Città Nuova Editrice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Città Nuova Editrice
StatoItalia Italia
Fondazione1959 a Roma
Sede principaleRoma
SettoreEditoria
Prodottilibri

Città Nuova è una casa editrice nata a Roma nel 1959[1].

Denominazione[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione della casa editrice fa riferimento al progetto cristiano volto a "edificare una nuova civiltà". A tale progetto viene collegata la riscoperta e la pubblicazione dei volumi dei Padri della Chiesa, che rappresenta uno degli elementi del catalogo dell'Editrice[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo volume pubblicato è stato Meditazioni di Chiara Lubich. Nella prima fase del proprio sviluppo Città Nuova Editrice ha consolidato il suo programma editoriale concentrandosi su tematiche religiose, teologiche, spirituali e sulla saggistica storico-letteraria. Oltre a dare voce agli autori considerati come "classici" del pensiero cristiano, Città Nuova ha cercato di essere attenta a settori culturali che, pur provenendo da esperienze diverse da quella cattolica, riflettono sui valori dell'uomo e sul destino storico dell'umanità. Città Nuova Editrice si occupa perciò anche dei temi del dialogo interreligioso e interculturale e ha avviato una serie di iniziative editoriali su questo importante aspetto della modernità. Ha successivamente introdotto nel proprio catalogo collane specifiche di natura storica, psicologica, pedagogica, sociologica e politologica.

Nel corso del convegno Bibliostar, Città Nuova ha presentato una piattaforma digitale per la ricerca e la consultazione delle fonti della cultura europea denominata PrimiSecoli.it. Su tale piattaforma è iniziata la pubblicazione delle opere più significative degli autori dei primi secoli dell'era cristiana, offrendo la possibilità di effettuare ricerche multiple sui testi in lingua originale e in italiano [2] partendo dalla raccolta integrale di Agostino d'Ippona.

Città Nuova editrice fa parte del Gruppo Editoriale Città Nuova, denominazione che l'azienda assume dal 2008, collegato al movimento dei Focolari.[3]

A partire dal 2010 l'attività editoriale si è poi estesa anche al settore degli e-book, sempre con particolare attenzione alle tematiche a sfondo religioso che costituiscono il nucleo della produzione editoriale dell'azienda.

Collaboratori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b I peccati del Vaticano, Claudio Rendina, Newton Compton Editori, anno 2010, vedi Google books
  2. ^ Una piattaforma digitale per i padri della Chiesa, articolo su L'Osservatore Romano del 4 luglio 2013, consultabile on-line su www.vatican.va
  3. ^ Focolari, Michele Zanzucchi, pagina 133, Città Nuova, anno 2009, vedi Google books

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria