Guillermo Mordillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guillermo Mordillo Menéndez

Guillermo Mordillo Menéndez, più noto semplicemente come Mordillo (Villa Pueyrredón, 4 agosto 1932Palma di Maiorca, 29 giugno 2019), è stato un fumettista, illustratore e autore di cartoon di animazione argentino.

È stato tra i cartoonist maggiormente pubblicati in numerosi paesi del mondo durante gli anni settanta.[1] I suoi disegni, apparsi su puzzle, diari e poster[2] - sono caratterizzati da colori vivaci e, soprattutto, da uno spiccato senso umoristico. I personaggi delle sue vignette sono perlopiù buffi ometti che non si esprimono a parole ma attraverso la gestualità, in scene sviluppate particolarmente nell'ambito dello sport (con una preferenza per calcio e golf) e della vita di coppia. Altre sue vignette molto conosciute sono quelle con gli animali dal lungo collo, come ad esempio le giraffe, le cui avventure sono state raccolte in diversi volumi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mordillo nel 1974

Nato da una famiglia di emigrati dalla Spagna - suo padre, Marcelo Mordillo Lorenzo, era originario di Guijo de Granadilla, (Cáceres), e sua madre, Oliva Menéndez, era asturiana -, trascorse la sua infanzia a Villa Pueyrredón, Buenos Aires, dove ebbe un precoce interesse per il disegno.

Ancora adolescente Mordillo diede vita assieme ad Enrique Lipszyc (poi divenuto sceneggiatore di fumetti e ideatore della Escuela panamericana de arte) ad un giornalino scolastico. La sua attività di illustratore di libri per l'infanzia iniziò all'età di diciotto anni. Contestualmente a quel periodo egli cominciò ad occuparsi anche di cinema lavorando come pubblicitario e vignettista (attività che lo portò anche a lavorare dal 1955 al 1960 a Lima, in Perù).

Risale al 1960, invece, il suo trasferimento a New York. Nella Grande mela Mordillo lavorò alla Paramount fornendo la sua opera di disegnatore per alcuni cortometraggi animati di personaggi dei fumetti destinati a diventare famosi, come Popeye (Braccio di Ferro[3]) e Little Lulu.[4] Ma tre anni dopo la sua vena artistica intessuta di desiderio di novità lo indusse ad un nuovo trasferimento, stavolta a Parigi, per una collaborazione con il quotidiano Paris Match[3] e con la rivista Lui; mentre realizzava cartoni animati per la televisione francese lavorò anche per il giornale Der Stern e per la televisione tedesca.

Nel 1976 prestò la sua opera collaborando allo show televisivo brasiliano O Planeta dos Homens.

È morto quasi ottantasettenne il 29 giugno 2019 a Palma di Maiorca.[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio con Amparo Camarasa, sposata nel 1969, ebbe due figli: un maschio, Sebastién Jerôme, e una femmina, Cécile Isabelle.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Cuentos de Perrault (1950)
  • Cuentos de Schmid (1950)
  • Los cuatro musicos de Bremen (1950)
  • Los tres chanchitos (1950)
  • Fabulas de Esope (1958)
  • Fabulas de Samaniego (1958)
  • Mordillo (1966)
  • Pirate ship (1970)
  • Crazy cowboy (1972)
  • Giraffe di Mordillo (1973)
  • Crazy crazy (1974)
  • Giraffe di Mordillo 2 (1975)
  • Traumereien (1975)
  • Opus 1 (1976)
  • Opus 2 (1978)
  • La coppia (1979)
  • Tutte le giraffe (1980)
  • Opus 3 (1980)
  • Mordillo football (1981)
  • Opus 4 (1982)
  • In love with Mordillo (1982)
  • Opus 5 (1983)
  • Mordillo lovestory (1985)
  • Mordillo golf (1987)
  • Mordillo safari (1990)
  • Mordillo show (1991)
  • Mordillo amore amore (1994)
  • Mordillo per superuomini (1995)
  • Mordillo per superdonne (1995)
  • Mordillo per innamorati (1995)
  • Mordillo per sposati (1995)
  • Mordillo per sportivi (1995)
  • Mordillo per vacanzieri (1995)
  • Mordillo per cani & padroni (1997)
  • Mordillo per supertifosi (1997)
  • Mordillo per vincenti (1997)
  • Mordillo per noi due (1997)
  • Le foot (1998)
  • Mordillo il libro d'oro (1998)
  • Insieme (2003)

Edizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • The Damp and Daffy Doings of a Daring Pirate Ship, 1971, Harlin Quist Inc., New York, USA
  • The Collected Cartoons of Mordillo, 1971, Crown Publishers, New York, USA
  • Crazy Cowboy, 1972, Harlin Quist Inc., New York, USA
  • Crazy Crazy, 1974, Insel Verlag, Frankfurt/M., Germania
  • Opus I, 1976, Friedrich W.Heye Verlag, Unterhaching, Germania
  • Opus II, 1978 (con prefazione di Marcel Marceau), Friedrich W.Heye Verlag, Unterhaching, Germania
  • Opus III, 1980, Friedrich W.Heye Verlag, Unterhaching, Germania
  • Mordillo Football, 1981 (con prefazione di Pelé), Century Hutchinson, London, Gran Bretagna
  • Mordillo Lovestory, 1985 (con prefazione di Jane Birkin), Editions Glénat, Grenoble, Francia
  • Mordillo Golf, 1987 (con prefazione di Roberto De Vicenzo), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, Italia
  • Mordillo Safari, 1990, Wilhelm Heyne Verlag, Monaco di Baviera, Germania
  • Mordillo Amore Amore, 1994 (con prefazione di Giovanni Mariotti), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, Italia

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mordillissimo (1974, serie a cartoni animati)
  • Sesamstrasse (1975, serie a cartoni animati)
  • Mordillo (1976, serie a cartoni animati)
  • Pirate Ship (1976, film per la tv a cartone animato)
  • Ein Platz an der Sonne (1981, serie a cartoni animati)
  • Liebenswerte Monstren (1985, film per la tv a cartoni animati)
  • The World of Guillermo Mordillo (1985, film per la tv a cartoni animati)
  • Mon amour (1989, cartone animato, solo per l'home video)
  • Olimpiadi (1989, cartone animato, solo per l'home video)
  • Amori e umori in salsa video (1989, cartone animato, solo per l'home video)
  • Paradise found (2001, serie a cartoni animati)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Guillermo Mordillo, su lambiek.net. URL consultato il 17 novembre 2017.
  2. ^ Intervista a Mordillo Archiviato il 13 ottobre 2008 in Internet Archive..
  3. ^ a b c d e f g È morto l’illustratore argentino Mordillo, in La Stampa, 30 giugno 2019.
  4. ^ FFF - Fumetto, Guillermo MORDILLO, su lfb.it. URL consultato il 17 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126404730 · ISNI (EN0000 0000 8713 8600 · SBN CFIV028425 · Europeana agent/base/92150 · LCCN (ENn50004616 · GND (DE118736825 · BNE (ESXX1105921 (data) · BNF (FRcb119167473 (data) · J9U (ENHE987007463543205171 · NDL (ENJA00450478 · WorldCat Identities (ENlccn-n50004616