Loreto Vittori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Loreto Vittori
NazionalitàItalia Italia
Strumentovoce

Loreto Vittori (Spoleto, 16 gennaio 1600Roma, 23 aprile 1670) è stato un poeta, librettista, compositore e uno dei primi cantanti castrati italiano.

Scoperto a Spoleto dal vescovo Maffeo Barberini (il futuro papa Urbano VIII), fu inviato a Roma nel 1617. Qui divenne allievo di Giovanni Bernardino Nanino e Francesco Soriano. Cantò a Loreto e nella sua città natale, quindi fu cantore nella Cappella Sistina dal 1622 alla morte; è sepolto in Roma nella basilica di Santa Maria sopra Minerva.

Nel 1639 scrisse un melodramma dal titolo La Galatea andato in scena al Palazzo Spinelli di Cariati di Napoli nel 1644, riscoperto e riproposto nel 2005. Compose inoltre l'oratorio Sant'Ignazio di Loyola, perduto, e due melodrammi dal titolo Sant'Irene (1644) e La pellegrina costante (1647), quest'ultima tratta da un romanzo francese di J.P.Camus, Parthénice, tradotto in Italia da Maiolino Bisaccioni; scrisse anche l'opera Diana schernita andata in scena a Napoli nel 1644 e la commedia inedita La fiera di Palestrina, un'altra commedia, Le zittelle cantarine, e una raccolta di monodie e di Dialoghi sacri e morali. Scrisse un poema eroicomico, La Troja rapita (1662), che sulla falsariga della Secchia rapita del Tassoni narra la guerra fra Rieti e Cantalice ai tempi di papa Eugenio IV; il poema contiene importanti dati autobiografici, relativi anche all'ambiente romano barberiniano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bianca Maria Antolini, Loreto Vittori musico spoletino. Quaderni di “Spoletium” 3, Spoleto, ed. Accademia Spoletina, 1984.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Breve biografia, su goldbergweb.com. URL consultato il 20 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2006).
  • (EN) La Galatea, melodramma di Vittori, su areditions.com. URL consultato il 20 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2011).
Controllo di autoritàVIAF (EN89098964 · ISNI (EN0000 0000 8078 1097 · LCCN (ENno93001419 · GND (DE119433230 · BNF (FRcb14832263n (data) · CERL cnp00555658 · WorldCat Identities (ENno93-001419