Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ichthys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il simbolo che stilizza un pesce è una versione contemporanea di quello usato dai primi cristiani
Una seconda variante del simbolo, con la scritta greca ΙΧΘΥΣ.

Il termine ichthys (nella grafia greca del tempo ΙΧΘΥΣ) è la traslitterazione in caratteri latini della parola in greco antico: ἰχθύς, ichthýs ("pesce"), ed è un acronimo usato dei primi cristiani per indicare Gesù Cristo. Per questo motivo il simbolo del pesce era molto comune nelle catacombe di Roma.[1]

Il simbolo viene oggi spesso stilizzato con due archi che si intersecano tra loro, e che dal lato destro termina con un prolungamento degli archi oltre il punto di intersezione, in modo tale da ricordare la forma di un pesce.
È quindi un pesce stilizzato, formato da due curve che partono da uno stesso punto, a sinistra (la "testa"), e che si incrociano quindi sulla destra (la "coda").

Significato del simbolo[modifica | modifica wikitesto]

ΙΧΘΥΣ (ichthys), oppure anche ΙΧΘΥϹ con la sigma lunata, è un acronimo/acrostico[2] che sta per "ησοῦς Χριστός, Θεοῦ Υἱός, Σωτήρ" (Iēsous Christos, Theou Yios, Sōtēr; koinè [ie̝ˈsus kʰrisˈtos tʰeˈu (h)yˈjos soˈte̝r]), che si traduce in italiano con "Gesù Cristo, (il) Figlio di Dio, (il) Salvatore"

  • Iota (i) è la prima lettera del nome Iēsoûs (Ἰησοῦς), greco per "Gesù".
  • Chi (ch) è la prima lettera di Christós (Χριστός), greco antico per "Unto" (del Signore).
  • Theta (th) è la lettera iniziale di Theoû (Θεοῦ), Greco per "di Dio", caso genitivo del nome Θεóς, Theos", che significa "Dio".
  • Ypsilon (y) è la prima lettera di (h)yiós[3] (Ὑἱός), greco per "Figlio".
  • sigma (s) è la prima lettera di sōtḗr (Σωτήρ), greco per "Salvatore".

La frase dell'acronimo, quasi completa, è pronunciata da Pietro prima di essere nominato primo papa della Chiesa:

«Essendo giunto Gesù nella regione di Cesarèa di Filippo, chiese ai suoi discepoli: «La gente chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». 15 Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa.»

(Mt 16, 113-18)

Le comunità cristiane adottarono questo simbolo probabilmente per rievocare il brano evangelico in cui Gesù si rivolge a Simone dicendogli «μή φοβού ἀπὸ τοῦ νῦν ἀνθρώπους ἔσῃ ζωγρῶν»: Non temere; d'ora in poi sarai pescatore di uomini (Lc 5, 10); come ci rivela Agostino d'Ippona ne La città di Dio, inoltre, il termine greco Ἰχθύς è a sua volta l'acronimo delle parole

(GRC)

«ησοῦς Χριστός Θεoῦ Υιός Σωτήρ (Iesùs CHristòs THeù HYiòs Sotèr)»

(IT)

«Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore»

, composto esattamente da 27 lettere, numero pari a 3 x 3 x 3 e simbolo del divino: Agostino scrisse che gli unici due numeri contabili nella realtà trascendente di Dio e del Paradiso, sono il numero 1 e il numero 3, perché relativi all'Unità e Trinità di Dio.

Un ulteriore episodio evangelico in cui il simbolo era familiare ai cristiani è quello della moltiplicazione dei pani e dei pesci, che in alcune figurazioni si incrocia con quella del banchetto eucaristico dell'Ultima Cena, tramite la sostituzione del pane con il pesce. Questa simbologia è visibile infatti in un affresco all'interno delle catacombe di San Callisto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei primi simboli a forma di pesce, circolari, creato dall'unione delle lettere greche di ΙΧΘΥΣ, ad Efeso.

La simbologia cristiana del tempo della Persecuzione dei cristiani nell'impero romano (I-IV secolo) è molto ricca. A causa della diffidenza di cui erano oggetto da parte delle autorità Imperiali, i seguaci di Gesù sentirono l'esigenza di inventare nuovi sistemi di riconoscimento che sancissero la loro appartenenza alla comunità senza destare sospetti tra i pagani. Risalgono a questo periodo, tra gli altri, i noti simboli del chi-rho e dell'àncora.

In particolare, l'ichthýs è uno dei più antichi simboli cristiani giunti fino a noi. Veniva presumibilmente adoperato come segno di riconoscimento, noto fra i cristiani e non ai loro persecutori romani: quando un cristiano incontrava uno sconosciuto di cui aveva bisogno di conoscere la lealtà, tracciava nella sabbia uno degli archi che compongono l'ichthýs. Se l'altro completava il segno, i due individui si riconoscevano come seguaci di Cristo e sapevano di potersi fidare l'uno dell'altro. Il simbolo era disegnato anche sulle porte di casa delle famiglie cristiane.

Il pesce è stato interpretato dalla psicologia quale archetipo di una profonda verità, che si trova intrappolata e nascosta sotto l'acqua, e riesce a giungere alla luce: una verità che in un primo momento brilla senza essere rivelata, e che il pescatore deve ottenere per sfamare se stesso.

Un'altra interpretazione e uso del simbolo deriva dalle condizioni astrologiche dell'"età dei pesci", poiché la congiunzione Aurea di Giove e Saturno ebbe luogo nell'anno 7 a.C., per tre volte nel segno dei pesci nello zodiaco.

Preghiera al Cuore di Gesù[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Preghiera di Gesù.
Preghiera di Gesù all'interno di un cristogramma di età romana.

In Grecia e nell'est Europa, il simbolo del pesce è inesistente, ma la Preghiera del Cuore, chiamata anche la Preghiera di Gesù, riporta nella sua forma greca l'acrostico Ichthus, richiamato in tutte le sue iniziali e parole[4]: «Signore, Gesù Cristo, figlio di Dio, abbi pietà di me, peccatore» «Gesù, Salvami... Gesù Cristo, abbi pietà, Salva... Gesù, salvami... Gesù, mio Dio»

La Chiesa di Roma, al tempo dei Martiri di Nerone, fu così in grado di adottare il simbolo del pesce fino al IV secolo in queste cinque lettere greche, mentre l'Oriente lo adottò di fatto nella forma di una preghiera celebre e diffusa. Il simbolo Ichthus divenne così il cemento dell'unità delle chiese cristiane.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il Pesce con la scritta Gesù su una automobile, per promuovere l'Evoluzionismo teista. Altri emblemi di questo tipo promuovono o si oppongono all'idea di evoluzione, oppure sono usati nella cultura Cthulhu come parodia della fede religiosa.

L'ichthýs è tornato in uso nei primi anni settanta del XX secolo fra diversi gruppi cristiani, principalmente negli Stati Uniti, e compare nei simboli di diverse comunità cristiane, tra cui per esempio la Chiesa Cristiana Avventista.

In questo contesto, nel 1973 il simbolo modificato fu adottato dall'Acquarius Rock Festival di Nimbin, in Australia. Oggi, può essere visto come una decalcomania o un emblema sul retro delle automobili, oppure su ciondoli e collane come segno che il proprietario appartiene a certe confessioni cristiane. Le versioni di questo simbolo includono un Ichthys con la scritta "Jesus" o "ΙΧΘΥΣ" al centro, oppure semplicemente il profilo Ichthys da solo.[5]
Ichthus Music Festival è una rassegna annuale di musica che si svolge a metà Giugno, a Wilmore, in Kentucky. È il più antico festival di musica cristiana che si tiene negli Stati Uniti .[6].

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito se ne illustrano alcuni esempi in cui il simbolo è accompagnato dalla scritta

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfredo Cattabiani, Calendario, Milano, Rusconi Libri, 1994, p. 115, ISBN 88-18-70080-4.
  2. ^ Christian H. Bull, Liv Ingeborg Lied, John D. Turner, editors, Mystery and Secrecy in the Nag Hammadi Collection and Other Ancient Literature: Ideas and Practices, Leiden, The Netherlands, Koninklijke Brill NV, 2012, p. 327, ISBN 978-90-04-21207-7.
  3. ^ La iniziale "h" è a volte pronunciata, a seconda del dialetto e del periodo, ma nella ortografia del dialetto greco ionico l'aspirazione è indicata solo con uno Spirito aspro, inutilizzabile per formare un acronimo. Nei primi secoli della cristianità l'aspirazione iniziale (segnalata dallo spirito aspro) era probabilmente perduta nella maggior parte dei dialetti greci
  4. ^ Archimandrita Sofronia
  5. ^ Christian symbols: Fish (Ichthus), cross and crucifix, in religioustolerance.org. URL consultato il 22 Aprile 2014.
    «The body of the symbol may be empty, or may contain a name ('Jesus' or 'ICTUS').».
  6. ^ Robison Greg, Christian Rock Festivals, (New York: The Rosen Publishing Co., 2009), p.7
  7. ^ Nathalie Poulou-Papadimitriou, Lampes paléochrétiennes de Samos, in Bulletin de correspondance hellénique, vol. 110, 110-1, 1986, p. 583-610.

.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]