Luciano Cimmino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Cimmino
Luciano Cimmino daticamera.jpg

Vicepresidente di Scelta Civica
Durata mandato 23 maggio 2013 –
13 luglio 2015
Successore Ilaria Borletti Buitoni

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII (Fino al 23/07/15)
Gruppo
parlamentare
Scelta Civica per l'Italia
Coalizione Con Monti per l'Italia
Circoscrizione Campania 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Scelta Civica per l'Italia
Titolo di studio Diploma di Istituto Tecnico Commerciale
Professione Imprenditore

Luciano Cimmino (Napoli, 23 giugno 1944) è un imprenditore e politico italiano. Presidente della Pianoforte Holding, società controllante imprese che operano nel settore dell'abbigliamento a cui fanno capo i marchi Carpisa, Yamamay e Jaked.[1]

È stato membro della Camera dei Deputati dal 2013 al 2015, eletto con Scelta Civica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cimmino si diploma ragioniere nel 1962 ed inizia a lavorare nell'azienda paterna di rappresentanze tessili a Napoli.

Nel 1975 assume le rappresentanze di aziende allora leader di mercato, come la Bassetti e la Stefanel[1].

Nel 1983 fonda con un gruppo di soci il marchio Original Marines. Per i primi dieci anni queste produzioni sono in gran parte realizzate in Brasile e nel 1988 l'allora Presidente della Repubblica Brasiliana José Sarney conferì a Cimmino la Commenda dell’Ordine di Rio Branco, la più alta onorificenza riservata a cittadini stranieri dal Brasile[1].

All'inizio degli anni 2000 Luciano Cimmino lascia il suo ruolo di Presidente del CdA della Original Marines, liquidando totalmente la propria partecipazione, e nel 2001 nascono i marchi Yamamay e Carpisa con la Famiglia Carlino[1].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Campania 1, come capolista di Scelta Civica per l'Italia, il partito del premier uscente Mario Monti.[2]

Il 13 luglio 2015 si dimette dalla Camera dei Deputati; "Motivi personali mi hanno portato a questa decisione - ha spiegato Cimmino, interpellato dall'ANSA - Senza Mario Monti per me è venuto meno un punto di riferimento fondamentale". Gli subentra come deputato Giovanni Palladino.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine del Rio Branco - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine del Rio Branco
— 1988

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 2012[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]