Loppiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Loppiano
Loppiano – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Città metropolitana Provincia di Firenze-Stemma.svg Firenze
Comune Figline e Incisa Valdarno-Stemma.png Figline e Incisa Valdarno
Frazione
Territorio
Coordinate 43°39′24″N 11°26′58″E / 43.656667°N 11.449444°E43.656667; 11.449444 (Loppiano)Coordinate: 43°39′24″N 11°26′58″E / 43.656667°N 11.449444°E43.656667; 11.449444 (Loppiano)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 50064
Prefisso 055
Fuso orario UTC+1
Patrono Maria Madre di Dio
Giorno festivo 1º gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Loppiano
Loppiano
Santuario di Maria Theotokos

Loppiano (per esteso Mariapoli di Loppiano[1]) è una cittadella permanente[2] del Movimento dei focolari situata nel comune di Figline e Incisa Valdarno, in particolare nella frazione Burchio e nelle località San Vito, Montelfi, Campogiallo e Tracolle.

Notizie storiche ed economiche[modifica | modifica wikitesto]

Loppiano è stata fondata da Chiara Lubich nel 1964[3] su alcuni terreni donati da Vincenzo Folonari[4], con l'intento di mettere in pratica gli ideali del movimento da lei fondato in precedenza.

A Loppiano vivono stabilmente duecento persone cui si aggiungono circa altre seicento che vi trascorrono un periodo di formazione; i residenti provengono da settanta paesi. Vi è la sede dell'Istituto Universitario Sophia, affiliato al movimento.

La diversità di lingue, culture e provenienze si manifesta anche nella musica. Hanno infatti origine e sede nella cittadella i complessi multiculturali Gen Rosso e Gen Verde.

Gli abitanti di Loppiano lavorano prevalentemente in aziende di vari ambiti che vanno dall'agro-alimentare (vino, olio di oliva, miele) all'artigianato (legno, stoffa, arredamento), all'arte, all'assistenza medica.

Nel 2004 è stato eretto nella cittadella il Santuario di Maria Theotokos (madre di Dio)[5][3]. Nell'agosto 2006 ha ospitato gli oltre 4000 giovani partecipanti al RoverWay'06, raduno internazionale del movimento scout[6].

Renata Borlone, per anni co-responsabile di Loppiano, è stata dichiarata Serva di Dio ed è in corso il suo processo di beatificazione[7].

L'esperienza alla base della nascita di Loppiano è stata ripresa in altre nazioni e ad oggi sono numerose le cittadelle del movimento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Loppiano sul sito web della Diocesi di Fiesole
  2. ^ [2] "Renzi a Loppiano per i 50 anni della Cittadella dei Focolarini"
  3. ^ a b [3] Il Santuario di Loppiano nella XIV Settimana della Cultura (2012)
  4. ^ [4] Vincenzo "Eletto" Folonari
  5. ^ [5] Descrizione del Santuario sul sito del C.A.I Valdarno Superiore
  6. ^ [6] Roverway 2006 su scouteguide.it
  7. ^ [7] Comunicazione della fine della fase diocesana del processo di beatificazione di Renata Borlone

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]