Coordinate: 44°07′33.91″N 11°02′24.13″E

Lago di Suviana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Lago di Suviana
Il lago di Suviana visto da nord
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione  Emilia-Romagna
Provincia  Bologna
Comune Castel di Casio
Camugnano
Coordinate44°07′33.91″N 11°02′24.13″E
Altitudine470 m s.l.m. e 465 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie1,5 km²
Lunghezza3,0 km
Larghezzamax 1,2 km
Volume0,0457 km³
Idrografia
Immissari principalitorrente Limentra orientale
Emissari principalitorrente Limentra orientale
Mappa di localizzazione: Italia
Lago di Suviana
Lago di Suviana

Il lago di Suviana è un bacino artificiale situato nella Valle del Limentra, nell'Appennino bolognese, presso la località di Suviana. Con una superficie di 1,5 km² e una lunghezza di 3 km è il lago più esteso della città metropolitana di Bologna e uno dei maggiori della regione Emilia-Romagna.[1]

All’inizio degli anni Venti l’amministrazione delle Ferrovie dello Stato decise di dar corso alla realizzazione degli impianti idroelettrici dell’alto Reno e Limentra.

Nel 1928, allo scopo di alimentare una centrale idroelettrica, affinché fornisse energia alla nuova linea ferroviaria Bologna-Firenze, detta la Direttissima, iniziò la costruzione di una diga nei pressi di Suviana, che allora era solamente un piccolo borgo.

La formazione del lago iniziò al termine dei lavori della realizzazione dello sbarramento, che costò la vita a tredici operai. La data in numeri romani, tuttora apposta sul fronte della diga, riporta l'anno 1932.[2]

Il 9 settembre 1933, il luogo fu visitato dal re Vittorio Emanuele III.[3]

Durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1944 la diga fu colpita per fortuna in modo non grave da bombardamenti degli alleati, mentre nel settembre dello stesso anno, prima di ritirarsi, le truppe tedesche collocarono gli esplosivi sulle turbine della centrale elettrica di Suviana, che bruciò per alcuni giorni.[4]

Nel dopoguerra, lungo la costa, si formarono le prime attrazioni turistiche e nel 1995 l'area è stata inserita nel Parco regionale dei laghi Suviana e Brasimone.

Geologia e idrologia

[modifica | modifica wikitesto]

Il bacino è alimentato principalmente dal torrente Limentra orientale (o Limentra inferiore). Le due sponde bagnano il comune di Camugnano, a est, e il comune di Castel di Casio a ovest. Sul lago si affacciano i paesini di Suviana, Baigno, Badi, Bargi e Stagno.

La zona di Suviana ha un clima mediterraneo. Le estati sono calde e secche e in inverno la temperatura è fredda. La temperatura media annuale in Suviana è di 17° gradi e in un anno cadono 546 mm di pioggia. Il clima è asciutto per 173 giorni l'anno, con un'umidità media dell'77% e un indice UV di 4. Il mese più caldo è Luglio con una temperatura media di 28°C, mentre il più freddo è Gennaio con 7°C.[5]

Lo stesso argomento in dettaglio: Parco regionale dei laghi Suviana e Brasimone.

Il territorio che circonda il lago di Suviana è ricoperto prevalentemente da boschi di pino, nonché di rovere, frassino, castagno e abete rosso e grazie all'istituzione del parco, vivono protette varie specie di cervi, caprioli, cinghiali e daini. Sono presenti anche specie aviarie come il picchio rosso maggiore e il picchio verde.

Sfruttamento energetico

[modifica | modifica wikitesto]

Centrale idroelettrica di Suviana

[modifica | modifica wikitesto]

La centrale idroelettrica di Suviana costruita negli anni 30, in concomitanza con la realizzazione del bacino, è collocata a valle della diga ed è tuttora attiva. Possiede una potenza efficiente lorda di 26 760 kW,[6] sfruttando le acque del bacino di Suviana e quelle del bacino di Pavana, cui il lago è collegato attraverso una galleria idraulica lunga 2691 m.

Centrale idroelettrica di Bargi

[modifica | modifica wikitesto]
Lo stesso argomento in dettaglio: Centrale idroelettrica di Bargi.

La centrale idroelettrica di Bargi, costruita nel 1975 sulla sponda sudorientale del lago, è gestita da Enel Green Power. Essa contiene due gruppi turbina-generatore da 165 000 kW caduna, una di produzione Riva Calzoni e una della De Pretto-Escher Wyss, che la rendono in grado di erogare fino a 330 000 kW complessivi di potenza elettrica nella rete nazionale.

Nel pomeriggio di martedì 9 aprile 2024 è stata il luogo di un grave incidente sul lavoro, che ha causato sette morti e cinque feriti.[7]

Caratteristiche della diga

[modifica | modifica wikitesto]

La diga è del tipo a gravità con pianta leggermente arcuata, alta 96 metri sul punto più profondo delle fondazioni e lunga 225 metri, per un volume di 288.000 m3. il paramento di monte è rivestito di calcestruzzo proiettato, mentre a valle non ha rivestimento. Il lago formato raggiunge un volume di 46,7 milioni di m3.[8]

Il lago, che è compreso nel territorio del Parco regionale dei laghi Suviana e Brasimone, viene utilizzato non soltanto per la produzione di energia idroelettrica ma anche per attività balneari. È possibile svolgere numerose attività sportive: pesca,[9] barca a vela, surf, canottaggio ed è attrezzato con vari punti di ristoro e con strutture balneari che lo rendono un luogo di villeggiatura nella stagione estiva.

Luoghi di interesse

[modifica | modifica wikitesto]
  • Il centro visite Museo del Bosco, creato dal recupero di vecchi edifici rurali inseriti nel castagneto secolare di Poranceto, a Camugnano.
  • Laboratorio delle Acque, posizionato nei pressi della diga.
  • Sala della Terra di Castiglione dei Pepoli (a cura dell'Associazione Terra Nostra): conformazioni fossili e geologiche.
  • Chiesa dei Santi Giusto e Clemente.
  • Chiesa di San Michele Arcangelo.
  • Ponte sulla condotta.
  • Parco avventura Saltapicchio.

Nei dintorni, il parco offre diverse opportunità di escursionismo. Ben 130 km di stradelle forestali e sentieri sempre segnalati rendono percorribile, anche in mountain-bike, tutta l’area, indipendentemente dal grado di allenamento.[10]

Dal 2021 il lago è sede di una delle tappe di Coppa Italia di fondo in acque libere del nuoto pinnato.[11]

Per raggiungere il lago da Bologna, bisogna seguire le indicazioni per Porretta terme, proseguendo superata quest’ultima località in direzione Pistoia sulla SS Porrettana svoltare a sinistra in località Ponte della Venturina seguendo la SP51 e la SP40.[12]

  1. ^ (EN) Lago di Suviana, su www.bolognawelcome.com. URL consultato il 12 aprile 2024.
  2. ^ LE DIGHE SUVIANA, su ProgettoDighe, settembre 2021. URL consultato il 9 aprile 2024 (archiviato il 22 marzo 2023).
  3. ^ Sergio Dotto, Diga di Suviana (Castel di Casio, BO), su Terni Archeologia Industriale, 9 gennaio 2021. URL consultato il 12 aprile 2024.
  4. ^ Sergio Dotto, Diga di Suviana (Castel di Casio, BO), su Terni Archeologia Industriale, 9 gennaio 2021. URL consultato il 12 aprile 2024.
  5. ^ Suviana clima ☀️ Periodo migliore per visitare 🌡️ Temperatura, su meteomondo.it. URL consultato il 12 aprile 2024.
  6. ^ Esplosione al bacino di Suviana, come funziona la centrale di Bargi, su il Resto del Carlino, 9 aprile 2024. URL consultato il 9 aprile 2024 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2024).
  7. ^ Esplosione Suviana (Bologna), cos'è e come funziona la centrale idroelettrica di Bargi, su www.tgcom24.mediaset.it, Mediaset, 10 aprile 2024. URL consultato il 13 aprile 2024 (archiviato l'11 aprile 2024).
  8. ^ Suviana | Le dighe | ProgettoDighe, su progettodighe.it. URL consultato il 12 aprile 2024.
  9. ^ Appennino bolognese: il giro del lago di Suviana, su Wikiloc. URL consultato il 9 aprile 2024 (archiviato il 9 aprile 2024).
  10. ^ Parco Regionale dei laghi Suviana e Brasimone | Alto Reno Terme, su discoveraltorenoterme.it, 17 marzo 2021. URL consultato il 12 aprile 2024.
  11. ^ Nuoto pinnato. Cinque medaglie e piazzamenti di prestigio per il Cus Bologna, su magazine.unibo.it. URL consultato il 12 aprile 2024.
  12. ^ Suviana | Le dighe | ProgettoDighe, su progettodighe.it. URL consultato il 12 aprile 2024.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]
  Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia