Hemigalus derbyanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Civetta delle palme fasciata
ANI062-00232.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Viverridae
Sottofamiglia Hemigalinae
Genere Hemigalus
Jourdan, 1837
Specie H.derbyanus
Nomenclatura binomiale
Hemigalus derbyanus
Gray, 1837
Areale

Banded Palm Civet area.png

La civetta delle palme fasciata (Hemigalus derbyanus (Gray, 1837) è l'unica specie del genere Hemigalus (Jourdan, 1837), diffusa in Indocina e Indonesia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Carnivoro di medie dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 410 e 620 mm, la lunghezza della coda tra 255 e 383 mm e un peso fino a 3 kg.[3]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio è lungo e stretto con una cresta sagittale poco sviluppata e un processo post-orbitale compresso.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

2 4 1 3 3 1 4 2
2 4 1 3 3 1 4 2
Totale: 40
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo è snello con collo lungo e zampe relativamente corte. Il colore generale varia dal grigio-ocra al bruno rossiccio, più ocraceo nelle parti ventrali. Sono presenti 4-5 bande trasversali scure sul dorso, larghe e separate da spazi chiari più stretti. Sul muso è presente una sottile striscia mediana scura che si estende dal naso fino alla nuca. Su ogni lato di essa è presente una striscia più larga che circonda ogni occhio e termina oltre la base di ogni orecchio. Due strisce scure e larghe, talvolta più o meno interrotte o sostituite da una fila di macchie, si estendono su ogni lato del collo, curvando verso il basso verso i gomiti. Dietro di essi sono inoltre presenti due striature più corte. La coda è marrone scuro con due anelli indistinti più chiari all'attaccatura. Le orecchie sono lunghe, gli occhi sono grandi. Le zampe hanno 5 dita con gli artigli retrattili e molto curvati. La pianta dei piedi è ricoperta di peli. Sono presenti in entrambi i sessi piccole ghiandole odorifere perianali.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie prevalentemente notturna. Si sposta e si nutre principalmente al suolo e riposa nei buchi sul terreno e sugli alberi. È un discreto arrampicatore.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di vermi, insetti e altri piccoli animali, sia vertebrati che invertebrati.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa in Indocina e Indonesia.

Vive nelle foreste pluviali primarie e secondarie, nelle foreste paludose e nelle piantagioni di Acacia fino a 1.200 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 4 sottospecie:

Sebbene uno dei primi esemplari catturati provenisse dalla Birmania settentrionale, nessun altro individuo è stato più osservato in questa regione.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato che la popolazione si è ridotta del 25% negli ultimi 15 anni a causa della perdita del proprio habitat, classifica H.derbyanus come specie prossima alla minaccia (NT).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Ross, J., Brodie, J., Cheyne, S., Chutipong, W., Hedges, L., Hearn, A., Linkie, M., Loken, B., Mathai, J., McCarthy, J., Ngoprasert, D., Tantipisanuh, N., Wilting, A. & Haidir, I.A. 2015, Hemigalus derbyanus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Hemigalus derbyanus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Novak, 1999

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi