Lexy Ortega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lexy Ortega a Dresda 2008.

Lexy Ortega (Camaguey, 8 marzo 1960) è uno scacchista cubano naturalizzato italiano, Grande maestro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù praticò il judo a livello agonistico fino al 1974, quando dopo un incidente che gli causò la rottura di un piede, decise così di dedicarsi completamente agli scacchi.

Nel 1978 vinse il campionato juniores (under-18) di Cuba e nel 1986 fece da secondo al connazionale Walter Arencibia, che vinse in quell'anno il Campionato del mondo juniores (under-20). È stato allenatore della nazionale di scacchi messicana.

Nei primi anni '90 si è trasferito in Italia, prendendone dopo alcuni anni la cittadinanza. Nel 2000 ha ottenuto il titolo di Grande maestro e nel 2008 è stato capitano della squadra femminile italiana alle Olimpiadi di Dresda. Nel 2009 vince a Sarre il 69º Campionato italiano di scacchi, superando agli spareggi rapidi Michele Godena.

È sposato e ha due figli.

Ha raggiunto il proprio record di punti elo nel luglio 2001 con 2498 punti .[1]

È stato Commissario Tecnico della nazionale italiana femminile di scacchi fino al 30 giugno 2017.

Principali risultati individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]