Marco Aime

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco Aime

Marco Aime (Torino, 4 novembre 1956) è un antropologo e scrittore italiano, docente di antropologia culturale presso l'Università di Genova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Aime ha frequentato l'Istituto tecnico industriale statale "Amedeo Avogadro" di Torino, dove si è diplomato, nel 1975, come perito elettrotecnico. Dal 1977 al 1988 ha lavorato presso la Pirelli a Settimo Torinese, portando avanti, nel contempo, gli studi universitari presso l'Università di Torino. La passione per l'antropologia nasce dai primi viaggi extraeuropei compiuti in quel periodo. Il primo, un trekking tra le montagne dell'Hindukush e del Karakorum (Pakistan) nel 1983 e successivamente, nel 1984 in Mali, viaggio a cui deve la passione per l'Africa e in particolare per il Sahel e le regioni desertiche.

Nel 1988 si laurea in Lettere e Filosofia all'Università di Torino con una tesi di antropologia alpina sulle credenze di magia (le "masche") dei montanari della valle Grana (Cuneo). Subito dopo abbandona la fabbrica e si dedica alla professione di giornalista, scrittore e fotografo freelance, collaborando con testate come La Stampa, Airone, Atlante, Gulliver.

Nel 1992 vince un dottorato di ricerca in Antropologia culturale ed Etnologia presso l'Università di Torino, nell'ambito del quale intraprende una ricerca sul terreno tra i Tangba-Taneka del Benin settentrionale, addottorandosi nel 1996 con Francesco Remotti con una tesi dal titolo "Il mercato e la collina. Il sistema politico dei Tangba (Taneka) del Benin settentrionale. Passato e presente". Nel 1999 entra come ricercatore presso l'Università di Genova, dove insegna antropologia culturale come professore associato dal 2005 al 2018, quando consegue l'ordinariato.

Ha condotto ricerche sul campo in Africa occidentale (Benin, Mali) e sulle Alpi nonché ha compiuto numerosi viaggi in paesi extraeuropei come: Algeria, Libia, Tunisia, Marocco, Mauritania, Senegal, Mali, Burkina Faso, Benin, Togo, Ghana, Etiopia, Tanzania, R.D. del Congo, Botswana, Namibia, Sudafrica, Yemen, India, Nepal, Myanmar, Thailandia, Ecuador. Dal punto di vista teorico, si interessa prevalentemente alle tematiche legate al concetto di identità e al turismo.

Ha partecipato alle edizioni 2007, 2008 e 2015 del Festival della Mente di Sarzana e alle edizioni 2004, 2007, 2009 e 2012 del Festivaletteratura di Mantova. Consulente scientifico del festival Pistoia - Dialoghi sull'uomo, dedicato all'antropologia del contemporaneo, sin dalla sua nascita, nel 2010, ha partecipato a tutte le edizioni e ha scritto due libri e collaborato a 4 volumi per la collana Dialoghi sull'uomo - Utet.

In ambito letterario, ha vinto il Premio Chatwin e il Premio Albatros con il libro di racconti Taxi Brousse.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a numerosi articoli scientifici, ha pubblicato:

  • 1992 - Chalancho, Ome, Masche, Sabaque. Credenze e civiltà provenzale in valle Grana, Centre de Minouranço Prouvençal, Coumboscuro
  • 1997 - Il mercato e la collina. Il sistema politico dei Tangba (Taneka) del Benin settentrionale. Passato e presente, Il Segnalibro
  • 1999 - Le radici nella sabbia: viaggio in Mali e Burkina Faso, EDT
  • 2000 - Diario dogon, Bollati Boringhieri
  • 2001 - Sapersi muovere. Pastori transumanti di Roaschia, in collaborazione con S. Allovio e P.P. Viazzo, Meltemi Editore (Cerca su Google Books)
  • 2002 - La casa di nessuno. Mercati in Africa occidentale, Bollati Boringhieri
  • 2004 - Eccessi di culture, Einaudi
  • 2005 - L'incontro mancato, Bollati Boringhieri
  • 2006 - Gli specchi di Gulliver, Bollati Boringhieri
  • 2008 - Il primo libro di antropologia, Einaudi
  • 2008 - Timbuctu, Bollati Boringhieri
  • 2009 - (con Emanuele Severino), Il diverso come icona del male, Bollati Boringhieri
  • 2009 - La macchia della razza. Lettera alle vittime della paura e dell'intolleranza, Ponte alle Grazie
  • 2009 - Una bella differenza. Alla scoperta della diversità del mondo, Einaudi
  • 2010 - (con Anna Cossetta), Il dono al tempo di Internet, Einaudi
  • 2010 - Gli uccelli della solitudine. Solidarietà, gerarchie e gruppi di età a Timbuctu, Bollati Boringhieri
  • 2012 - Verdi tribù del Nord. La Lega vista da un antropologo, Laterza
  • 2012 - (con Davide Papotti) L'altro e l'altrove. Antropologia, geografia, turismo, Einaudi
  • 2009 - La macchia della razza, éleuthera
  • 2012 - Ciò che noi siamo, Loescher (manuale di antropologia per licei)
  • 2013 - Cultura, Bollati Boringhieri
  • 2013 - Le radici nella sabbia. Viaggio in Mali e Burkina Faso, EDT nuova edizione
  • 2014 - Etnografia del quotidiano, éleuthera
  • 2014 - (con G. Pietropolli Charmet) La fatica di diventare grandi, Einaudi
  • 2014 - Tra i castagni dell'Appennino. Conversazioni con Francesco Guccini, Dialoghi sull'uomo - UTET
  • 2014 - (con Emiliano Visconti) Je so' pazzo. Pop e dialetto nella canzone d'autore italiana, da Jannacci a Pino Daniele, EDT
  • 2015 - Senza sponda. Perché l'Italia non è più un paese di accoglienza, Dialoghi sull'uomo - UTET
  • 2016 - (con G. Barbujani, C. Bartoli, F. Faloppa) Contro il razzismo. Quattro ragionamenti, Einaudi
  • 2016 - Antropologia, Egea
  • 2016 - Fuori dal tunnel. Viaggio antropologico nella val di Susa, Meltemi
  • 2017 - (con Luca Borzani) Invecchiano solo gli altri, Einaudi
  • 2017 - Il soffio degli antenati. Immagini e proverbi africani, Einaudi
  • 2018 - L'isola del non arrivo. Voci da Lampedusa, Bollati Boringhieri
  • 2019 - Comunità, il Mulino
  • 2020 - Classificare, separare, escludere. Razzismi e identità, Einaudi, Torino

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

È autore anche di alcune opere di narrativa:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN67701347 · ISNI (EN0000 0001 2137 8035 · SBN IT\ICCU\CFIV\093756 · LCCN (ENn00096083 · BNF (FRcb136267639 (data) · WorldCat Identities (ENn00-096083