Massimo il Greco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo il Greco

Massimo il Greco, oppure Maksim il Greco o Maksim Grek, nato come Mikhail Trivolis (Arta, 1480Monastero della Trinità di San Sergio, 21 gennaio 1556), è stato un umanista, linguista e religioso greco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Massimo il Greco

Massimo il Greco fu un importante personaggio del movimento religioso-culturale del XVI secolo, che si distinse per la traduzione delle Sacre Scritture e della letteratura filosofico-teologica in lingua russa, contribuendo a diffondere la cultura bizantina in tutta la Russia.[1]

Massimo il Greco, discendente da una famiglia benestante, era figlio di un ricco dignitario greco di Arta;[2] studiò e si formò a Parigi, Padova, Bologna, Venezia, Firenze, sotto la guida di Andrea Giovanni Lascaris e Marsilio Ficino.[3]

In Italia strinse amicizia con i principali studiosi e umanisti, come Aldo Manuzio, e seguì le prediche del riformatore Girolamo Savonarola,[4] evidenziando interesse per l'umanesimo e per la Chiesa cattolica, ma trasferitosi nel monastero di Vatopedi sul Monte Athos,[4] aderì alla Chiesa ortodossa.[3]

Quando la Chiesa ortodossa russa e il Gran Duca di tutte le Russie Basilio III chiesero al Patriarcato ecumenico di Costantinopoli un esperto per revisionare i testi sacri russi[4] e per partecipare alle discussioni riguardanti le eresie, Massimo il Greco fu scelto per il compito,[1][2] abbandonando il Monte Athos nel 1516 per arrivare a Mosca agli inizi del 1518.[5]

A Mosca, con la collaborazione dei segretari russi tradusse testi greci canonici, liturgici e teologici in russo ispirando il movimento culturale slavo e gettando le basi per la successiva teologia russa.[1]

Daniele, il nuovo metropolita di Mosca, chiese a Massimo il Greco di tradurre la Storia della Chiesa di Teodoreto di Cirro, ma Massimo il Greco si rifiutò di farla, sottolineando che erano incluse lettere dell'eretico Ario e questo fatto non era positivo per i semi-letterati.[2] Il suo rifiuto provocò una frattura tra Massimo il Greco e il metropolita.[2]

Massimo il Greco nelle sue opere affermò con spirito polemico che la Chiesa dovrebbe praticare la povertà e sospendere lo sfruttamento feudale dei contadini.[1]

Inoltre Massimo il Greco dimostrò grande zelo nell'impegnarsi per il miglioramento morale del popolo russo attraverso i suoi scritti e sermoni, combattendo le superstizioni diffuse tra il popolo in quell'epoca.[5]

Il fervore con il quale eseguì il suo compito lo mise in difficoltà, perché i dibattiti religiosi avevano anche una valenza politica e in un sermone, fondamentalmente allegorico, criticò la situazione contemporanea accusando «le mancanze dei sovrani e dei governi degli ultimi tempi»,[3]con qualche riferimento alle intenzioni di Basilio III di divorziare dalla moglie, a causa della sua infertilità.[2][5][4]

Questo fatto suscitò la contrarietà del Gran Duca di tutte le Russie Basilio III e anche delle autorità ecclesiastiche, a causa di qualche traduzione sospettata di non essere rispettosa della tradizione,[3][5] quindi nel 1525 Massimo il Greco fu arrestato da Daniele, metropolita di Mosca e condannato nel 1531 a venti anni di reclusione nel monastero di Volokolamsk, vicino a Mosca.[1][2][5][4]

Durante la detenzione, Massimo il Greco continuò a lavorare alle opere teologiche e quando fu liberato, nel 1551, il suo prestigio era grande.[1][5]

Lo zar Ivan il Terribile gli rese gli onori pubblicamente, però le opinioni politiche di Massimo il Greco vennero censurate.[1][5]

Durante gli ultimi cinque anni della sua vita, Massimo il Greco si ritirò nel monastero della Trinità di San Sergio, nella città di Sergiev Posad, situato a 71 km a nordest di Mosca, dove fu sepolto e nei secoli venerato come santo.[1][2][5]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Sochinenīiia prepodobnago Maksima Greka v russkom perevodiiee;
  • Slovo prostrannee izlagajušče, s žalostiju, nestroenija i besčinija carej i vlastej poslednego žitija (Sermone che narra diffusamente, con rammarico, i disordini e le mancanze dei sovrani e dei governi dell'ultimo tempo).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Maximus The Greek, su britannica.com. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  2. ^ a b c d e f g (EN) Venerable Maximus the Greek, su oca.org. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  3. ^ a b c d le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 186.
  4. ^ a b c d e Massimo il Greco, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 31 dicembre 2018.
  5. ^ a b c d e f g h (EN) Saint Maximus the Greek, su pemptousia.com. URL consultato il 31 dicembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Arans, A Note on the Lost Library of the Moscow Tsars, in The Journal of Library History, XVIII, n. 3, The University of Texas Press, 1983, pp. 304–316.
  • (FR) Élie Denissoff, Maxime le Grec et l'Occident : contribution á l'histoire de la pensée religieuse et philosophique de Michel Trivolis, Parigi, Louvain, 1943.
  • M. Donadeo, Preghiere a S. Andreij Rubliov e ad altri santi russi canonizzati dal Patriarcato di Mosca dal 1977 al 1993, Genova, 1995.
  • (RU) E. E. Golubinskii, Istoriia Russkoi Tserkvi, II, Mosca, Universitetskaia Tipografiia, 1900.
  • (EN) Jack V. Haney, From Italy to Muscovy : the life and works of Maxim the Greek, Monaco di Baviera, W. Fink, 1973.
  • (RU) A. I. Ivanov, Literaturnoe nasledie Maksima Greka; kharakteristika, atributsii, bibliografiia, San Pietroburgo, Nauka, 1969.
  • (EN) Pierre Kovalevsky, Saint Sergius and Russian Spirituality, New York, St. Vladimir's Seminary Press, 1976.
  • (EN) William K. Medlin e Christos G. Patrinelis, Renaissance Influences and Religious Reforms in Russia, Ginevra, Librairie Droz., 1971.
  • (RU) N V Sinitsyna, Maksim Grek v Rossii, Mosca, Nauka, 1977.
  • (DE) Bernhard Schultze, Maksim Grek als Theologe, Roma, Pont. Institutum Orientalium Studiorum, 1963.
  • (EN) The New Encyclopædia Britannica, VII, Chicago, Encyclopædia Britannica, 2002.
  • (EN) Joseph L. Wieczynski, The Modern Encyclopedia of Russian and Soviet History, Gulf Breeze, Academic International Press, 1976.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62343846 · ISNI (EN0000 0001 2136 0695 · CERL cnp00399102 · LCCN (ENn82088707 · GND (DE118732161 · BNF (FRcb13736012v (data) · J9U (ENHE987007279800005171 (topic) · NSK (HR000685386 · WorldCat Identities (ENlccn-n82088707