Karl Löwith

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Karl Löwith (Karl Loewith) (Monaco di Baviera, 9 gennaio 1897Heidelberg, 26 maggio 1973) è stato un filosofo tedesco di origini ebraiche, allievo di Martin Heidegger.

Nato in una famiglia di origine ebraica, si laureò in filosofia e si diede all'insegnamento ma fu costretto a lasciare la Germania nel 1933 durante il periodo nazista, a causa delle persecuzioni antisemite; si rifugiò in Italia, poi in Giappone fino al 1941 e infine negli Stati Uniti; tornò in patria nel 1952 per insegnare filosofia all'università di Heidelberg, città in cui morì.

La filosofia della storia[modifica | modifica sorgente]

Le sue due opere più famose furono Da Hegel a Nietzsche e Significato e fine della storia; secondo le tesi esposte nel secondo libro i problemi connessi ad ogni visione della storia teleologicamente orientata coinvolgono una sfera d'indagine più ampia rispetto a quella di cui la cultura tradizione si era occupata precedentemente. Inoltre la critica rivolta da Löwith contro l'idea di ricondurre il procedere storico ad un'unità sistematica che ne spieghi il senso ultimo, svolge un ruolo decisivo nell'elaborazione della sua riflessione sulla storia, che si può sintetizzare così: nonostante il logorio di ogni prospettiva fondata sull'indagine filosofica abbia apportato elementi di crisi nell'ambito della conoscenza storica, non è tuttavia da escludere aprioristicamente una "filosofia della storia" (materia di cui, insieme ad Immanuel Kant, viene considerato il fondatore), cioè un'interpretazione delle più importanti gesta umane in chiave filosofica.

L'analisi dell'opera di Nietzsche[modifica | modifica sorgente]

Altro testo fondamentale del filosofo è Nietzsche e l'eterno ritorno (Nietzsche Philosophie der ewigen Wiederkehr des Gleichen) pubblicato per la prima volta nel 1935 e ripubblicato ampliato nel 1955. Il testo è affiancabile alle monografie di Karl Jaspers (Nietzsche. Introduzione alla comprensione del suo filosofare) e di Martin Heidegger (Nietzsche). Il testo pone al centro della filosofia di Nietzsche proprio l'eterno ritorno dell'uguale come è presentato dal filosofo in La gaia scienza e in Così parlò Zarathustra. In III,2,b,4 del testo Löwith giunge ad affermare l'impossibilità di conciliare l'eterno ritorno nei suoi due significati fondamentali: cosmologico e antropologico. La teoria contenuta in questo testo sarà di fondamentale importanza per le analisi future (Maurizio Ferraris, Nietzsche e la filosofia del Novecento; Mazzino Montinari, Che cosa ha detto Nietzsche; per citare due testi distanti per scopo e per vedute).

Opere in italiano[modifica | modifica sorgente]

  • Da Hegel a Nietzsche: la frattura rivoluzionaria nel pensiero del secolo XIX, trad. Giorgio Colli, Einaudi, Torino 1949; 19592
  • La sinistra hegeliana (a cura di), Laterza, Bari 1960; 19662
  • Fede e ricerca, Morcelliana, Brescia 1960
  • Il "discorso della montagna" anticristiano di Nietzsche, in "Archivio di Filosofia", n.3, 1962, pp. 108-120
  • La onto-teo-logica e il problema della totalità del mondo, in "De Homine", n. 2-3, settembre 1962, pp. 20-66
  • Significato e fine della storia: i presupposti teologici della filosofia della storia, trad. di Flora Tedeschi Negri, Edizioni di Comunità, Milano 1963; prefazione di Pietro Rossi, il Saggiatore, Milano 1989; EST, Milano 1998; Net, Milano 2004; il Saggiatore 2010
  • Il concetto filosofico del bene e del male, in "Archivio di Filosofia", 1965, pp. 170-187
  • Dio, uomo e mondo da Cartesio a Nietzsche, Morano, Napoli 1966; 19892; a cura di Orlando Franceschelli, Donzelli, Roma 2000
  • Saggi su Heidegger, trad. di Cesare Cases e Alessandro Mazzone, Einaudi, Torino 1966; SE, Milanp 2006
  • Critica dell'esistenza storica, Morano, Napoli 1967
  • Saggi sulla storia, a cura di Anna Maria Pozzan, Sansoni, Firenze 1971
  • Hegel e il cristianesimo, a cura di Enzo Tota, Laterza, Bari-Roma 1976
  • Nietzsche e l'eterno ritorno, trad. di Simonetta Venuti, Laterza, Bari-Roma 1982
  • La politica come destino, Bulzoni, Roma 1978 (con Salvatore Valitutti)
  • Storia e fede, Laterza, Bari-Roma 1985
  • Paul Valéry. Tratti fondamentali del suo pensiero filosofico, trad. it. dal tedesco di Gianni Carchia dal francese di Barbara Scapolo, edizione a cura di Barbara Scapolo, Ananke, Torino 2012
  • La mia vita in Germania prima e dopo il 1933, prefazione di Reinhart Kosellek, postfazione di Ada Löwith, il Saggiatore, Milano 1988
  • Jacob Burckhardt: l'uomo nel mezzo della storia, trad. di Laura Bazzicalupo, Laterza, Roma-Bari 1991; 20042
  • Dialogo sulla modernità, introduzione di Roberto Esposito, trad. di Alessandro Ferrucci, Donzelli, Roma 1994 (con Leo Strauss)
  • Marx, Weber, Schmitt, prefazione di Ernst Nolte, Laterza, Roma-Bari 1994
  • Scritti sul Giappone, introduzione di Gianni Carchia, Rubbettino, Soveria Mannelli 1995
  • Il nichilismo europeo: considerazioni sugli antefatti spirituali della guerra europea, a cura di Carlo Galli, trad. di Furio Ferraresi, Laterza, Bari-Roma 1999
  • Spinoza: deus sive natura, a cura di Orlando Franceschelli, Donzelli, Roma 1999
  • Ontologia fenomenologica e teologia protestante: due studi, a cura di Ugo Ignazio, ESI, Napoli 2001
  • L'individuo nel ruolo del co-uomo, a cura di Agostino Cera, Guida, Napoli 2007
  • Oltre Itaca. La filosofia come emigrazione. Carteggio (1932-1971), a cura di Manuel Rossini, Carocci, Roma 2012 (con Leo Strauss)

Bibliografia critica[modifica | modifica sorgente]

  • Alberto Caracciolo, Karl Löwith, Società Nazionale di Scienze, Lettere e Arti, Napoli 1974; Morcelliana, Brescia 1997
  • Franco Volpi, Karl Lowith e il nichilismo: a proposito degli Scritti e dell'Autobiografia, in "aut aut", n. 222, novembre-dicembre 1987, pp. 21-37
  • Maria Chiara Pievatolo, Senza scienza né fede. La scepsi storiografica di Karl Löwith, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1991
  • Giuseppe Guida, Filosofia e storia della filosofia in Karl Löwith, Unicopli, Milano 1996
  • Anna Maria Tripodi, Löwith e l'Occidente, Marsilio, Venezia 1997
  • Orlando Franceschelli, Karl Löwith. Le sfide della modernità tra Dio e nulla, Donzelli, Roma 2000; 20082
  • Enrico Donaggio, Una sobria inquietudine. Karl Löwith e la filosofia, Feltrinelli, Milano 2004
  • Manuel Rossini, Karl Löwith: la questione antropologica. Analisi e prospettive sulla Menschenfrage, Armando, Roma 2009
  • Agostino Cera, Io con tu. Karl Löwith e la possibilità di una Mitanthropologie, Guida, Napoli 2010
  • Marco Bruni, La natura oltre la storia. La filosofia di Karl Löwith, Il Prato, Padova 2012

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12311779 LCCN: no2009035597