Haile Mariam Desalegn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hailè Mariàm Desalegn Boshe
Hailemariam Desalegn - Closing Plenary- Africa's Next Chapter - World Economic Forum on Africa 2011.jpg

Primo ministro dell'Etiopia
Durata mandato 20 agosto 2012 –
15 febbraio 2018
Presidente Girma Wolde-Giorgis
Mulatu Teshome
Predecessore Meles Zenawi
Successore (da stabilirsi)

Vice Primo ministro dell'Etiopia
Durata mandato 1º settembre 2010 –
21 settembre 2012
Capo del governo Meles Zenawi
Predecessore Addisu Legese
Successore Demeke Mekonnen
Debretsion Gebremichael
Muktar Kedir

Ministro degli Affari Esteri
Durata mandato 1º settembre 2010 –
21 settembre 2012
Capo del governo Meles Zenawi
Predecessore Seyoum Mesfin
Successore Tedros Adhanom

Presidente del Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope
Durata mandato 16 settembre 2012 –
15 febbraio 2018
Vice Demeke Mekonnen
Predecessore Meles Zenawi

Presidente della Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud
Durata mandato 12 novembre 2001 –
marzo 2006
Predecessore Abate Kisho
Successore Shiferaw Shigute

Presidente dell'Unione Africana
Durata mandato 27 gennaio 2013 –
30 gennaio 2014
Predecessore Yayi Boni
Successore Mohamed Ould Abdel Aziz

Dati generali
Partito politico Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope
Movimento Democratico del Popolo dell'Etiopia del Sud
Università Università di Addis Abeba
Università di Arba Minch
Tampere University of Technology
Azusa Pacific University

Hailè Mariàm Desalegn (Boloso Sore, 19 luglio 1965) è un politico etiope, Primo ministro dell'Etiopia dal 2012 al 2018.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In precedenza già Vice Primo Ministro e Ministro degli Affari Esteri dal 2010 al 2012, è diventato Primo Ministro - dapprima come facente funzioni - a seguito dell'improvvisa morte nell'agosto 2012 di Meles Zenawi, in carica per 20 anni. Fu prima eletto leader del EPRDF, il partito al potere, il 15 settembre 2012. Hailemariam ha proseguito la politica del predecessore di alleato dell'Occidente facendo dell'Etiopia un bastione di stabilità, abitato da oltre 100 milioni di persone[1].

Tuttavia, nel 2016 scoppiano le proteste: l'etnia oromo, la più diffusa, scende in piazza, scatenando la repressione del Governo che provoca oltre 300 morti. Nel febbraio 2018, al riesplodere di tumulti di piazza e rivolte di massa nel Paese, Desalegn si dimette improvvisamente. E' un segnale che l'etnia tigrina al potere esce indebolita. Viene dichiarato lo stato d'emergenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Etiopia, morto il premier Meles Zenawi ucciso da una misteriosa infezione, Repubblica.it, 21 agosto 2012. URL consultato il 21 agosto 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN310665820 · LCCN (ENns2014003824
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie