Studi africani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gli studi africani o africanistica[1] è lo studio dell'Africa. Il settore include lo studio della storia dell'Africa precoloniale, la storia del colonialismo in Africa e la sua decolonizzazione; lo studio dell'antropologia dell'Africa (gruppi etnici e demografia), di politica, economia, lingue, religioni, cultura, geografia e coinvolge ricercatori di numerosi settori disciplinari. Gli studi africani sono caratterizzati da diverse tradizioni di studio e scuole di pensiero e sono influenzati dalla storia nazionale e dalla storia coloniale del continente.

Un esperto di studi africani è chiamato un africanista[2].

Il territorio oggetto degli studi africani è oggetto di discussioni all'interno della disciplina stessa; gli studi africani si possono centrare sull'interno continente, sull'Africa subsahariana (mentre il nord Africa è oggetto dell'islamistica e degli orientalisti) o su una scala internazionale nella cosiddetta Africa della diaspora. Anche l'espressione panafricanismo è usata per indicare questa attenzione per un territorio che supera la dimensione stessa del continente Africa.

Secondo Basil Davidson, a partire dagli anni Venti anche il termine africanismo si diffonde per indicare lo studio dell'Africa, oltre che per indicare il nazionalismo africano[3]; attualmente le espressioni studi africani[4] o africanistica[5] sono più diffuse, mentre africanismo significa principalmente un atteggiamento favorevole all’affrancamento dei paesi africani[6].

Ambiti e temi di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi africani coinvolgono ricercatori di numerosi settori disciplinari e si focalizzano su un ampio spettro di territori e temi. Oltre allo studio di singole nazioni e regioni, i temi principali oggetto degli studi africani sono[7]

  • Carestie e risorse alimentari
  • Filosofia africana
  • Geografia dell'Africa
  • Popolazione, demografia e gruppi etnici dell'Africa
  • Urbanistica e studi urbani

Ambiente e natura[modifica | modifica wikitesto]

  • Ambiente ed ecosistemi africani
  • Conservazione del patrimonio naturalistico

Arte e cultura[modifica | modifica wikitesto]

  • Arte e storia dell'arte africana (arte africana e arte contemporanea africana)
  • Cultura popolare dell'Africa
  • Percezione, rappresentazioni dell'Africa, auto-rappresentazione e invenzione delle tradizioni

Economia[modifica | modifica wikitesto]

  • Commercio e mercati in Africa
  • Cooperazione e sviluppo economico

Linguistica e letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Storia e Scienze politiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Archeologia africana
  • Formazione degli stati nazionali in Africa
  • Neocolonialismo e relazioni internazionali dell'Africa
  • Ruolo coloniale di Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna. Di recente sono stati avviati studi anche sul ruolo dei paesi scandinavi nella storia coloniale.
  • Ruolo delle donne nella storia africana
  • Scienze politiche africane, scienze politiche post-coloniali
  • Storia dell'Africa
  • Storia della schiavitù
  • Storiografia e metodo applicati allo studio della storia dell'Africa

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

L'accesso alla fonti è uno dei temi centrali per gli studi africani. Lo studioso Jan Vansina mostra nella sua opera di ricerca e pubblicazione come lo studio della storia dell'Africa sia inscindibilmente collegato allo studio dell'archeologia africana[8] e come l'analisi della tradizione orale africana sia una fonte essenziale e attendibile per documentare la storia del continente africano[9].

Tra i centri di studi africani vi sono in Africa l'Università di Makerere, l'Università di Addis Abeba, L'Università Ibadan, l'Università di Asmara, l'Università di Città del Capo; in Europa l'Istituto Frobenius, l'Università L'Orientale di Napoli. Tra i più noti africanisti internazionali vi sono

Studi africani in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Un ruolo di primo piano nello studio dell'Africa in Italia lo ha avuto l'Istituto Italo-Africano (Iia) fondato nel 1906 come Istituto coloniale e poi confluito nel 1995 nell'Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente.

Con la fine del colonialismo, in Italia gli studi africani sono caratterizzati da una parte dai sostenitori della storia coloniale e dall'altra dalla necessità di confrontarsi con il processo di decolonizzazione. Negli anni immediatamente successivi vengono messi in luce i ritardi e silenzi sulla storia coloniale, l'incapacità degli studi africani in Italia di inserirsi nella storiografia nazionale italiana[10] e il contrasto tra i sostenitori della storia coloniale e i non sostenitori della storia coloniale, accusati di promuovere eccessivamente un ideologismo di matrice terzomondista[11]. .

La fine del colonialismo genera anche una trasformazione degli insegnamenti universitari delle scienze sociali di derivazione coloniale e diverse materie vengono accorpate in un unico e generico insegnamento dal titolo di Storia e istituzioni dei paesi afro-asiatici[12] generando aspri dibattiti[13].

Secondo Alessandro Triulzi, gli storici italiani africanisti tendono a concentrarsi più sugli studi di storia politico-istituzionale e diplomatica piuttosto che sulla storia sociale, economica, dei costumi e delle mentalità[14]. Gli studi sull'Africa coloniale italiana sono prevalenti, le ricerche d'archivio sono privilegiate rispetto alle ricerche di campo, e vi è una tendenza a tenere distinti lo studio della storia africane e della storia coloniale, senza arricchirsi di documenti orali e dello studio delle trasformazioni sociali[14]. La storiografia italiana africanista e coloniale appare inoltre isolata rispetto ai dibattiti internazionali, sia perché affronta temi diversi ma anche perché poco collegata a convegni e pubblicazioni internazionali[15].

L'associazione ASAI - Associazione per gli Studi Africani in Italia raggruppa gli africanisti italiani[16][17]. Tra gli incontri più importanti sugli studi africani in Italia si possono ricordare nel 1985 il convegno dell'Istituto Italiano per l'Africa poi rinominato Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente[18], il convegno SISSCO Società Italiana per lo studio della storia contemporanea del 2002[19]. Nel 2010 la Conferenza "Studi italiani sull'Africa a 50 anni dall'indipendenza", organizzata dal 30 settembre al 2 ottobre dal Dipartimento di Studi e ricerche su Africa e paesi arabi dell'Università degli studi di Napoli "L'orientale" [20], riunisce, per la prima volta dopo il Convegno del 1985, gli studiosi italiani dell'Africa rappresentanti di tutti i settori disciplinari. Tra i padri degli studi africani in Italia si possono ricordare in campo antropologico Bernardo Bernardi, Umberto Lanternari, nell'ambito della storia coloniale Carlo Zaghi, Giorgio Battaglia e Angelo Del Boca, nell'ambito della storia militare delle colonie Giorgio Rochat. Tra i più noti africanisti italiani Alessandro Triulzi, Gianpaolo Calchi Novati, Cristiana Fiamingo, Pierluigi Valsecchi, Maria Cristina Ercolassi, Silvana Palma, Irma Taddia, Itala Vivan.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ africanìstica, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ africanista, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ Davidson 1991.
  4. ^ es. Associazione per gli Studi Africani in Italia; Centro Piemontese Studi Africani; Classe di Studi Africani della Veneranda Biblioteca Ambrosiana.
  5. ^ es. Dottorato di ricerca di Africanistica dell'Università L'Orientale di Napoli; Africanistica - Le culture orali dell'Africa di Bernardo Bernardi, 2006.
  6. ^ africanismo, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  7. ^ Oxford Bibliographies nella sezione Africa studies offre una selezione della bibliografia esistente nei diversi settori di studio dell'Africa. La bibliografia è essenzialmente anglofonaː African Studies - Oxford Bibliographies.
  8. ^ Jan Vansina, Historians, Are archeologists your Siblings? in History of Africa, 22, 1995, pp. 369-408 Copia archiviata, su h-net.org. URL consultato il 7 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2012)..
  9. ^ Questo emerge in modo sistematico nelle pubblicazioni Oral Tradition. A Study in Historical Methodology (Translated from the French by H. M. Wright). London: Routledge & Kegan Paul, 1965 e Oral Tradition as History. Madison, Wisconsin: University of Wisconsin Press, 1985.
  10. ^ Ruggiero Romano, La storiografia italiana oggi, Espresso Strumenti, 1978 (e in particolare Gli italiani e l'Africa: la storiografia sul colonialismo italiano, pp. 90-102.
  11. ^ Triulzi 2002, p. 99. Alessandro Triulzi cita Teobaldo Filesi, Considerazioni sulla storiografia generale dell'Africa (1977-1982) in "Quaderni della Rivista Africa", Istituto Italo-Africano, n. 10, 1984 in risposta ad Alessandro Triulzi, Metodologia e ideologia nella storiografia africanistica: note per un dibattito in "Africa", n. 4, 1984, pp. 625-638
  12. ^ Carlo Giglio, Gli studi storici italiani relativi all'Africa dal 1945 al 1976 in La storiografia italiana negli ultimi vent'anni, Atti del I Congresso nazionale di scienze politiche, Perugia 9-13 ottobre 1967, vol II, Marzorati, Milano, 1970, pp. 1311-1328.
  13. ^ Triulzi 2002, p. 99.
  14. ^ a b Triulzi 2002, p. 101.
  15. ^ Triulzi 2002, p. 102.
  16. ^ Associazione per gli Studi Africani in Italia, su asaiafrica.org. URL consultato il 29 settembre 2022.
  17. ^ Vecchio sito dell' Associazione per gli Studi Africani in Italia.
  18. ^ Atti del convegno di studi africanistici in Italia dal 1960 ad oggi, Roma, 25-27 giugno 1985, Istituto Italo-Africano, Roma, 1986.
  19. ^ Triulzi 2002.
  20. ^ Studi Italiani sull’Africa a 50 Anni dall'Indipendenza (PDF), Napoli, 30 settembre - 2 ottobre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4122766-9