Little Senegal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Little Senegal
Titolo originale Little Sénégal
Lingua originale Wolof, inglese, francese, arabo
Paese di produzione Algeria, Francia, Germania
Anno 2001
Durata 97 min
Colore colore, Technicolor
Audio sonoro, Dolby SR
Genere drammatico
Regia Rachid Bouchareb
Sceneggiatura Rachid Bouchareb, Olivier Lorelle
Casa di produzione 3B Productions, Canal+, France 2 Cinéma
Interpreti e personaggi
Premi
  • Cologne Mediterranean Film Festival: Premio della giuria a Rachid Bouchareb e Miglior Attore a Sotigui Kouyaté
  • Milano African Film Festival: Premio Miglior Film
  • Festival Internazionale del Film Francofono di Namur: Premio miglior attore
  • Valladolid International Film Festival: FIPRESCI Prize al regista

Little Senegal è un film del 2001 diretto da Rachid Bouchareb.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alloune è la guida presso il museo africano La Maison des Esclaves di Gorée, in Senegal. Decide di partire negli Stati Uniti per ritrovare i discendenti dei suoi antenati, deportati come schiavi. Si ritrova nel quartiere Little Senegal di Harlem, dove vive una buona parte della comunità di emigrati, provenienti dall'Africa occidentale, compresi suo nipote e una lontana cugina. Tenta disperatamente di riunire tutta la famiglia, ma le sue azioni diventano incomprensibili per i parenti americani. Un fossato infatti separa le comunità afroamericane dagli immigrati africani più recenti.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

È stato selezionato in concorso ufficiale al Festival internazionale di Berlino e nel 2001 ha vinto al Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina di Milano il premio per il miglior film.

Grazie alla sua interpretazione il protagonista Sotigui Kouyaté si è aggiudicato il premio per il miglior attore in diversi festival internazionali.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premi e riconoscimenti su IMDB

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vanessa Lanari (a cura di), Camera Africa, classici, noir e nollywood e la nuova generazione del cinema delle Afriche, Verona, Cierre Edizioni, 2011. ISBN 978-88-8314-627-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]