Guido Leto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guido Leto (a destra)

Guido Leto (Palermo, 18951956) è stato un funzionario di polizia italiano; è noto principalmente per aver guidato dal 1938 al 1945 l'OVRA, la polizia politica fascista. La sua carriera, iniziata nel primo dopoguerra, si snodò durante il Governo Mussolini, il Governo Badoglio I e nella Repubblica Sociale Italiana, per concludersi nel secondo dopoguerra nella polizia della neonata democrazia italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La carriera nel governo fascista[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Giurisprudenza entrò nel servizio pubblico nel 1919 (dal 1922 presso il Ministero dell'interno). A partire dal 1926 iniziò a lavorare con il capo della polizia Francesco Crispo Moncada. Subito dopo l'attentato di Violet Gibson contro Mussolini gli fu affidato l'incarico di raccogliere informazioni a Dublino al fine di escludere che dietro all'evento delittuoso vi fossero dei mandanti internazionali[1]. Rientrato in Italia Leto riferì del proprio convincimento che la Gibson fosse effettivamente una squilibrata ed avesse agito di propria iniziativa[2].

Dopo il fallito attentato di Gino Lucetti, Crispo Moncada fu sostituito dal prefetto di Genova Arturo Bocchini con il quale Leto instaurò un legame professionale molto forte.[3]

Leto entrò a far parte dell'Ufficio speciale movimento sovversivo (istituito nel 1925 e rimasto operativo fino al 1930). Prende parte, assieme a Michelangelo Di Stefano, alle indagini che seguono l'attentato a Vittorio Emanuele III del 1928. Le indagini condussero all'arresto di diversi esponenti del gruppo Giustizia e Libertà. In questo contesto maturò la scelta del suicidio di Umberto Ceva, uno dei coimputati. Nel 1931 si ebbero infine le condanne da parte del Tribunale speciale per la difesa dello Stato di altri esponenti di rilievo di GL, quali Ernesto Rossi e Riccardo Bauer, senza che tuttavia si giungesse a dimostrare la loro responsabilità nell'attentato.

Leto venne nominato vicequestore nel 1932, questore di seconda classe nel 1936 e di prima classe nel 1938. Nel 1935 venne nominato capo della Divisione Affari Generali e Riservati (DAGR).[4] Per la sua conoscenza delle lingue straniere ebbe spesso incarichi all'estero e rapporti con gli omologhi di vari Paesi. Fu inoltre membro dell'Associazione dei capi di polizia degli Usa e della Commissione internazionale di polizia criminale.

La polizia politica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1938 succedette a Michelangelo Di Stefano alla guida della Divisione di Polizia Politica del Ministero dell'Interno su nomina di Bocchini[5][6]. Dopo l'inizio della seconda guerra mondiale, su incarico del capo della polizia, Leto dispose la raccolta informazioni presso i questori dei sentimenti degli italiani nei confronti della guerra[7]. Le relazioni, che sarebbero state rese segrete, avrebbero dovuto essere raccolte con la massima onestà creando un quadro il più fedele possibile dei sentimenti della popolazione[7]. I documenti raccolti, da cui emergeva una vasta opposizione alla guerra furono poi condensati in un'unica relazione da parte dello stesso Leto[7].

Il ruolo nella Repubblica Sociale Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Nei momenti convulsi della caduta del fascismo Leto poté giovarsi della protezione accordata ad un amico di famiglia, Rosario Bentivegna, già compagno di università e amico del figlio Disma. Sebbene fosse infatti in programma la sua uccisione da parte dei GAP romani, Bentivegna si oppose con successo a tale progetto.[8]

Successivamente Leto aderì alla RSI, divenendo capo della polizia. Si trasferì nel marzo del 1944 a Valdagno, recando con sé una parte corposa dell'archivio dell'OVRA che fu ospitato nei locali delle opere sociali del lanificio proprietà del conte Gaetano Marzotto[9][10]. Alla caduta del Fascismo Leto sarebbe stato temporaneamente confermato dalle autorità alleate quale conservatore e responsabile del suddetto archivio[11] (in seguito trasportato a Roma nelle cantine del Viminale[12]). Come riporta Giuseppe De Lutiis, una volta giunto a Roma, l'archivio venne letteralmente saccheggiato per non far figurare nell'elenco dei confidenti i nomi di alcuni personaggi che erano riusciti a rifarsi una verginità democratica.[13] Leto, tornato a Roma nel 1945, fu arrestato e ristretto in carcere a Regina Coeli e sottoposto alla commissione di epurazione. Durante il soggiorno romano a Regina Coeli, il giorno 27 settembre 1945, fu prelevato e portato nell'abitazione di Mario Spallone, medico carcerario e amico di Togliatti, e condotto nella casa degli Spallone sulla via Appia.[14] Ivi fu lungamente interrogato da Palmiro Togliatti per poi essere ricondotto in cella. Analogo trattamento ebbe due giorni dopo. Prelevato dalla cella dal vicecommissario Marcello Guida (ex direttore della colonia penale di Ventotene) venne condotto nell'abitazione di Pietro Nenni, del PSI, presso la quale rimase circa un'ora e mezza.[15] Il 12 aprile del 1946 venne assolto in Corte d'appello relativamente alle imputazioni ascrittegli[16].

Gli ultimi anni e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Reintegrato nel 1948 fu richiamato da Federico Umberto D'Amato con il compito di riattivare i servizi segreti italiani i quali non erano mai stati realmente smantellati alla fine della guerra.[17] Nel 1951 terminerà la sua carriera nella P.S. come Direttore tecnico delle scuole di polizia. Dopo il suo pensionamento dalla polizia, lo stesso conte Marzotto, conosciuto a Valdagno lo nominò direttore della sua catena di alberghi Jolly Hotel. Morì nel 1956. Il regista Marco Leto era suo figlio[18].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ovra: fascismo, antifascismo, Cappelli, Bologna, 1951.
  • Polizia segreta in Italia, Vito Bianco, Roma, 1961
  • Zibaldone di polizia, Mediterranee, Roma, 1974

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guido Leto, p. 26.
  2. ^ Guido Leto, p. 27.
  3. ^ Guido Leto, p. 31.
  4. ^ Tosatti, p. 246
  5. ^ Guido Leto, p. 183.
  6. ^ Antonella Colonna Vilasi, Storia deiServizi segreti italiani - Dall’Unità d’Italia alle sfide del XXI secolo, 1ª ed., Città del Sole Edizioni, 2014. URL consultato il 17 marzo 2015.
  7. ^ a b c Guido Leto, p. 204.
  8. ^ Bentivegna, p. 73 e ss.
  9. ^ Silvio Bertoldi, p. 202.
  10. ^ Guido Leto, Polizia segreta in Italia, Vito Bianco, 1961, p. 182
  11. ^ Giuseppe De Lutiis, I servizi segreti in Italia: dal fascismo alla seconda Repubblica, Editori riuniti, 1998, p. 55
  12. ^ Gabriella Fanello Marcucci, Il primo governo De Gasperi (dicembre 1945-giugno 1946). Sei mesi decisivi per la democrazia in Italia, Rubbettino, 2004, p. 92 nota 44
  13. ^ Giuseppe De Lutiis, I servizi segreti in Italia: dal fascismo alla seconda Repubblica, Editori riuniti, 1998, p. 55
  14. ^ Storia e critica, Edizioni 81-84, Deutsches Historisches Institut in Rom, 1999, p. 66
  15. ^ Simonetta Fiori, Così Togliatti chiese aiuto all'Ovra, La Repubblica, 4 giugno 1999
  16. ^ "Intorno agli archivi e alle istituzioni. Scritti di Claudio Pavone", a cura di Isabella Zanni Rosiello, Ministero Beni Att. Culturali (31 dicembre 2004), p. 468
  17. ^ Personaggi storici | La Libellula
  18. ^ Massimo Caserta, "Il film: La Villeggiatura di Marco Leto", Lettera del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica n. 15-16 - dicembre 2003-aprile 2004, p. 21

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosario Bentivegna, Achtung Banditen!: Roma 1944, Mursia, 1994
  • Giovanna Tosatti, La repressione del dissenso politico tra l'età liberale e il fascismo. L'organizzazione della polizia, Studi Storici, Anno 38, No. 1, Per il centenario di Jacob Burckhardt (gen.-mar., 1997), pp. 217-255
  • Gianni Ferraro, Enciclopedia dello spionaggio nella seconda guerra mondiale, Sandro Teti editore, 2010
  • Italo G. Savella, Arturo Bocchini and the Secret Political Police in Fascist Italy, in The Historian, vol. 60, n. 4, estate 1998, pp. 779–793.
  • Mimmo Franzinelli, I tentacoli dell'OVRA. Agenti, collaboratori e vittime della polizia politica fascista, Bollati e Boringhieri, 1999
  • Silvio Bertoldi, Salò. Vita e morte della Repubblica Sociale Italiana, Rizzoli, 1976.
  • Guido Leto, OVRA fascismo-antifascismo, Bologna, Cappelli Editore, 1951.