Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

KinKi Kids

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
KinKi Kids
Paese d'origine Giappone Giappone
Genere J-pop
Periodo di attività 1991 – in attività
Etichetta Johnny's Entertainment
Album pubblicati 15
Studio 11
Raccolte 3
Sito web

I KinKi Kids (キンキキッズ KinKi Kizzu?) sono un duo giapponese di musica J-pop, composto da Kōichi Dōmoto e Tsuyoshi Dōmoto, che benché dividano lo stesso cognome, non sono in alcun modo parenti.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Kōichi Dōmoto e Tsuyoshi Dōmoto lavorano insieme per la prima volta il 5 maggio 1991, dato che entrambi facevano parte del corpo di ballo del gruppo Hikaru Genji, durante un concerto a Yokohama[2]. In seguito i due iniziano ad apparire insieme in servizi fotografici, utilizzando anche svariati nomi come Johnny's Kansai Group (ジャニーズ関西組 Janīzu Kansai Kumi?), Dōmoto Brothers (堂本ブラザーズ Dōmoto Burazazu?) e W Dōmoto (W堂本?), prima di essere presentati come Kanzai Boya (カンサイボーヤ?) alla fine del 1992 quando diventano i ballerini degli SMAP.[3][4] Durante il primo episodio della trasmissione televisiva degli SMAP Kiss Shita? SMAP (キスした?SMAP?), andata in onda il 4 aprile 1993, il leader degli SMAP Masahiro Nakai, decise che il loro nome sarebbe stato KinKi Kids. Mesi dopo, Kōichi e Tsuyoshi appaiono nel loro primo dorama intitolato Ningen shikkaku (人間・失格?), che ottiene un notevole successo.[3][5] Il 31 dicembre 1994, i KinKi Kids tengono il loro primo concerto al Budokan.[2] Nel 1996, il duo è nuovamente protagonista di un altro dorama intitolato Wakaba no koro (若葉のころ?).

Il duo debutta ufficialmente sul mercato discografico nel 1997 con il singolo Garasu no shōnen (硝子の少年?) e un album A Album, che vendono oltre un milione di copie.[2][6] Anche il secondo singolo Aisareru yori aishitai (愛されるより愛したい?) ottiene gli stessi riscontri positivi, vendendo mezzo milione di copie nella sua prima settimana.[6] Ad agosto i Kinki Kids collaborano alla conduzione della maratona televisiva della rete NTV 24 jikan terebi (24時間テレビ?) ed a ottobre recitano nel loro terzo dorama Bokura no yūki: Miman toshi (ぼくらの勇気?). Nel 1998, i KinKi Kids, insieme ai gruppi V6 e Tokio, formano un supergruppo chiamato J-Friends,[3] che collabora per beneficenza con artisti quali Maurice White, Diane Warren, Elton John, Jon Bon Jovi e Michael Jackson.[7][8][9] I J-Friends pubblicano il singolo Ashita ga kikoeru/Children's Holiday (明日が聴こえる/Children's Holiday?) che diventa uno dei più grandi successi dell'anno in Giappone. Quasi contemporaneamente viene pubblicato anche il secondo album dei KinKi Kids B Album che vende oltre un milione di copie.[10]

Nel 1999 il duo parte per un tour che tocca varie tappe in Asia[11] e pubblica un altro album KinKi Single Selection.[12] Nel 2002 compaiono sul Guinness World Records per essere l'unico gruppo ad aver visto debuttare tutti i singoli pubblicati durante la propria carriera direttamente alla prima posizione[13], battendo quello che era il record della boy band Westlife. Per commemorare il decimo anno di carriera i KinKi Kids hanno pubblicato il greatest hits 39 il 21 luglio 2007, che contiene undici canzoni votate dai fans come loro preferite e quattordici a testa selezionate dai due membri del gruppo, per un totale di trentanove brani.[14] Nello stesso mese il Guniesse World Record conferma il record precedente, che nel frattempo si è allungato da 13 a 25 singoli consecutivi in vetta alla classifica dei più venduti in Giappone.[15][16] Il 22 luglio 2007, il duo festeggia il decennale della propria carriera con un concerto al Tokyo Dome, davanti a circa 67.000 persone. Si tratta del più grande concerto mai tenuto al Tokyo Dome.[17] Inoltre il concerto rappresenta la prima tappa del loro tour estivo.[18][19]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio

Compilation

Altri

  • 2000: KinKi Karaoke Single Selection

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Drama[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994: Ningen Shikkaku (TBS)
  • 1996: Wakaba No Koro (TBS)
  • 1997: Bokura No Yūki: Miman Toshi (NTV)
  • 2003: Mukodono 2003 (Fuji TV: star ospiti, epi 6)

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992: 200X Nen Sho
  • 1994: Shoot!

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1993: Another

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ KinKi Kids Biography, jame-world.com. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  2. ^ a b c (JA) Shōnen Club Premium, NHK, 15 luglio 2007.
  3. ^ a b c Kinki Kids Biography, Artistdirect, Inc.. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  4. ^ Johnny & Associates, Inc., Jame-World. URL consultato il 16 ottobre 2009.
  5. ^ (JA) 人間・失格 たとえばぼくが死んだら(人間失格), TVdrama-DB. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  6. ^ a b (JA) 1997 Million-Seller List, RIAJ. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  7. ^ (JA) Next 100 Years, Johnny's net. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  8. ^ (JA) Love Me All Over, Johnny's net. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  9. ^ (JA) People of the World, Johnny's net. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  10. ^ (JA) 1998 Million-Seller List, RIAJ. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  11. ^ (JA) KinKi Kids 2000 Biography, Johnny's net. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  12. ^ (JA) 2000 Million-Seller List, RIAJ. URL consultato il 17 ottobre 2009.
  13. ^ (JA) キンキ13連続初登場1位をギネスが認定, Nikkan Sports, 3 gennaio 2002. URL consultato il 5 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2002).
  14. ^ YesAsia 39, YesAsia. URL consultato il 15 ottobre 2009.
  15. ^ A Record Weekend for Kinki Kids, Japan Zone, 23 luglio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  16. ^ MoMusu, KinKi Kids set records with new singles, Tokyograph, 30 aprile 2007. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  17. ^ KinKi Kids hold largest Tokyo Dome concert ever, Tokyograph, 22 luglio 2007. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  18. ^ KinKi Kids announce summer concert tour, Tokyograph, 31 maggio 2008. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  19. ^ KinKi Kids return to Tokyo Dome, Tokyograph, 13 ottobre 2009. URL consultato il 28 ottobre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN254203918
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica