Spugna (oggetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spugna artificiale: spugna di poliuretano abbinata ad una paglietta abrasiva
Spugna di fibra animale: una spugna naturale greca

Una spugna è uno strumento o un ausilio per la pulizia, costituito da materiale morbido e poroso. Solitamente utilizzate per la pulizia di superfici impermeabili, le spugne sono particolarmente adatte per assorbire acqua e soluzioni acquose.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine spugna deriva dal greco antico σπόγγος (spoggos).[1]

Materiali[modifica | modifica wikitesto]

Le spugne sono comunemente fabbricate con fibra di cellulosa o polimeri plastici espansi. Vengono anche utilizzate spugne naturali, principalmente per il corpo o il viso (spugne da bagno) o come strumenti per la pittura a spugna. Le spugne da bagno aiutano a pulire la cute rimuovendo con facilità lo sporco e la pelle morta.[2]

Oltre alle spugne formate da polimeri plastici, le altre tipologie di spugne sintetiche generalmente disponibili sono quelle in poliestere a bassa densità (note come spugne non assorbenti), in PVA (materiale altamente assorbente per usi medici[3][4][5]) e in poliestere.

Proliferazione di batteri[modifica | modifica wikitesto]

Batteri su una spugna da cucina

Dal momento che una spugna di cellulosa è principalmente costituita da fibra di legno, potrebbe favorire la proliferazione di batteri o funghi dannosi al suo interno, soprattutto se rimanesse non completamente asciutta tra un suo utilizzo e il successivo.[6]

Pulizia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diversi metodi utilizzabili per la pulizia delle spugne. Sono stati fatti studi sull'uso del forno a microonde per pulire le spugne non metalliche inumidite. Uno studio del 2006 ha portato alla scoperta che spugne umide trattate col microonde per due minuti (con una potenza di 1000 watt) hanno eliminato il 99% tra coliformi, e. coli e MS2, ma le spore di bacillus cereus hanno richiesto quattro minuti di trattamento.[7] Dopo alcuni incendi causati da coloro che cercavano di replicare i risultati a casa, l'autore dello studio esortò le persone ad assicurarsi che le loro spugne fossero bagnate.[8] Un altro studio del 2009 ha dimostrato che il forno a microonde e la lavastoviglie erano entrambi metodi efficaci per pulire le spugne utilizzate a casa.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Henry George Liddell, Robert Scott, σπόγγος, in A Greek-English Lexicon.
  2. ^ (EN) Development of a new protocol for testing bath sponge quality, in Aquaculture, vol. 271, pp. 275–285, DOI:10.1016/j.aquaculture.2007.06.010.
  3. ^ (EN) Sponge-Like Dressings Based on the Association of Chitosan and Sericin for the Treatment of Chronic Skin Ulcers. II. Loading of the Hemoderivative Platelet Lysate, in pubblicazione of Pharmaceutical Sciences, vol. 105, pp. 1188–1195, DOI:10.1016/j.xphs.2015.11.043.
  4. ^ (EN) Effect of starch on the mechanical and in vitro properties of collagen-hydroxyapatite sponges for applications in dentistry, in Carbohydrate Polymers, vol. 148, pp. 78–85, DOI:10.1016/j.carbpol.2016.04.056.
  5. ^ Simona Martinotti, Mauro Patrone e Valeria Balbo, Endothelial response boosted by platelet lysate: the involvement of calcium toolkit, in International Journal of Molecular Sciences, vol. 21, n. 3, 26 gennaio 2020, DOI:10.3390/ijms21030808. URL consultato il 31 luglio 2020.
  6. ^ (EN) Reducing bacteria in household sponges, in pubblicazione of Environmental Health, vol. 62, pp. 18–22.
  7. ^ a b (EN) Hygiene in the home kitchen: Changes in behaviour and impact of key microbiological hazard control measures, in Food Control, vol. 35, pp. 392–400, DOI:10.1016/j.foodcont.2013.07.026.
  8. ^ (EN) Microwave 'sterilisers' warning, BBC News, 24 gennaio 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]