Luca Raimondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luca Raimondo

Luca Raimondo (Salerno, 16 marzo 1972) è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luca Raimondo, formatosi all'interno della Scuola Grafica Salernitana, inizia la sua carriera di disegnatore nel 1995 con la storia breve La zona morta, sceneggiata da Paolo Morales e pubblicata sul settimanale Intrepido . Successivamente, nell'ambito di una collaborazione con la Scuola italiana di Comix, realizza gli albi Non ti pago e Le voci di dentro, versione illustrata delle omonime commedie di Eduardo De Filippo, pubblicate nella serie Il teatro a fumetti. Inizia inoltre a lavorare anche per il mercato francese, disegnando sulle riviste BèDè-Adult e BèDè-X dell'editore IPM e collaborando con B&M edizioni. Realizza inoltre i disegni de I tarocchi di Casanova, I tarocchi dell'Olimpo e I tarocchi pagani commissionati dall'editore Lo Scarabeo di Torino.

A partire dal 2002 lavora con Sergio Bonelli editore, prima nell'ambito dello staff di Jonathan Steele di Federico Memola e poi per la miniserie Brad Barron, creata da Tito Faraci, di cui disegna tre albi (2003). A partire dal 2005 collabora alla serie Dampyr di Mauro Boselli e Maurizio Colombo.

Nel 2008, per l'editore francese Soleil Productions pubblica due volumi della serie "Le temps des loups", scritta da Christophe Bec

Nel 2012 è sulle sulle pagine del "Dylan Dog Color fest" con una storia breve scritta da Giovanni Gualdoni.

Nel 2013 collabora con La Gazzetta dello Sport per la quale illustra alcune uscite della serie “I miti del calcio”.

Nel 2014, sempre per il mercato francese, inizia una collaborazione con l'editore Glénat e su sceneggiatura di Mayko disegna i due volumi de Le Kabbaliste de Prague tratto dall'omonimo romanzo Il cabalista di Praga di Marek Halter. Nello stesso anno disegna un albo per la nuova serie bonelliana Morgan Lost di Claudio Chiaverotti.

Nel 2016 inizia la sua collaborazione con la RAI, collaborando come disegnatore per trasmissioni come "Politics" e La vita in diretta e nel 2017 torna al lavoro su "Dylan Dog". All'attività di disegnatore di fumetti alterna quella di illustratore realizzando locandine, copertine e illustrazioni nel campo dell'editoria e della produzione teatrale.

Nel 2018 è stato "Direttore artistico della sezione fumetto" per la seconda edizione di "Ponte Comix and Fun"[1] evento dedicato al mondo dei cosplay e del fumetto svoltosi a Pontecagnano Faiano, per il quale ha anche realizzato la locandina[2]. Ruolo che ricoprirà anche nell'edizione successiva, il 18 e 19 maggio 2019.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Bonelli Editore[modifica | modifica wikitesto]

Soleil[modifica | modifica wikitesto]

Lo Scarabeo[modifica | modifica wikitesto]

Glénat[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ponte Comix and fun, su www.facebook.com. URL consultato il 31 gennaio 2019.
  2. ^ Serafina Di Lascio, Pontecagnano: Pontecomix in conferenza per il programma, su Zerottonove.it, 10 novembre 2018. URL consultato il 31 gennaio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2883154329457426970006 · WorldCat Identities (ENviaf-2883154329457426970006