Lucio Manlio Acidino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Manlio Acidino
Roman SPQR banner.svg Pretore della Repubblica romana
Nome originale Lucius Manlius Acidinus
Nascita 249 a.C. circa
Gens Manlia
Pretura nel 210 a.C.[1]

Lucio Manlio Acidino Acidino [2] (249 a.C. circa – ...) è stato un politico della Repubblica romana e membro della gens Manlia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu pretore urbano nel 210 a.C..[1] Sul finire dell'anno venne inviato dal Senato in Sicilia, così da rilevare il console Marco Valerio Levino e farlo tornare a Roma per celebrare le elezioni.[3]

Nel 207 a.C. fu con le truppe di stanza a Narni per opporsi ad Asdrubale e fu il primo ad inviare a Roma la notizia della sconfitta di quest'ultimo[4].

Nel 206 a.C. ottenne, insieme a Lucio Cornelio Lentulo, la provincia di Spagna, in quanto proconsole. L'anno successivo sottomise gli Ausetani e gli Ilergeti, che si erano ribellati ai romani in conseguenza dell'assenza di Scipione. Prima del 199 a.C. Lucio Manlio non fece ritorno a Roma, dove gli fu impedito dal tribuno Publio Porcio Laeca di entrare con un'ovazione, che gli era stata concessa dal Senato[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Livio, XXVI, 23.1.
  2. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston, Little, Brown and Company, vol.1 p. 12
  3. ^ Tito Livio, XXVI 23, XXVII 4
  4. ^ Tito Livio, XXVII 50
  5. ^ Tito Livio, XXVIII 38, XXIX 1-3, 13, XXXII 7

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne