Leonardo Lucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Leonardo Lucchi (Cesena, 9 dicembre 1952) è uno scultore e orafo italiano.

Il monumento dedicato a don Cesare Carlo Baronio, opera dell'artista

Studia all'Istituto d'Arte per la Ceramica di Faenza e si diploma nel 1970. Agli inizia della sua carriera artistica partecipa a diverse esposizioni collettive e allestisce le sue prime mostre personali.

Nel 1989 è invitato a realizzare un grande ''Cristo risorto e una Via Crucis per la Catholic Church of the Holy Trinity di Singapore; mentre per la Repubblica di San Marino crea due monete d'oro a corso legale, per commemorare il bicentenario della Rivoluzione francese.

Per la sua città, Cesena, realizza gruppi bronzei quali monumenti a Don Cesare Carlo Baronio, a San Pio da Pietrelcina, a Madre Teresa di Calcutta e il San Giovani Battista presso il Duomo della città.

Nel 1991 è invitato dall'Accademia Italiana delle Arti Applicate di Londra, esponendo una trentina delle sue opere. Nello stesso anno a Cesena inaugura con una sua mostra i rinnovati spazi espositivi ricavato in un ex-pescheria. Nel giugno del 2002 inaugura il suo nuovo studio nel centro della città, in Piazza del Popolo, ad ottobre espone a Parigi nella Galerie Sibony.

Nel 2003 realizza il Monumento ai Caduti della seconda guerra mondiale collocato presso il Cimitero di Terni, nel 2004 espone nuovamente a Parigi e nel 2005 in varie città svizzere.

Del 2007 è il Monumento alle madri e vedove dei caduti e dispersi in guerra, in bronzo, nel parco urbano Franco Agosto di Forlì, inaugurato il 20 ottobre di quell'anno [1].

Nella sua carriera ha esposto in diverse città italiane, quali Modena, Roma, Venezia, Firenze, Ferrara, Milano, Bologna, Palermo, Bari; ed estere: Londra, Parigi, Basilea, Gent. Sue opere sono in esposizione permanente presso gallerie in Italia, Francia e Gran Bretagna.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56560409 · ISNI (EN0000 0000 4957 3484 · LCCN (ENnr2004016690 · WorldCat Identities (ENnr2004-016690