Bulzoni Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bulzoni)
Jump to navigation Jump to search
Bulzoni editore
StatoItalia Italia
Fondazione1963 a Roma
Fondata daMario Bulzoni
Sede principaleRoma
SettoreEditoria
Sito web

La Bulzoni Editore, meglio nota come Bulzoni, è una casa editrice italiana specializzata nella stampa di testi universitari e di opere riguardanti il teatro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attività editoriale della Bulzoni è iniziata nel 1971. In precedenza Mario Bulzoni, fondatore della casa editrice, gestiva, con l'aiuto della moglie Ivana, una libreria universitaria, nei pressi della città universitaria della Sapienza di Roma; presso la libreria venivano in genere approntate e distribuite delle "dispense universitarie", ossia fascicoli contenenti il testo del corso monografico di un professore universitario.

La casa editrice ha un ricco catalogo di testi universitari, soprattutto di facoltà umanistiche, per un totale di più di 8000 pubblicazioni a marzo 2018.[1] È specializzata inoltre nella pubblicazione di testi di storia e di critica teatrale e cinematografica. La prima grande opera stampata dalla Bulzoni fu, nel 1967, il testo di Marcello e Maurizio Fagiolo dell'Arco Bernini: una introduzione al Gran Teatro del Barocco.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Tra le riviste pubblicate dalla casa editrice:

  • "Rassegna Italiana di Linguistica Applicata", quadrimestrale di linguistica fondato nel 1969 da Renzo Titone e diretto da Gianfranco Porcelli.
  • "Nuovi studi politici", trimestrale diretto da Luigi Ciaurro fino al 2006 quando è stata chiusa. La rivista era stata fondata da Salvatore Valitutti nel 1971.
  • "Biblioteca teatrale", trimestrale di studi e ricerche sullo spettacolo, fondato nel 1971 e diretto da Ferruccio Marotti e Cesare Molinari.
  • "Prospettiva EP", trimestrale fondato da Mario Mencarelli nel 1978 e chiuso nel 2007 (al momento della chiusura il direttore era Sira S. Macchietti).
  • "Letterature d'America", trimestrale fondato nel 1979 da Dario Puccini e ora diretto da Ettore Finazzi Agrò, Vanni Blengino e Cristina Giorcelli.
  • "Cheiron", materiali e strumenti di aggiornamento storiografico, fondata nel 1982 e diretta da Cesare Mozzarelli e Marzio A. Romani.
  • "Ariel", quadrimestrale di drammaturgia dell'Istituto di Studi Pirandelliani, fondato nel 1986 e diretto da Alfredo Barbina. La nuova serie semestrale, lanciata nel 2011 è diretta da Franca Angelini.
  • "Venezia Cinquecento", semestrale di studi di storia dell'arte e della cultura, fondato nel 1991 e diretto da Augusto Gentili.
  • "Studi (e testi) italiani", semestrale di italianistica diretto da Amedeo Quondam, fondato nel 1998.
  • "Il Bibliotecario", quadrimestrale di studi bibliografici giunto nel 2011 alla terza serie, diretto da Alfredo Serrai.
  • "IMAGO", studi di cinema e media, semestrale coordinato da Paolo Bertetto e Giorgio De Vincenti e diretto da Enrico Menduni. In redazione vi sono inoltre Lucilla Albano, Orio Caldiron, Marco Maria Gazzano, Stefania Parigi, Veronica Pravadelli, Valentina Valentini e Vito Zagarrio.
  • "Teatro e Storia", rivista annuale diretta da Mirella Schino (all'origine era pubblicata da Il Mulino). Il comitato di redazione comprende Eugenio Barba, Eugenia Casini-Ropa, Clelia Falletti, Stefano Geraci, Raimondo Guarino, Franco Ruffini, Nicola Savarese e Ferdinando Taviani. Vi hanno fatto parte anche Fabrizio Cruciani (1941-1992), Claudio Meldolesi (1942-2009) e Daniele Seragnoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]