Marica Branchesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marica Branchesi (Urbino, 7 marzo 1977) è un'astrofisica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureata in astronomia nel 2002 e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università di Bologna[1] nel 2006, specializzandosi in radioastronomia e indagando buchi neri e ammassi di galassie[2]. Successivamente si trasferisce al California Institute of Technology, dove conosce il marito, Jan Harms, fisico tedesco esperto di onde gravitazionali[3]. Dopo aver vinto un progetto del MIUR che le ha permesso di costruire un proprio gruppo di lavoro, decide di rientrare in Italia[4]. Dal 2009 prima come ricercatrice presso l'Università di Urbino e poi come professore associato presso il Gran Sasso Science Institute[5] partecipa al progetto internazionale LIGO/Virgo[1] nell'ambito del quale si occupa di fisica delle onde gravitazionali[6] e dei segnali elettromagnetici associati alle sorgenti di segnali gravitazionali[1].

È vice presidente della commissione di Astrofisica delle onde gravitazionali della International Astronomical Union e membro del Comitato internazionale per le onde gravitazionali[7].

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 - Breakthrough Prize[8] per aver collaborato alla scoperta delle onde gravitazionali, che conferma, a 100 anni di distanza, quanto ipotizzato da Albert Einstein[9].
  • 2017 - Per il suo contributo alla ricerca sulle onde gravitazionali, Marica Branchesi è tra le dieci persone più influenti del 2017 secondo la classifica “Ten people who mattered this year” della rivista scientifica Nature[6].
  • 2018 - Fra le cento persone più influenti dell’anno, secondo la rivista americana Time.[10][11]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Astronomia Gravitazionale - Nascita di una nuova scienza, su Festival della Scienza, Genova, ottobre 2016.
  2. ^ L'Aquila, la prof Marica Branchesi tra i grandi della scienza, in Il Centro. URL consultato il 25 dicembre 2017.
  3. ^ Marica e Jan, astronoma e fisico ‘a caccia di onde’. La coppia che ha scelto Urbino per la ricerca, in il Ducato, 10 febbraio 2016. URL consultato il 25 dicembre 2017.
  4. ^ "L'Italia deve investire di più sulla scienza, è la nostra scommessa per il futuro", in Repubblica.it, 19 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  5. ^ Chi è Marica, l'italiana nella top 10 di Nature, su ADNkronos, 18 dicembre 2017.
  6. ^ a b Elisabetta Intini, L'italiana Marica Branchesi tra gli scienziati dell'anno di Nature, in Focus, 18 dicembre 2017.
  7. ^ International Astronomical Union | IAU, su www.iau.org. URL consultato il 25 dicembre 2017.
  8. ^ (EN) Breakthrough Prize – Special Breakthrough Prize In Fundamental Physics Awarded For Detection Of Gravitational Waves 100 Years After Albert Einstein Predicted Their Existence, su breakthroughprize.org. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  9. ^ Marco Malaspina, Un’onda da tre milioni di dollari, in MEDIA INAF. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  10. ^ Marica Branchesi, un'astrofisica tra i magnifici 100 di Time: Il mio entusiasmo alle stelle, così condividiamo la scienza, in Repubblica.it, 19 aprile 2018. URL consultato il 19 aprile 2018.
  11. ^ (EN) Marica Branchesi: The World’s 100 Most Influential People, su Time. URL consultato il 19 aprile 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]