Lekeitio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lekeitio
comune
Lekeitio – Stemma Lekeitio – Bandiera
Lekeitio – Veduta
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaFlag of the Basque Country.svg Paesi Baschi
ProvinciaBizkaikobanderea.svg Biscaglia
Territorio
Coordinate43°21′43.92″N 2°29′45.96″W / 43.3622°N 2.4961°W43.3622; -2.4961 (Lekeitio)
Altitudinem s.l.m.
Superficie1,90 km²
Abitanti7 258 (2018)
Densità3 820 ab./km²
Comuni confinantiIspaster, Mendexa
Altre informazioni
Cod. postale48280
Fuso orarioUTC+1
Codice INE48057
TargaBI
Nome abitantiLekeitiarra, Lequeitiano/a,
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Lekeitio
Lekeitio
Sito istituzionale

Lekeitio (in spagnolo castigliano Lequeitio) è un comune spagnolo di 7.490 abitanti[1] situato nella Biscaglia, provincia della comunità autonoma dei Paesi Baschi.

Il centro è conosciuto per il caratteristico porto, la sua cultura basca e le sue due spiagge divise da un tombolo roccioso denso di vegetazione.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il porto di Lekeitio nel 1945

L'economia del villaggio di Lekeitio è sempre stata legata al mare. La pesca è stata la sua base e il suo motore. A un certo momento storico, anche il trasporto marittimo rappresentava un ingresso rilevante. Un buon numero di industrie ausiliarie e conserviere sono sorte intorno alla pesca e al mare.

La scarsa estensione della municipalità impedisce altre attività di questo settore, sebbene esista un piccolo villaggio che pratica l'agricoltura di autoconsumo.

Il settore dei servizi basato sul turismo e l'ospitalità è il settore maggiormente in espansione, venendo a essere il nuovo motore economico.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Qui vi soggiornarono dal 1922 al 1929, grazie all'aiuto dei pescatori locali, che metteranno a disposizione una casa e raccoglieranno una colletta per la sua sistemazione, Zita di Borbone-Parma vedova dell'imperatore d'Austria-Ungheria Carlo I d'Asburgo-Lorena, e i loro figli, tra cui l'ultimo arciduca ereditario Otto d'Asburgo-Lorena, in seguito al loro esilio forzato conseguente agli eventi della prima guerra mondiale.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati INE 2006
  2. ^ Des Cars, Jean., La storia degli Asburgo, Leg, 2018, ISBN 978-88-6102-468-7, OCLC 1073026420. URL consultato il 7 marzo 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137355915 · LCCN (ENn93103317 · GND (DE5080117-X