Maria Elisabetta di Sassonia-Meiningen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Principessa Maria Elisabetta
Portrait photograph of Princess Maria Elisabeth of Saxe-Meiningen.jpg
Principessa di Sassonia-Meiningen
Nome completo(DE) Maria Elisabeth von Sachsen-Meiningen
NascitaPotsdam, provincia di Brandeburgo, Regno di Prussia, 23 settembre 1853
MorteObersendling, Baviera, Repubblica di Weimar, 22 febbraio 1923
PadreGiorgio II, duca di Sassonia-Meiningen
Madreprincipessa Carlotta di Prussia
Religioneluteranesimo

Maria Elisabetta di Sassonia-Meiningen (Potsdam, 23 settembre 1853Obersendling, 22 febbraio 1923) nata principessa di Sassonia-Meiningen[1], fu una musicista e compositrice tedesca.

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre era il duca Giorgio II di Sassonia-Meiningen[1], figlio del duca Bernardo II di Sassonia-Meiningen e della principessa Maria Federica d'Assia-Kassel; sua madre era la principessa Carlotta di Prussia[1], figlia del principe Alberto di Prussia e della principessa Marianna di Orange-Nassau.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La principessa Maria Elisabetta era ancora molto piccola quando sua madre morì. Fu cresciuta dalla seconda moglie del padre: Feodora di Hohenlohe-Langenburg.

Maria Elisabetta ricevette un'educazione accurata e beneficiò del talento musicale di Theodor Kirchner. Fu una pianista molto dotata e compose delle marce e altri numerosi pezzi musicali, fra i quali la Fackeltanz, in occasione del matrimonio del fratello maggiore Bernardo, una romanza per clarinetto, piano e orchestra (1892) e una fantasia per orchestra: Aus der großen eisernen Zeit.

Il Duca di Sassonia-Meiningen, suo padre, era ammiratore e mecenate di Brahms, il quale influenzò la romanza in fa maggiore composta da Maria Elisabetta, mentre la sonata per clarinetto, opus 120 fu ispirata da Richard Mühlfeld.
Oltre a Brahms e Mühlfeld la Principessa era in stretto contatto con altri musicisti famosi, come Richard Strauss, Franz Mannstädt, Hans von Bülow, Friz Steinbach e Bernhard Müller.
Ella riuniva regolarmente degli artisti presso la sua Villa Felicitas a Berchtesgaden e sostenne finanziariamente delle giovani cantanti.

È sepolta nel cimitero del parco di Meiningen.

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giorgio I di Sassonia-Meiningen Antonio Ulrico di Sassonia-Meiningen  
 
Carlotta Amalia d'Assia-Philippsthal  
Bernardo II di Sassonia-Meiningen  
Luisa Eleonora di Hohenlohe-Langenburg Cristiano Alberto di Hohenlohe-Langenburg  
 
Carolina di Stolberg-Gedern  
Giorgio II di Sassonia-Meiningen  
Guglielmo II d'Assia Guglielmo I d'Assia  
 
Guglielmina Carolina di Danimarca  
Maria Federica d'Assia-Kassel  
Augusta di Prussia Federico Guglielmo II di Prussia  
 
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt  
Maria Elisabetta di Sassonia-Meiningen  
Federico Guglielmo III di Prussia Federico Guglielmo II di Prussia  
 
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt  
Alberto di Prussia  
Luisa di Meclemburgo-Strelitz Carlo II di Meclemburgo-Strelitz  
 
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt  
Carlotta di Prussia  
Guglielmo I dei Paesi Bassi Guglielmo V di Orange-Nassau  
 
Guglielmina di Prussia (1751-1820)  
Marianna di Orange-Nassau  
Guglielmina di Prussia (1774-1837) Federico Guglielmo II di Prussia  
 
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Darryl Lundy, Genealogia della principessa Maria Elisabetta di Sassonia-Meiningen, su thepeerage.com, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 18 maggio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Herta Müller (Hrsg.): Johannes Brahms im Briefwechsel mit Herzog Georg II. von Sachsen- Meiningen und Helene Freifrau von Heldburg, H. Schneider, 1991
  • Antje Olivier: Frauen als Komponistinnen, Internationaler Arbeitskreis Frau und Musik, Geschäftsstelle und Archiv, 1987, S. 59

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74275954 · ISNI (EN0000 0000 6160 3850 · Europeana agent/base/37542 · LCCN (ENn2015036740 · GND (DE103854215 · WorldCat Identities (ENviaf-687145857924823020165