Haya Harareet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Haya Harareet nel film Ben-Hur

Haya Harareet, talvolta indicata anche come Haya Hararit (Haifa, 20 settembre 1931), è un'attrice e sceneggiatrice israeliana, conosciuta principalmente per aver interpretato il ruolo di Esther nel film peplum Ben-Hur. Nel 2015 era l'unica interprete ancora vivente fra gli attori di primo piano in questo film.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Al debutto cinematografico è stata segnalata al Festival di Cannes 1955 per la sua interpretazione nel film israeliano Collina 24 non risponde (nell'originale in ebraico Giv'a 24 Eina Ona, Hill 24 Doesn't Answer sul mercato anglosassone).

Haya Harareet al trucco nel 1954

La sua notorietà internazionale è derivata dalla partecipazione al film Ben-Hur, girato accanto a Charlton Heston. La sua carriera, tuttavia, non ha avuto un successivo sviluppo ed è terminata dopo aver girato pochi film fra cui Il complice segreto, di Basil Dearden, girato a fianco di Stewart Granger, e Antinea, l'amante della città sepolta, entrambi del 1961.

Fra le altre sue interpretazioni si segnalano il ruolo della dottoressa Madolyn Bruckner in La pelle che scotta (1962) e la partecipazione, al fianco di Virna Lisi, al film di Francesco Maselli La donna del giorno (1956), distribuito anche con il titolo The Doll that Took the Town.

Harareet - che ha co-sceneggiato Tutte le sere alle nove, film con Dirk Bogarde del 1967 derivato dal romanzo omonimo di Julian Gloag - è stata presentatrice ai Premi Oscar 1960 nella categoria effetti speciali ed è apparsa nei panni di se stessa nel making of del 1993 sul film Ben Hur, Ben-Hur: The Making of an Epic.

Si è ritirata dalle scene nel 1964, soltanto nove anni dopo il debutto, avvenuto nel 1955, È stata sposata al regista cinematografico britannico Jack Clayton, morto nel 1995, e si è stabilita in Inghilterra dove vive, nel Buckinghamshire.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71595219 · ISNI (EN0000 0001 0914 4308 · LCCN (ENno97023381 · GND (DE129722774 · BNF (FRcb14049844j (data)