Luigi Bonazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Bonazza (Arco, 1º febbraio 1877Trento, 4 novembre 1965) è stato un artista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Bonazza è nato nel 1877 ad Arco, in provincia di Trento, fra il 1893 e il 1897 ha studiato con Luigi Comel presso la Scuola Reale Elisabettiana di Rovereto. Nel 1897 si è trasferito a Vienna dove si iscrive alla Kunstgewerbeschule. Ha studiato pittura con Felician von Myrbach e Franz von Matsch ed è entrato contatto con le secessioni. Nel 1904 vinse un concorso per la realizzazione di una locandina per la Società alpinisti tridentini.[1]

Nel 1912 è tornato a Trento dove assieme ad altri artisti ha fondato il Circolo Artistico Trentino. Fra il 1914 e gli anni quaranta decora la propria casa, rimodellandola secondo gli ideali artistici viennesi. Per evitare l'arruolamento nell'esercito dell'Impero austro-ungarico fuggì in Italia: fra il 1916 e il 1918 vive a Vizzola Ticino, vicino Milano. Qui lavora per Gianni Caproni realizzando acquarelli e incisioni sul volo. Tornò a Trento nel 1918 con la fine della prima guerra mondiale. In seguito dipinge soprattutto paesaggi neodivisionisti e ritratti. Fra il 1932 e il 1933 ha decorato il Palazzo delle Poste di Trento. Visse per un periodo a Torbole sul Garda, ma durante la seconda guerra mondiale rimase a Trento nonostante i bombardamenti fino al 1944, quando si spostò a Bosentino. Dopo la guerra tornò a Trento, ma negli anni cinquanta dovette smettere di dipingere a causa di un peggioramento della vista. Morì nel 1965.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Leda con il cigno, cartoncino e biacca su carta (circa 1898/1899)
  • Orfeo ed Euridice, trittico (1905)
  • Jovis Amores (Amori di Giove), sei acqueforti su acciaio (1906 - 1910)
  • Allegorie del giorno, serie (1909 - 1920)
  • Aereo Caproni nella notte, acquerello su carta (1916)
  • Notte d'estate (1916)
  • Notturno (1928)
  • Il ricevimento dei tre cardinali nel Palazzo a Prato ai tempi del Concilio, affresco al Palazzo delle Poste di Trento (1932 - 1933)
  • Bosco d'autunno (1940)

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Mostre alle quali ha partecipato Luigi Bonazza
Mostre dedicate a Luigi Bonazza

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pubblicazioni, Società Alpinisti Tridentini. URL consultato il 23-11-2008.
  2. ^ Mito e allegoria nell'opera di Luigi Bonazza, Luigi Ratini, Benvenuto Disertori, Artfacts.Net. URL consultato il 23-11-2008.
  3. ^ Luigi Bonazza (Galleria Civica Giovanni Segantini - Palazzo dei Panni - Arco), Exibart.com. URL consultato il 23-11-2008.
  4. ^ Archivio mostre, Galleria d'arte Dusatti. URL consultato il 23-11-2008.
  5. ^ Arte in viaggio. Luigi Bonazza a Breguzzo, MART. URL consultato il 23-11-2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriella Belli (a cura di), Rossana Bossaglia, Oswald Oberhuber (contributi critici), Luigi Bonazza (1877-1965), Provincia autonoma di Trento, Servizio beni culturali, 1985.
  • Giorgio Perilli e Marco Perilli, Luigi Bonazza, Publiprint, 1992.
  • Maurizio Scudiero, Luigi Bonazza. Opere inedite, Edizioni Galleria Dusatti, 1999.
  • G. Nicoletti (a cura di), Luigi Bonazza, Nicolodi, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74650680 · SBN: IT\ICCU\VEAV\026570 · LCCN: (ENn85175993 · GND: (DE118853090 · ULAN: (EN500350041