisi Day (2013)
  • Giglio D'oro (2015)
  • Istitutore Premio Cinema Veneto Leone di Vetro (2015-2016-2017)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Tosi, Studio Emme. URL consultato il 9 luglio 2015.
  2. ^ M.Sc., Il giglio d'oro di Avetrana all'attore Matteo Tosi, Il gazzettino.it, 16 giugno 2015. URL consultato il 17 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]