Il ritorno dei morti viventi 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ritorno dei morti viventi 3
Il ritorno dei morti viventi III.jpg
Curt risveglia Julie
Titolo originale Return of the Living Dead III
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1993
Durata 97 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, fantascienza
Regia Brian Yuzna
Soggetto John Penney
Sceneggiatura John Penney
Fotografia Gerry Lively
Montaggio Christopher Roth
Musiche Barry Goldberg
Scenografia Anthony Tremblay
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Il ritorno dei morti viventi 3 (Return of the Living Dead III) è un film del 1993 prodotto e diretto da Brian Yuzna. Questo film differisce notevolmente dai predecessori, abbandonando completamente quella sottile ilarità che aveva contraddistinto i primi due film e assumendo atmosfere più cupe miste ad una trama drammatico-romantica.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Curt è figlio di uno scienziato ufficiale dell'US Army, il Dr. Reynolds. Durante un esperimento effettuato su di un cadavere all'interno di un laboratorio, Curt assiste di nascosto alla rianimazione di quest'ultimo attraverso l'utilizzo di una sostanza Top Secret nota nell'ambito governativo e militare come Trioxina, e vede il cadavere tornato in vita aggredire ed uccidere alcuni degli scienziati.

A causa del tragico esito dell'esperimento il Dr. Reynolds viene declinato dall'incarico e gli viene imposto un nuovo trasferimento. Curt, stufo dei continui trasferimenti di lavoro del padre litiga con quest'ultimo e fugge via di casa insieme alla sua fidanzata Julie intento a recarsi a Seattle dove iniziare una nuova vita. A causa dell'euforia di Julie, Curt perde il controllo della sua moto e nel tentativo di evitare un camion subisce un incidente nel quale Julie muore sul colpo mentre Curt resta ferito.

Il giovane, in preda al dolore e alla disperazione per la morte di Julie decide di sfruttare nuovamente la tessera di accesso del padre per tentare di rianimare attraverso la Trioxina la sua fidanzata deceduta. La ragazza dopo pochi istanti sembra risvegliarsi miracolosamente dalla morte, ma è oramai una creatura defunta che patisce costantemente il dolore e la famelicità dei non-morti. Curt credendo inizialmente che la sua fidanzata sia tornata in vita senza alcun effetto collaterale la condurrà via con sé dal laboratorio. Durante il loro cammino la fidanzata inizierà a manifestare i primi lancinanti malesseri tra cui una fame incontrollabile costringendo Curt a fermarsi in un supermercato notturno nel quale si imbatte in una banda ispanica. Durante una colluttazione Julie inizierà a mietere le sue prime vittime ed in seguito, fuggiti e braccati dalla polizia ignara della realtà dei fatti, saranno soccorsi da un senzatetto che vive presso il canale principale di Los Angeles. Mentre il padre è alla ricerca di Curt, la banda ispanica incontrata precedentemente localizza Curt e Julie aggredendo prima il senzatetto poi Curt ed infine Julie dalla quale il capo della banda verrà ucciso.

Individuato Curt dal padre e paralizzati tutti gli infetti, verranno prelevati dai militari e da questi impiantati dei ceppi per diventare a loro volta cavie per esperimenti. Curt prendendo atto della situazione si ribellerà alle atrocità indotte dagli scienziati a Julie liberandola e presto, nel caos la maggior parte degli zombi fuoriuscirà dai loculi sotto-pressione nei quali erano rinchiusi e vagheranno in cerca di vittime nell'ormai fatiscente struttura, che verrà sigillata nel tentativo di contenere la minaccia. Durante l'ultima fuga con Julie, Curt verrà attaccato da uno zombie e rimasto anch'egli ormai infetto si rende conto che la sola via di fuga è la morte, scegliendo di bruciare tra le fiamme dell'inceneritore al fianco di Julie, mentre gli altri zombi sopraggiungono lentamente.

Film del ciclo[modifica | modifica wikitesto]

Il film capostipite ha avuto quattro sequel, diretti da vari registi; in Italia sono stati distribuiti solo i primi tre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]