Maggiorino Ferraris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maggiorino Ferraris
Maggiorino Ferraris.gif

Ministro delle Poste e dei Telegrafi
Durata mandato 15 dicembre 1893 –
14 giugno 1894
Presidente Francesco Crispi
Predecessore Camillo Finocchiaro Aprile

Durata mandato 14 giugno 1894 –
10 marzo 1896
Presidente Francesco Crispi
Successore Pietro Carmine

Ministro delle Terre liberate dal Nemico
Durata mandato 14 marzo 1922 –
1º agosto 1922
Presidente Luigi Facta
Predecessore Luigi Facta
Successore Vito Luciani

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXIV

Dati generali
Partito politico Partito Liberale Italiano
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Giornalista

Maggiorino Ferraris (Acqui Terme, 6 aprile 1856Roma, 23 aprile 1929) è stato un politico italiano e Senatore del Regno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu Ministro delle Poste e Telegrafi del Regno d'Italia nel terzo e quarto governo Crispi e Ministro delle Terre liberate dal Nemico nel Governo Facta I. Diresse a partire dal 1897 la rivista Nuova Antologia, uno dei più importanti periodici culturali italiani.

È ricordato nella storia d'Italia per aver proposto nel 1905 la legge che dichiarerà l'attività ferroviaria quale 'esercizio di stato'.[1]

Il suo elegio funebre, nel 1929, fu fatto da Luigi Federzoni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marzia Marchi, Turismo di massa e aree costiere, p.253, Milano, FrancoAngeli, 1995.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Controllo di autorità VIAF: (EN88902962