Lights Out - Terrore nel buio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lights Out - Terrore nel buio
Lights Out - Terrore nel buio - Film 2016.jpg
Teresa Palmer in una scena del film
Titolo originaleLights Out
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2016
Durata81 min
Genereorrore, thriller
RegiaDavid F. Sandberg
SoggettoDavid F. Sandberg (cortometraggio)
SceneggiaturaEric Heisserer
ProduttoreJames Wan, Lloyd Everard, Lawrence Grey, Eric Heisserer, Lawrence Kao, Cyrus Mojibi, Zak Olkewicz, Patrick Wade
Produttore esecutivoRichard Brener, Michael Clear, Ben Everard, Walter Hamada, Steven Mnuchin, Jack L. Murray, Dave Neustadter
Casa di produzioneAtomic Monster, Grey Matter Productions, New Line Cinema
Distribuzione in italianoWarner Bros. Italia
FotografiaMarc Spicer
MontaggioMichel Aller, Kirk M. Morri
MusicheBenjamin Wallfisch
ScenografiaJennifer Spence
CostumiKristin M. Burke
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lights Out - Terrore nel buio (Lights Out) è un film del 2016 diretto da David F. Sandberg. Si tratta di un remake del cortometraggio del 2013 Lights Out, diretto dallo stesso Sandberg. Il film è stato il primo successo del regista ed ha incassato 150 milioni di $ con un budget di 5.000.000. Sandberg ha poi diretto Annabelle 2: Creation con cui si è definitivamente consacrato ad Hollywood.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un magazzino tessile, la lavoratrice Esther vede una sagoma di una figura femminile quando spegne le luci, ma una volta accese, non vede nulla. Mette in guardia il proprietario Paul sull'apparizione, che la ignora, e se ne va. Paul viene quindi inseguito e ucciso dalla misteriosa figura.

La figliastra di Paul, Rebecca, vive lontano da sua madre Sophie e dal fratellastro Martin. Sophie soffre di una malattia mentale e di una depressione che è riemersa, parlando con un amico immaginario. Una notte, Martin vede Sophie parlare con una figura ed è inorridito; Corre nella sua camera da letto e sente grattarsi alla sua porta e la maniglia della porta viene girata. Martin viene inviato all'infermiera della scuola dopo essersi addormentato in classe diverse volte. L'infermiera cerca di chiamare sua madre ma lei non risponde. Rebecca e il suo fidanzato Bret arrivano a scuola per andare a prendere Martin. Portano Martin a casa sua, e Rebecca e sua madre parlano della mancanza di sonno di Martin. Mentre sta facendo le valigie nella sua camera da letto, sente uno strano rumore nella stanza accanto alla sua. Improvvisamente una figura oscura appare dietro la porta e sbatte la porta. Rebecca porta Martin nel suo appartamento per proteggerlo, contro i desideri della madre. Quella notte, Rebecca si sveglia per vedere la figura, evitando a malapena il suo attacco grazie al neon che lampeggia nella sua finestra. La mattina dopo, Rebecca trova "Diana" scarabocchiata sul pavimento. Ricorda Diana nella sua stessa infanzia, la ragione per cui se ne andò quando suo padre, il primo marito di Sophie, apparentemente li abbandonò. Rebecca irrompe nella casa di sua madre e trova fascicoli su Sophie e Diana, apprendendo che Diana era una paziente in un ospedale psichiatrico essendo affetta da Xeroderma pigmentoso , una grave condizione della pelle che le impediva di essere esposta a qualsiasi luce. Durante il suo tempo lì, fa amicizia con Sophie, che era lì per il trattamento per la sua depressione. Fanno una foto insieme fuori, dove è coperta nell'ombra da un ombrello. I medici hanno iniziato a fare esperimenti su Diana, ma alla fine l'hanno uccisa esponendola a una luce intensa (2000 watt) riducendo il suo corpo in cenere. Diana si trasformò quindi in una creatura demoniaca e malvagia che può agire solo nell'oscurità, agganciandosi a Sophie.

Sophie ha una serata cinematografica con Martin, con l'intenzione di presentarlo a Diana. Lei gli racconta una storia su Diana, una sua amica di quando era in un istituto, che soffriva di una patologia insolita che rendeva la sua pelle fotosensibile. Martin vede Diana accucciata sopra e accende la luce, fuggendo da Rebecca prima che Diana possa attaccarlo. Vedono Diana di nuovo a casa di Rebecca, dove tenta di attaccare Martin ma Rebecca lo salva.

Rebecca confronta Sophie con Diana ma nega le accuse. Rebecca, Bret e Martin decidono di fermarsi una notte per proteggere Sophie. Rebecca va alla sua porta della camera da letto per riconciliarsi; tuttavia, Sophie le passa segretamente una nota che dice "Ho bisogno di aiuto" prima che Diana la tiri indietro. Rebecca si rende conto che è sotto controllo e accende tutte le luci della casa per tenere Diana lontana.

Conoscendo le loro intenzioni, Diana attira Rebecca e Martin nel seminterrato mettendo in cortocircuito il generatore di corrente. Bret viene attaccato ma fugge e contatta la polizia. Rebecca si rende conto che usare una luce al neon può permettere loro di vedere Diana e scoprire scritte scarabocchiate lungo il muro che spiegano come Diana non permetterà a nessuno di "prendere" Sophie e che ha ucciso il padre di Rebecca.

Un paio di poliziotti arrivano e liberano Rebecca e Martin ma vengono uccisi da Diana. Rebecca manda fuori Martin con Bret e torna a salvare Sophie. Diana attacca Rebecca violentemente, ma Sophie la affronta con una pistola. Rendendosi conto che lei è la corda di Diana per il mondo, Sophie si suicida con la pistola. L'ingenua Diana, che con la sua trasformazione dipendeva da Sophie, viene distrutta e muore. Sconvolti, Rebecca, Martin e Bret si riconciliano e giurano di restare insieme.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di 5 milioni di dollari.[1] James Wan ha prodotto il film mediante la sua Atomic Monster, insieme a Lawrence Grey e lo sceneggiatore Eric Heisserer.[2] Il 16 giugno 2015, Gabriel Bateman è entrato nel cast.[3] Il 27 dello stesso mese, Teresa Palmer ha accettato il ruolo da protagonista.[2] Nel film appare in un piccolo ruolo Lotta Losten, protagonista del cortometraggio originale.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono cominciate il 29 giugno 2015[4][5] e sono terminate il 5 agosto dello stesso anno.[6]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata presentata in anteprima mondiale al Los Angeles Film Festival il giorno 8 giugno 2016.[7]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Alcune date di uscita internazionali nel corso del 2016 sono state:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rebecca Murray, 'Lights Out': Lawrence Grey Interview on the Horror Film, 18 aprile 2016. URL consultato il 22 aprile 2016.
  2. ^ a b (EN) Anita Busch, Teresa Palmer To Star In James Wan’s ‘Lights Out’ For Atomic Monster, New Line, su deadline.com, 27 giugno 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  3. ^ (EN) Dave McNary, Gabriel Bateman to Star in James Wan’s ‘Lights Out’, in Variety, 17 giugno 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  4. ^ (EN) On the Set for 6/29/15: Justin Lin Rolls Cameras on ‘Star Trek Beyond’, Emilia Clarke Wraps ‘Me Before You’, 9 giugno 2015. URL consultato il 2 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2015).
  5. ^ (EN) Teresa Palmer Joins LIGHTS OUT with James Wan, 29 giugno 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  6. ^ (EN) James Wan on Instagram, su Instagram, 5 agosto 2015. URL consultato il 5 agosto 2015.
  7. ^ (EN) Jeff Sneider, Idris Elba's 'Hundred Streets,' 'Lights Out' to Debut at LA Film Festival, 19 aprile 2016. URL consultato il 22 aprile 2016.
  8. ^ (EN) Lights Out Release Date, releasedateportal.com. URL consultato il 7 agosto 2016.
  9. ^ Lights Out - Terrore nel buio, su Cinedatabase, Rivista del cinematografo. URL consultato il 7 agosto 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema