Luigi Maggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Maggi

Luigi Maggi (Torino, 21 dicembre 1867Torino, 22 agosto 1946) è stato un attore e regista italiano del cinema muto, uno dei pionieri del cinema italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò a lavorare prima come tipografo all'UTET[1], poi come attore presso il teatro Piémont, e divenne capo di una filodrammatica dialettale alla Camera del Lavoro della sua città[2]. Nel 1906 conobbe Arturo Ambrosio, che lo assunse presso la casa cinematografica da lui fondata, la Ambrosio Film, a 100 lire al mese[3], e nella compagnia, Maggi svolse il lavoro di attore, regista, sceneggiatore e direttore artistico.

L'esordio avvenne nel 1907, ma il successo arrivò l'anno seguente con il film Gli ultimi giorni di Pompei, diretto insieme ad Ambrosio, a cui fecero seguito altre pellicole dello stesso genere come Nerone e Luigi XI, re di Francia, entrambi del 1909. In molti suoi film comparve anche nel ruolo di attore come in Nozze d'oro del 1911.

Dal 1914 lavorò anche per varie case cinematografiche nazionali tra le quali vi furono la Leonardo Film (Il fornaretto di Venezia, in cui diresse Paola Pezzaglia), la Itala Film, la Film d'Arte Italiana, la Rosa Film e la Caesar Film. In queste compagnie girò film anche come attore diretto da altri registi, come avvenne in Maciste alpino (1916) e Lasciate fare a Niniche (1919).

Suo ultimo film da regista e di successo fu girato nel 1925 dal titolo La bambola vivente, tra i primissimi esempi di film fantascientifico in Italia. Da allora si ritirò dal cinema dedicandosi all'attività teatrale e alla realizzazione di commedie in ambito radiofonico.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica EIAR[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ pag. 33 del libro Un secolo di cinema italiano di P.J. Benghozi del 2000, ed. Il castoro
  2. ^ pag. 99 del libro Cinema muto italiano: Industria e organizzazione dello spettacolo, 1905-1909 di A. Bernardini del 1980, ed. Laterza
  3. ^ pag. 70 del libro Il Vesuvio - un vulcano nella letteratura e nella cultura di Mag. Verena Lindtner del 2008, ed. GRIN Verlag

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Canova, Enciclopedia del cinema, Garzanti Libri, 2009, ISBN 8811505283.
  • Jacopo Mosca, Luigi Maggi, « Dizionario Biografico degli Italiani », vol. 67, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39634828 · ISNI (EN0000 0000 6158 926X · SBN IT\ICCU\UBOV\041150 · LCCN (ENno2002027608 · BNF (FRcb14641484s (data) · WorldCat Identities (ENno2002-027608