Fab lab

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amsterdam Fab Lab

Un fab lab (dall'inglese fabrication laboratory) è una piccola officina che offre servizi personalizzati di fabbricazione digitale.

Un fab lab è generalmente dotato di una serie di strumenti computerizzati in grado di realizzare, in maniera flessibile e semi-automatica, un'ampia gamma di oggetti. Tra questi vi sono prodotti tecnologici generalmente considerati di appannaggio esclusivo della produzione di massa.

Mentre non possono competere con la produzione di massa, e le relative economie di scala, nella produzione di beni di consumo, i fab lab hanno dimostrato grandi potenzialità nel fornire ai loro utenti gli strumenti per realizzare in proprio dispositivi tecnologici. Tali dispositivi possono infatti essere adattati alle esigenze locali o personali in modi tuttora non accessibili alle produzioni su larga scala.

Il concetto di fab lab nasce da un'idea del prof. Neil Gershenfeld del MIT. L'idea è legata ad un laboratorio in grado di collaborare a distanza ed elaborare progetti in forma digitale.

Macchinari e utensili[modifica | modifica wikitesto]

Solitamente all'interno di un fab lab si trovano una serie di strumenti per la fabbricazione digitale:[1]

  • stampanti 3D
  • Frese a controllo numerico
  • Laser cutter
  • Macchine per il taglio vinilico
  • Postazione di saldatura e lavorazione elettroniche

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MUSE Fablab, muse.it. URL consultato il 28-04-2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]