Ludovico Nitoglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ludovico Nitoglia
ST vs Treviso 2013 (57).JPG
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 84 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti ala
Ritirato 2016
Carriera
Attività di club¹
2001-04Lazio&Primavera39 (145)
2004-09Calvisano70 (153)
2009-10L'Aquila17 (30)
2010-16Benetton Treviso130 (115)
Attività da giocatore internazionale
2004-06Italia Italia17 (0)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 9 luglio 2018

Ludovico Maria Nitoglia (Roma, 27 ottobre 1983) è un ex rugbista a 15 italiano, già tre quarti ala del Benetton Treviso in Pro12 e internazionale per l'Italia.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Nativo del quartiere romano dei Parioli e cresciuto in una famiglia di rugbisti (anche suo fratello Michele è professionista),[1] Nitoglia si formò nella Lazio&Primavera, guadagnandosi per la sua velocità in campo il soprannome di «Freccia».[1] Con la società romana esordì in campionato e si mise in evidenza nelle varie selezioni giovanili italiane; passato al Calvisano nel 2004, esordì poco dopo in Nazionale, in un test match contro il Canada.

In azzurro vanta la partecipazione da titolare nei Sei Nazioni 2005 e 2006; preselezionato per la Coppa del Mondo di rugby 2007, a causa dei postumi di un infortunio l'allora C.T. Pierre Berbizier non lo incluse nella rosa dei convocati alla manifestazione.

Con il Calvisano vinse due titoli di Campione d'Italia, nel 2005 e nel 2008. Nel 2009, dopo la richiesta di declassamento del club lombardo, rimase nel Super 10, ingaggiato a L'Aquila, in cui rimase una stagione sola[2] prima di firmare un contratto per il Benetton Treviso[3] e giocare nel campionato internazionale di Celtic League, poi Pro12.

Dall'epoca della sua mancata selezione nel 2007, Nitoglia non rispose più a successive chiamate della Nazionale, sia sotto la gestione Mallett,[4] che con la nuova conduzione Brunel.[5]

Alla fine della stagione 2015-16 decise il ritiro dall'attività a 32 anni per trasferirsi insieme alla sua fidanzata in Brasile per svolgere attività di volontariato sociale a Paraisópolis, città nei dintorni di San Paolo[6] in cui allena ragazzi di favela per l'associazione Rugby para Todos.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Valerio Vecchiarelli, Nitoglia, dai Parioli al match col Canada in maglia azzurra, in Corriere della Sera, 6 novembre 2004. URL consultato il 16 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2015).
  2. ^ Ferla L'Aquila, un ko indolore Nitoglia saluta i neroverdi, in il Centro, 9 maggio 2010. URL consultato il 5 luglio 2013.
  3. ^ Silvano Focarelli, Ecco Nitoglia, Burton e Maddock, in la Tribuna di Treviso, 12 luglio 2010. URL consultato il 5 luglio 2013.
  4. ^ Elvis Lucchese, «Ludo», il campione che ha rinunciato alla maglia azzurra, in Corriere della Sera, 27 ottobre 2010. URL consultato il 5 luglio 2013.
  5. ^ Sgarbi, che jella: è frattura. Nazionale-Nitoglia, giallo, in la Tribuna di Treviso, 19 febbraio 2013. URL consultato il 5 luglio 2013.
  6. ^ Nitoglia, la palla ovale e un sorriso, in Corriere del Veneto, 26 maggio 2017. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  7. ^ (PT) Ivan Clever, Conexão Treviso – Paraisópolis, su rugbyparatodos.org.br, Rugby para Todos, 24 maggio 2017. URL consultato l'8 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]