Karma Chameleon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karma Chameleon
Culture Club, Karma Chameleon (Peter Sinclair).png
Boy George nel videoclip del brano.
Artista Culture Club
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1983(USA 1984)
Durata 4 min : 12 s
Album di provenienza Colour by Numbers
Genere Synth pop
New wave
Etichetta Virgin records
Produttore Steve Levine
Registrazione Red Bus Studios, 1983
Formati 7", 12"
Note 1.300.000 copie vendute solo in UK;
Certificazioni
Dischi d'oro 2 (1x Francia, Nuova Zelanda)
Dischi di platino 4 (1x Svezia; 3x Canada)
Culture Club - cronologia
Singolo precedente
Church of the Poison Mind
(1983)
Singolo successivo
Victims
(1983)

Karma Chameleon è un brano del gruppo musicale britannico Culture Club. Il pezzo raggiunse la vetta delle classifiche di 16 paesi. Nel Regno Unito il singolo divenne il secondo brano dei Culture Club a raggiungere la prima posizione nella classifica dei singoli, rimanendovi per sei settimane, e diventando il singolo più venduto dell'annata 1983. Negli Stati Uniti, invece, nel 1984, la canzone rimase per quattro settimane alla prima posizione dei Billboard Hot 100, diventando il maggiore successo della band e l'unico singolo con cui riuscirono a raggiungere il numero 1 negli Stati Uniti. La canzone, inclusa nell'album "Colour by Numbers", del 1983, occupa la posizione numero 83 nella Classifica Mondiale Unificata dei singoli più venduti di tutti i tempi.[1]

Karma Chameleon è caratterizzato da una melodia orecchiabile e un testo che, nelle parole del suo autore, è "a dark emotional and sexual undercurrent" (così descritto nel libretto di "Greatest Moments", nel 1998), traducibile con "un flusso emotivo cupo, scuro e una corrente sessuale sotterranea, nascosta". Il verso ripetuto più volte nel corso della canzone, "you come and go, you come and go", allude agli incontri veloci, alle storie dove il sesso vince sull'amore, con l'amarezza che ne segue. Mentre la frase "you string along" ("sai soltanto ingannare"), sottolinea la difficoltà di aver fiducia in una relazione.

Il lato B[modifica | modifica wikitesto]

Karma Chamaleon viene pubblicata, in un'unica versione (quella dell'album, lunga 4'12", senza remix o extended fino al "Rewind Remix", incluso nel "Box" dei Culture Club, uscito nel 2002), in formato 7" e in formato 12", in entrambi i casi su vinile. Sul retro del singolo 12" compare la versione remixata 12" di I'll Tumble 4 Ya, ultimo singolo estratto dal primo album, che nel formato remix riscosse popolarità negli Stati Uniti.

Il lato B del singolo 7" contiene invece il brano That's the Way (I'm Only Trying to Help You), ballad, interpretata insieme alla corista Helen Terry, quinto membro "virtuale" dei Culture Club nell'epoca tra il 1983 e il 1984. Una dicitura accompagna il titolo del lato B: sul retro del 45 giri di Karma Chameleon, sotto il titolo principale, si specifica che il pezzo è stato 'registrato dal vivo, in digitale, senza missaggio'.

That's the Way (I'm Only Trying to Help You) è stato più volte riproposto dal vivo con Helen Terry[2], per esempio nei concerti di Londra all'Hammersmith Odeon e a Sydney, entrambi nel 1984, pubblicati in due DVD. Il brano è stato anche reinterpretato con la nuova corista, Zee Cowling, per esempio in "VH1 Storytellers" (il bonus CD live annesso alla raccolta "Greatest Moments" del 1998), dove la band ha riproposto il pezzo dal vivo dopo quasi quindici anni, e in "Live at the Royal Albert Hall", il concerto per il 20º anniversario del gruppo, svoltosi a Londra nel 2002 e pubblicato in DVD l'anno dopo.

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip di Karma Chameleon è ambientato sul Mississippi nel 1870, come viene indicato nella didascalia iniziale. Ritrae persone che indossano costumi dell'epoca, tra cui dei ballerini vestiti in abiti i cui colori in risalto sono 'rosso, oro e verde' ("red gold and green", come recita il testo della canzone), che aspettano l'arrivo di un traghetto sulle rive di un fiume (nella finzione, il fiume è appunto il Mississippi, ma la scena è in realtà girata sulle rive del Tamigi, a Despra Island, Weybridge).

Boy George è abbigliato in un costume sgargiante, e viene ripreso sulla terraferma mentre canta il brano, fuori campo. Viene inquadrato un ladruncolo che gironzola tra la folla, sfilando portafogli dalle tasche, orologi dai polsi e gioielli dal collo o dalle orecchie delle ignare proprietarie, da lui abilmente distratte con adulazioni e lusinghe. Arriva una tipica imbarcazione fluviale, che su un lato porta il nome «The Chameleon» ('Il Camaleonte'), riprendendo il titolo della canzone, e le persone salgono a bordo.

Durante il viaggio, per passare il tempo, si gioca una partita a carte, con Boy George che continua a cantare sullo sfondo, sempre fuori campo ma a bordo del battello, mentre suona un'armonica a bocca. Intanto, il ladruncolo viene colto in flagrante mentre bara al gioco e, dalla poppa della barca, viene gettato in acqua. Per tutto il video, bianchi e neri vengono ripresi mentre cantano e ballano insieme, uno scenario piuttosto improbabile all'epoca e nel luogo in cui è ambientato il video.

Boy George spiegò che il rosso, l'oro, e il verde citati nella canzone sono i colori della bandiera della Giamaica, una terra che aveva da poco visitato e di cui si era innamorato (il che sembra strano, dato che proprio la bandiera giamaicana non contiene i Colori panafricani). Terence Trent D'Arby, nel brano Wishing Well, del 1988, sembra alludere alla trama del videoclip, quando menziona un "riverboat gambler", che pare descrivere la figura del 'giocatore d'azzardo su di un battello fluviale' ritratta nel videoclip.

Riferimenti nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

  • Una parodia del titolo fu utilizzata come titolo di un capitolo della serie di manga e anime Dragon Ball, "Kame Kame Kame Kame Kame Chameleon", con un gioco di parole sull'attacco Kamehameha.
  • Karma Chameleon è la canzone suonata in Scary Movie 4 sulla parodia dell'iPod (Tripod), all'interno della playlist "Awesome 80s" ('I terrificanti anni Ottanta'), prima che si converta nella macchina da guerra aliena.
  • La canzone Freestyler, successo del 2000 di Bomfunk MC's, menziona il brano.
  • Anche Darkwing Duck fece una parodia del titolo: il titolo dell'episodio "Calm a Chameleon" ('Calma un camaleonte') presenta una chiara assonanza con il titolo del brano.
  • La canzone Mud Football di Jack Johnson contiene il verso "Karma, karma, karma chameleon".
  • Il popolare brano Wishing Well, del 1988 di Terence Trent D'Arby, tra i giochi di parole nel testo, allude a un "riverboat gambler", cioè un 'giocatore d'azzardo su un battello fluviale'. Tra l'altro, il titolo stesso, con l'espressione "wishing well" ('pozzo dei desideri', ma anche 'buon augurio'), e la frase con cui fa rima nel testo, "kiss and tell" (locuzione che indica il 'raccontare in giro le proprie avventure amorose') compaiono entrambi nel testo di Victims (Numero 3 per i Culture Club nel Regno Unito, a natale del 1983, anch'essa contenuta sull'album "Colour by Numbers"), nel cui schema metrico occupano la stessa posizione ('kiss and tell' figura in chiusura del terzo verso, nella prima strofa, mentre 'wishing well' chiude il terzo verso della seconda strofa).
  • Karma Chameleon è stato anche il titolo del terzo episodio della serie TV Wonderfalls.
  • Karma Chameleon è stato utilizzato come titolo per l'episodio 204 di Degrassi: The Next Generation.
  • Il gioco Kingdom of Loathing ha un personaggio chiamato il Comma Chameleon.
  • Il personaggio femminile che risponde al nome di Khameleon, nella serie di videogiochi Mortal Kombat, è un riferimento alla canzone. Se non si supera uno dei livelli, utilizzando un personaggio di nome Nitara, si riceve il seguente messaggio: "Devi imparare per bene il Karma. Fosse dipeso da lei, Khameleon non avrebbe avuto difficoltà ad apprenderlo, se la sua cultura non fosse stata schiacciata da Shao Kahn secoli fa...".

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo UK USA BH100[3] USA AC
[4]
Giappone Canada Germania Norvegia Svezia Svizzera Album
1983
1984
"Karma Chameleon" 1(1) 1(2) 1 1 1 1 1 1 1(3) Colour by Numbers

1. Per 6 settimane consecutive. Permanenza totale nella classifica UK dei primi 100: 21 settimane.

2. Per 3 settimane consecutive. Permanenza totale nella classifica USA dei primi 40: 16 settimane.

3. Per 5 settimane consecutive. Permanenza totale nella classifica svizzera dei primi 20: 14 settimane.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Classifica di fine anno italiana (1983) Posizione
Classifica italiana[5] 1
Classifica dei singoli Posizione
Classifica italiana[6] 1

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 il brano viene reinterpretato in chiave punk rock dalla cover band statunitense Me First and the Gimme Gimmes nell'album Are We Not Men? We Are Diva!.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ United World Chart-All Time Tracks
  2. ^ Boy George with Spencer Bright (1995), Take It Like A Man, London, Sidgwick & Jackson ISBN 978-0-06-017368-5
  3. ^ Billboard Hot 100 USA
  4. ^ Adult Contemporary USA
  5. ^ Hit Parade Italia - Top Annuali Single: 1983
  6. ^ Hit Parade Italia - Top Annuali Single: 1998
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica