Luffa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Luffa
Luffa aegyptiaca Blanco2.334.png
Luffa cylindrica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Violales
Famiglia Cucurbitaceae
Genere Luffa
Mill., 1754
Specie

Luffa Mill., 1754 è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee[1].

Originaria dell'Asia, è coltivata anche in Italia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La pianta è rampicante come le zucche; il frutto ha un aspetto molto simile ad una zucchina.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende le seguenti specie:[1]

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Per preparare i semi alla semina si usa lasciarli in ammollo in acqua tiepida per 24 ore. Soltanto dopo questa prima fase vanno piantati nei vasetti da semina. Le piantine vanno annaffiate una volta al giorno. La temperatura di germinazione (al momento della semina) è valutata tra i 10 °C e i 25 °C mentre quella di coltivazione si aggira tra i 15 °C e i 35 °C[2]. Dopo 5 settimane iniziate a portare il vasetto all'esterno, lasciandolo all'ombra per un'ora il primo giorno, due ore il secondo e così via. Passata la sesta settimana la piantina sarà pronta per essere piantata nell'orto (o qualunque terreno abbiate). Si ricorda infine che la pianta preferisce crescere in luoghi con una buona esposizione al sole. Se coltivate questa pianta a scopo di ottenere una spugna, lasciate il frutto sulla pianta per 90 giorni[3]

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Spugna di luffa

Il frutto è utilizzato principalmente come spugna vegetale, in quanto al momento della completa maturazione si disidrata perdendo gran parte del suo peso. Ciò che resta è esclusivamente il corpo fibroso che costituisce la parte spugnosa.

La luffa è dunque usata per pulire le stoviglie e per la pulizia della persona; non è difficile coltivare questa pianta nella propria abitazione, per poi sfruttarla come spugna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Luffa su The Plant List. URL consultato il 30 giugno 2015.
  2. ^ Fonte: Retro della bustina di sementi della luffa Green Paradise
  3. ^ http://ambientebio.it/luffa-la-spugna-vegetale-da-coltivare-nel-vostro-orto/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica