Massimo Banzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo Banzi

Massimo Banzi (Monza, 20 febbraio 1968) è un imprenditore e designer italiano.

Co-fondatore di Arduino, è stato indicato dal The Economist come uno dei fautori della "nuova rivoluzione industriale" messa in atto dal movimento Maker. Banzi ha avuto anche un ruolo fondamentale nell'avvio del primo fablab in Italia, e quindi dell'apertura delle Officine Arduino, un fablab-makerspace situato a Torino[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Monza nel 1968, Massimo Banzi frequenta le scuole e poi l'Itis, prima nella stessa Monza, poi trasferendosi a Desio. Dopo aver iniziato gli studi di Ingegneria presso il Politecnico di Milano, li abbandona e inizia a lavorare nel mondo di internet. Assunto da Italia Online, una delle prime società di internet nate in Italia, si trasferisce successivamente a Londra dove lavora per WorldCom e Sky[2].

Dopo aver lavorato come consulente per Prada, Artemide, Persol, Whirlpool, V & A Museum e Adidas nei primi anni 2000 è associato alle attività didattiche del Interaction Design Institute Ivrea[3].

Nel 2004 lo studente colombiano Hernando Barragán, nella sua tesi di master presso l'Interaction Design Institute Ivrea, presenta il progetto Wiring, avente lo scopo di creare uno strumento elettronico semplice ed economico rivolta anche ad un pubblico non specializzato. Banzi, che era supervisore della tesi di Barragán insieme a Casey Reas, nel 2005 presenta il progetto Arduino, che prevedeva lo sviluppo di una piattaforma di prototipazione elettronica open-source che si basa su hardware e software flessibili e facili da programmare. Il team iniziale di Arduino era composto, oltre che da Banzi, da David Cuartielles, Tom Igoe, Gianluca Martino e David Mellis[4].

Massimo Banzi è stato aggregato alle attività didattiche del Interaction Design Institute di Ivrea per quattro anni. Attualmente insegna Interaction Design presso il Master in Interaction Design SUPSI, a Lugano, e il CIID, Copenhagen[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chris Anderson. Makers, il ritorno dei produttori. Per una nuova rivoluzione industriale. Rizzoli, 2012.
  • Massimo Menichinelli, Fab Lab e maker. Laboratori, progettisti, comunità e imprese in Italia. Quodlibet Studio, 2016.
  • Massimo Banzi, Getting started with Arduino, O'Reilly, 2008

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103512507