Festival del cinema africano, d'Asia e America Latina di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina
Luogo Milano
Anni 1991 - oggi
Fondato da COE - Centro Orientamento Educativo
Date Marzo
Genere Cinema africano, d'Asia e d'America Latina
Organizzazione Rosella Scandella (Direzione generale)

Gabriella Rigamonti (Direzione generale) Annamaria Gallone (Direttrice artistica)

Alessandra Speciale (Direttrice artistica)
Sito ufficiale http://www.festivalcinemaafricano.org

Il Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina è un festival annuale dedicato al cinema dell'Africa, dell'Asia e dell'America Latina che ha sede a Milano dal 1991. Il festival è promosso dall'associazione COE. Nel 2005 da Festival Cinema Africano il festival cambia nome in Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina. L'infopoint della rassegna, durante il periodo dei Festival, è dentro uno dei bastioni di Porta Venezia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Festival Cinema Africano viene creato nel 1991 come un'occasione d'incontro e conoscenza dei temi e dei linguaggi della cinematografia africana e della diaspora africana nel mondo. Per i primi nove anni l'evento rimane legato esclusivamente all'Africa e alla diaspora e portando a Milano una visione dell'Africa e del mondo proposta da autori africani, e facendola poi girare in Italia attraverso la distribuzione dei film. Verso la fine degli anni novanta la programmazione del festival si arricchisce di nuovi orizzonti geografici e di nuove sezioni, come la sezione video. Nel 2000 viene istituita la Sezione Finestre, il festival si apre a una dimensione di cinema meticcio. Con questa sezione cominciano a essere presentati all'interno del festival contributi dai Caraibi, dal Pacifico, dall'area mediorientale, dall'Asia e dal Sudamerica. Poi anni dopo il regolamento del concorso viene riformulato e viene modificata radicalmente la struttura del festival. Nel 2005 il Festival del Cinema Africano di Milano prende il nome di Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina estendendo la competizione al cinema dei tre continenti. Vengono inserite all'interno del festival le due sezioni Concorso lungometraggi finestre sul mondo (sezione competitiva di lungometraggi provenienti da Africa, Asia e America Latina) e il Concorso documentari finestre sul mondo (sezione competitiva di documentari provenienti da Africa, Asia e America Latina). Ai concorsi Finestre sul Mondo si affianca una sezione Panoramica sul cinema africano che accoglie tutte le nuove produzioni africane fuori-concorso e che dal 2006 diventa competitiva con la creazione di un Premio al Miglior Film Africano del Festival (senza distinzione di sezione o di categoria). Un'altra sezione del festival è il Concorso cortometraggi africani (aperto a fiction e documentari). Retrospettive e sezioni a tema rimangono dedicate al cinema africano per mantenere viva la tradizione e la specificità del festival. La scelta di aprire il festival ad altri continenti del Sud del mondo è determinata dalla richiesta degli stessi registi africani di partecipare ad una competizione che non si limiti al cinema africano ma che apra le porte ad un confronto con altre cinematografie. La scelta permette un ulteriore arricchimento del dialogo multiculturale e crea la possibilità di invitare al festival registi dei tre continenti per uno scambio con i professionisti d'Italia e d'Europa e di sostenere coproduzioni Sud-Sud[1].

Nel corso della storia del festival hanno fatto parte della giuria Omar Sharif, Wole Soyinka, Gabriele Salvatores, Silvio Soldini, Sergio Rubini, Danny Glover, Tahar Ben Jelloun, Inge Feltrinelli e Isabella Ferrari.

Struttura del festival[modifica | modifica wikitesto]

Il festival nasce con l'obiettivo di far conoscere sia il cinema che la cultura di Africa, Asia e America Latina al pubblico che vive in Italia[2]; il festival deve inoltre potenziare il mercato e la distribuzione di questa cinematografia[3]. Il festival è strutturato in una serie di concorsi, premi e sezioni:

  • Concorso lungometraggi “Finestre sul mondo”. Premio ENI al Miglior Lungometraggio Finestre sul mondo
  • Concorso documentari “Finestre sul mondo”. Premio Provincia di Milano al Miglior Documentario Finestre sul mondo
  • Concorso Miglior Film Africano del Festival. Premio Regione Lombardia al Miglior Lungometraggio Africano
  • Concorso Miglior Festival Africano
  • Concorso Cortometraggi Africani. Premio ENI al Miglior Cortometraggio fiction e documentario
  • Sezione Fuoriconcorso – Extr'A
  • Sezione Tematica
  • Sezione Speciale
  • Premi speciali

Il festival produce, a ogni edizione, un catalogo con le schede dei film e saggi critici e pubblicazioni. Oltre ai cataloghi, le pubblicazioni realizzate dal festival sono:

  • Guide du Cinéma Africain, Edizione COE Centro Orientamento Educativo - Racines Noires - Ecrans Nord-Sud - CCAS
  • Sembène Ousmane, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano,
  • African Cartoon, il cinema d'animazione in Africa, Edizione Il Castoro
  • Racines Noires, Volume pubblicato in occasione delle retrospettive del 9º Festival “Cinema Afro-Brasiliano”
  • Olivier Barlet, Il Cinema africano - Lo sguardo in questione, Edizione C.O.E. – L'Harmattan Italia, Milano - Torino
  • Cinemafrica - Edizione COE
  • Un posto sulla terra, cinema per (r)esistere, Edizione Il Castoro
  • Cine negro cubano, Volume pubblicato in occasione delle retrospettive del 10º Festival “Cinema Afro-Cubano”

Il festival si indirizza al pubblico di Milano e degli appassionati che accedono alle produzioni proposte dal festival anche attraverso le rassegne “Dopofestival” e Sezione itinerante “Travelling Africa” e attraverso l'acquisizione di film africani in pellicola e in DVD. Studenti e docenti delle scuole elementari, medie e superiori sono inoltre coinvolti dal festival attraverso specifici programmi didattici e uno Spazio Scuola - Università.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito del Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina. L'archivio del festival - che comprende i cataloghi e la documentazione pubblicata sul sito internet - è in licenza CC-BY-SA dal 2009 e contribuisce al progetto WikiAfrica.
  2. ^ Il festival presta in particolare attenzione ai programmi educativi attraverso spazio scuola e spazio università
  3. ^ Gli obiettivi specifici del festival come indicati nel sito dell'istituzione sono: approfondire la conoscenza dei temi e dei linguaggi delle cinematografie meno conosciute e mettere in evidenza le potenzialità della creatività artistica dei tre continenti; veicolare un'immagine dell'attualità e della cultura d'Africa, Asia e America Latina, attraverso il punto di vista dei registi locali; proporre un'alternativa concreta alla cultura e all'informazione corrente dei mass media in rapporto al Sud del Mondo; dare un'opportunità ai registi di entrare in contatto con le istituzioni europee di produzione e distribuzione cinematografica; stimolare uno scambio culturale tra gli artisti, il pubblico, i giornalisti e i professionisti del settore degli audiovisivi; favorire relazioni di scambio tra le istituzioni, i festival, gli organismi europei impegnati nella promozione della cinematografia africana; creare un luogo di riflessione annuale sulle nuove tendenze e prospettive del cinema d'Africa, Asia e America Latina; offrire alle comunità straniere in Italia un'opportunità d'incontro con la propria cultura d'origine; sollecitare nelle scuole l'introduzione degli audiovisivi come strumenti didattici per l'educazione all'immagine e per l'approccio interculturale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 21º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2011.
  • 20º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2010.
  • 19º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2009.
  • 18º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2008.
  • 17º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2007.
  • 16º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2006.
  • 15º Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2005.
  • 14 Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2004.
  • 13º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2003.
  • 12º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2002.
  • 11º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2001.
  • 10º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 2000.
  • 9º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1999.
  • 8º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1998.
  • 7º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1997.
  • 6º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1996.
  • 5º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1995.
  • 4º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1994.
  • 3º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1993.
  • 2º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1992, 14-20/03/1992.
  • 1º Festival Cinema Africano, Edizione COE Centro Orientamento Educativo, Milano, 1991, 01-07/02/1991.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]