Marciapiedi della metropoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da I marciapiedi della metropoli)
Marciapiedi della metropoli
Marciapiedi della metropoli.png
Vivien Leigh, Charles Laughton e Rex Harrison in una scena del film
Titolo originale St. Martin's Lane
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1938
Durata 85 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1,37:1
Genere commedia
Regia Tim Whelan
Sceneggiatura Clemence Dane
Produttore Erich Pommer, Charles Laughton
Casa di produzione Mayflower Pictures
Distribuzione (Italia) Scalera Film
Fotografia Jules Kruger
Montaggio Hugh Stewart, Robert Hamer
Musiche Arthur Johnston
Scenografia Thomas N. Morahan
Costumi John Armstrong
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Marciapiedi della metropoli (St. Martin's Lane) è un film del 1938 diretto da Tim Whelan. Ha come protagonista Charles Laughton nei panni di un artista di strada che prende sotto la sua ala una talentuosa borseggiatrice, interpretata da Vivien Leigh. Prodotto dalla Mayflower Pictures, il film fu distribuito nel Regno Unito dalla ABFD il 18 ottobre 1938. In Italia è stato trasmesso in televisione col titolo I marciapiedi della metropoli, mentre in inglese è noto anche coi titoli Sidewalks of London, London After Dark e Partners of the Night.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Charles Staggers, un artista di strada che intrattiene i passanti di Piccadilly per poche monete, conosce Liberty detta Libby, una giovane borseggiatrice, quando lei ruba il portasigarette d'oro del cantautore Harley Prentiss. Dopo aver trovato Libby in una casa deserta, Charles la porta con sé e forma un quartetto con i suoi colleghi Arthur Smith e Gentry. Dopo che Charles gli ha restituito il portasigarette, Prentiss gli fa visita per ricompensarlo, e Libby si presenta come un'aspirante attrice. Vedendo la loro esibizione più tardi per strada, Prentiss ingaggia Charles e Libby per esibirsi ad una cena. Dopo aver discusso con Charles circa la stupidità del loro lavoro, Libby va da sola alla cena di Prentiss. Lì un agente teatrale promette di sponsorizzare Libby, e Prentiss la porta a casa e la bacia. Charles, che ha aspettato Libby tutta la notte, chiede una spiegazione, e Libby gli dice di avere una nuova carriera sul palco. Charles, in un impeto di gelosia, le dice di volerla sposare, ma lei rifiuta inorridita.

Umiliato nella sua virilità e nella sua professione, Charles cade nell'alcolismo e abbandona Arthur e Gentry, mentre Libby diventa una star del palco e si fidanza con Prentiss. Le loro strade si incrociano di nuovo dopo l'anteprima del suo spettacolo "Cappelli di paglia nella pioggia". Fuori dalla porta del palco, Libby viene circondata dalla folla che chiede il suo autografo. Charles, ubriaco, spintona la folla per arrivare a lei e resiste alla polizia, così viene arrestato e condannato a quattro mesi di carcere. Dopo aver ottenuto un contratto a Hollywood, Libby chiede a Prentiss di sposarla, ma lui si rifiuta, affermando che non vuole essere scartato in seguito come Charles. Quando quest'ultimo esce di prigione si finge un mendicante cieco, e un giorno viene riconosciuto da Libby. Piena di rimorso per il trattamento che gli ha riservato, Libby si scusa con lui e gli fa fare un provino per una parte nel suo nuovo spettacolo. Charles recita con forza la poesia "Se" di Rudyard Kipling, ma viene scortesemente interrotto da agenti e produttori di Libby e perde il suo drammatico slancio. Preferendo tornare alla sua vecchia vita da artista di strada, Charles chiede a Libby il suo autografo facendola piangere, quindi si riunisce ad Arthur e Gentry.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

  • 18 ottobre 1938 nel Regno Unito
  • 6 settembre 1939 in Francia (Vedettes du pavé)
  • 11 dicembre in Spagna (Callejón sin salida)
  • 15 febbraio 1940 negli Stati Uniti (Sidewalks of London)
  • 3 ottobre in Messico (Las calles de Londres)
  • 15 gennaio 1942 in Italia
  • 16 gennaio in Portogallo (Ilusões perdidas)

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana del film presenta alcuni tagli per motivi di censura, che portano la durata totale a circa 78 minuti.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito in DVD nel Regno Unito il 4 dicembre 2006 dalla Cornerstone Media.[1]

Blu-ray Disc[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in Blu-ray Disc in America del Nord dalla Cohen Film Collection il 19 novembre 2013, nel secondo disco del cofanetto The Vivien Leigh Anniversary Collection che include anche Le tre spie, Elisabetta d'Inghilterra e Patrizia e il dittatore; per l'occasione i quattro film sono stati restaurati in collaborazione con il BFI National Archive.[2]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu accolto in modo principalmente positivo dalla critica. TV Guide assegna al film tre stelle su cinque, affermando che "cattura evocativamente la gioia della vita di Londra, e la regia trasporta la storia in modo piacevole, attenta a disegnare i personaggi".[3] Leonard Maltin gli assegna la stessa valutazione, elogiando i protagonisti e definendolo "intrattenimento top" ma criticando la sequenza finale.[4] Frank Nugent, scrivendo per The New York Times, pur lodando cast e regia trovò che la figura dell'artista di strada fosse difficilmente apprezzabile dal pubblico statunitense.[5]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Dale e Close la serata dello spettacolo

Il film fu adattato da AJ Carothers e gli Sherman Brothers nel musical teatrale Busker Alley, che iniziò un tour negli Stati Uniti l'11 aprile 1995; tuttavia il 1º ottobre, durante una rappresentazione a Tampa, l'attore protagonista Tommy Tune si ruppe un piede e il tour terminò pochi giorni dopo in tale città.[6] Il 13 dicembre 2006 la compagnia dello York Theatre ne rappresentò una nuova versione per una serata benefica presso l'Hunter College, con protagonisti Jim Dale e Glenn Close; l'anno dopo la Jay Record pubblicò un CD con la registrazione dello spettacolo.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ St Martin's Lane [1937] [DVD] [Edizione: Regno Unito], su amazon.it. URL consultato il 9 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Jeffrey Kauffman, St. Martin's Lane Blu-ray, su blu-ray.com, 16 novembre 2013. URL consultato il 9 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Sidewalks Of London - Movie Reviews and Movie Ratings, su tvguide.com, CBS Interactive. URL consultato il 10 giugno 2017.
  4. ^ (EN) St. Martin's Lane (1938), su tcm.com, Turner Classic Movies. URL consultato il 10 giugno 2017.
  5. ^ (EN) Frank Nugent, THE SCREEN; Laughton and Leigh Buss the Buskers in 'Sidewalks of London'--New Films at Criterion and Central, in The New York Times, 15 febbraio 1940. URL consultato il 10 giugno 2017.
  6. ^ (EN) Peter Marks, On Stage, and Off, in The New York Times, 6 ottobre 1995. URL consultato il 10 giugno 2017.
  7. ^ (EN) Busker Alley, su jayrecords.com, Jay Records. URL consultato il 10 giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema